•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 14 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Dimissioni Letta: al via le consultazioni con Renzi, Berlusconi e Monti

napolitano consultazioni

Dimissioni Letta: al via le consultazioni con Renzi, Berlusconi e Monti

Enrico Letta è salito al Colle alle 13 in punto, dopo il Consiglio dei Ministri della mattinata, e ha consegnato il mandato al Presidente Napolitano. L’incontro, previsto inizialmente per le 16, è stato anticipato per permettere di iniziare subito con le consultazioni, inizieranno alle 17, che continueranno, al massimo, fino a domani. Napolitano ha ufficializzato anche che, la crisi politica, non sarà formalizzata dal Parlamento perché le dimissioni di Letta sono “irrevocabili”: le aule di Camera e Senato saranno chiamate direttamente a votare la fiducia al nuovo governo.

Probabilmente il nuovo esecutivo sarà targato Renzi, potrebbe essere pronto già domenica: per il (quasi-ex) sindaco di Firenze “è un momento delicato ma anche uno dei più belli”. Nel frattempo le delegazioni dei partiti si preparano a incontrare il Capo dello Stato: prima si recheranno al Quirinale il Presidente del Senato, Pietro Grasso, e Laura Boldrini, Presidente della Camera. Non incontrerà, sicuramente, Napolitano Il Movimento 5 Stelle, diserterà le consultazioni, forse, anche  la Lega Nord. L’assemblea dei deputati cinque stelle, con 62 voti contrari, ha deciso di non partecipare alle consultazioni: i rapporti con il Capo dello Stato non sono mai stati buoni, dopo la richiesta di messa in stato d’accusa nei confronti di Napolitano, non hanno fatto altro che peggiorare. A chiarire ulteriormente la posizione del M5S ci pensa Grillo che, sul suo blog, scrive: “Napolitano sceglierà Renzie che non è parlamentare, che non si è mai candidato nel ruolo di presidente del Consiglio durante le elezioni, lo farà, come lo ha fatto per Monti e per Letta, ignorando il parlamento, la Costituzione e la volontà degli italiani per la terza volta”.

Maroni ha dichiarato, sulla stessa linea, “queste consultazioni sono inutili e, se fossi il segretario della Lega, non andrei al Quirinale”. Matteo Salvini si è detto d’accordo con Maroni e, rispondendo alla domanda “andrete alle consultazioni?”, durante la trasmissione “Effetto giorno” di Radio24, ha aggiunto “vedremo se, come, quando e per fare cosa, se dobbiamo andarci per farci raccontare cosa ha deciso di fare il PD, l’abbiamo letto sui giornali”. Parteciperà sicuramente alle consultazioni Forza Italia, in testa alla delegazione ci sarà il suo leader Berlusconi, pur estromesso dal Parlamento, che ha annunciato un’opposizione rigorosa ma “tranquilla e costruttiva” all’imminente governo Renzi: l’incontro sarà il primo “faccia a faccia” tra Napolitano e l’ex premier dopo le rivelazioni, riportate da Alan Friedman, sulla nascita del governo Monti.





Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

13 comments
Eugenio Policriti
Eugenio Policriti

ma il signor berlusconi non è interdetto dai publici uffici come mai sta piu' al quirinale che a casa sua? la lege è uguale per tutti ! si ma il giudice ce la alle spalle.

Mario Nardi
Mario Nardi

uno che è stato condannato in via definitiva per frode fiscale, che ha sottratto soldi allo Stato ricevuto in quirinale? Ma dove siamo?

Anna Maria Costa
Anna Maria Costa

Berlusconi... Monti...??? Si io sono ignorante in materia... Molto ignorante!!!!

Gustavo Gesualdo
Gustavo Gesualdo

Vi spiego come ha fatto berlusconi silvio pregiudicato e condannato all'esilio dai pubblici uffici a farsi ricevere dal napoletano del colle per le consultazioni. Allora, ricapitoliamo. Tutti i partiti ed i movimenti politici decidono di aderire alle consultazioni del presidente della repubblica napolitano tranne, inizialmente, il M5S di Beppe Grillo. Dopo poco, anche la Lega Nord decide di non aderire alle consultazioni (posizione prevedibile vista la plateale contestazione che i leghisti hanno riservato al capo dello stato in consiglio europeo). berlusconi fa due calcoli e capisce la volo che, se anche forza italia aderisse alla scelta di non partecipare alle consultazioni, il capo dello stato peggiore della repubblica italiana verrebbe di fatto sfiduciato da metà dell'arco parlamentare e si consulterebbe praticamente solo con il pd e quel che resta di scelta civica. Il passo successivo è semplice : invia a napolitano un pizzino nel quale si afferma che senza la presenza di berlusconi, forza italia non parteciperà alle consultazioni. Et voila, il gioco è fatto: la prima istituzione italiana è stata delegittimata, ricattata e "stupita", tutto in una volta.

Paolo Poio Sabbioni
Paolo Poio Sabbioni

Monti? ma non aveva lasciato (che cmq aveva preso solo 8%). cosa centra monti?

Beppe Roca
Beppe Roca

Ma quali consultazioni......è già stato scritto prima di silurare Letta. Ennesimo teatrino....

Vanni Sa
Vanni Sa

Vengono commentate da cittadini amanti della giustizia.

Michele Molinaro
Michele Molinaro

Come si fa a fare le consultazioni con un condannato? Qualcuno di questi papaveri ci può dare spiegazioni. E ancora non si dovrebbe essere eletti per governare un paese? Non mi risulta che Renzi e Monti siano stati scelti e votati dai cittadini.

Francesco Guasconi
Francesco Guasconi

Mi chiedo sempre se queste notizie vengano commentate su FB anche da Brunik :D

Rainaldo Rey Feroldi
Rainaldo Rey Feroldi

piantatel di prenderci per i fondelli..che cavolo servono le consultazioni ...è gia tutto predisposto da re Giorgio ...tocca a renzi !