•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 13 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Bce: Italia in cima alla classifica della disoccupazione giovanile

Grecia, Spagna e Italia sono in cima alla classifica della disoccupazione giovanile fra 18 i Paesi dell’Eurozona, “su valori compresi fra il 50 e il 60% in Grecia e Spagna e prossimi al 40% in Italia, Portogallo e Cipro”. È quanto rileva la Banca centrale europea nel bollettino mensile e in un rapporto dedicato all’andamento della disoccupazione nell’area euro. “Una disoccupazione giovanile alta e persistente rappresenta oggi una delle principali sfide per i responsabili delle politiche europei — ha scritto l’istituto di Francoforte — alla luce dei cospicui costi che ne derivano sul piano sociale ed economico”. Nonostante le diverse azioni intraprese a livello europeo a sostegno dell’occupazione«è necessario – si legge ancora – che le autorità nazionali prendano misure aggiuntive, intensificando in particolare l’attuazione delle riforme strutturali». Dallo studio emerge, inoltre, che “dall’inizio della crisi la situazione del mercato del lavoro per i giovani lavoratori dell’area dell’euro è peggiorata in maniera più pronunciata nei Paesi soggetti a tensioni di mercato, dove si è registrata un’impennata della disoccupazione e della non partecipazione giovanile”. Per una serie di Paesi, compresa l’Italia “livelli elevati di disoccupazione e di inattività giovanile non costituiscono un fenomeno nuovo, anche se sono stati esacerbati dalla crisi”.




Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. RobertoCantuni ha scritto:

    Stai cercando un
    lavoro o sei insoddisfatto di quello che hai?Scopri come ottenere tutto quello che vuoi! Chi ha un
    minimo di speranza, chi crede in qualcosa di diverso, chi crede che il
    cambiamento sia possibile, può vincere o perdere, chi si arrende e si mette in
    disparte perde solamente!
    Qualcuno ha detto:
    “Se vuoi raggiungere un risultato, cerca qualcuno che l’ha già raggiunto e
    fatti spiegare come ha fatto. Poi fai lo stesso”. Da quihttp://www.lavoroadesso.it
    scarica gratuitamente la risorsa che abbiamo preparato per te!

Lascia un commento