•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 18 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Serie A: la ventiquattresima giornata

Serie A: la ventiquattresima giornata

La Serie A giunge alla sua ventiquattresima giornata forte della conferma del trio di testa e di una situazione sempre più intricata in zona salvezza. Juve, Roma e Napoli infatti si sbarazzano senza troppi problemi di Chievo, Sampdoria e Sassuolo e confermano di essere le squadre che più di tutte meritano l’accesso alla prossima Champions League.

I bianconeri, dopo la rimonta subita contro l’Hellas, dimostra di aver assimilato al meglio la sfuriata di Antonio Conte e si impone con un perentorio 3-1 sul Chievo Verona.
Il primo tempo, tutto di marca bianconera, si conclude sul 2 a 0 grazie alle reti di Asamoah e Marchisio. Ad inizio ripresa il clamoroso autogol di Cacères sembra resuscitare lo spettro della giornata precedente, ma il colpo di testa del solito Llorente scaccia le paure e permette alla Juve di arrivare a quota 63 punti.

In attesa di recuperare il match con il Parma la Roma continua a rincorrere affannosamente la capolista. Nel match dell’Olimpico, contro una Sampdoria in grande spolvero, Garcia si affida a Mattia Destro al posto di Totti e a Naingoolan per De Rossi. L’assenza dei due pilastri però non ferma la cavalcata giallorossa: la doppietta di Destro e la rete di Pjanic piegano la squadra di Mihajlovic interrompendone la striscia positiva di due vittorie.

A Reggio Emilia il Napoli, forte del successo sul Milan in campionato e della vittoria in semifinale di Coppa Italia contro la Roma, centra la terza gioia in 7 giorni grazie alle reti di Dzemaili e Insigne e si porta a 6 punti di vantaggio dall’inseguitrice Fiorentina.
I Viola infatti, impegnati in casa contro l’Inter, subiscono una pesante sconfitta condita dall’ormai immancabile polemica arbitrale. A decidere l’incontro ci pensa, dopo le reti di Palacio e Cuadrado, un sussulto di Mauro Icardi. La posizione irregolare del giovane attaccante scatena però la rabbia dei toscani, memori di aver già perso una volta la qualificazione in Champions a causa dei torti arbitrali.
Nell’anticipo del venerdì invece il Milan, nonostante 90 minuti per lunghi tratti soporiferi, conquistano i tre punti contro il Bologna grazie ad una magia di Balotelli, che con un missile dai 40 metri regala il successo a Seedorf e compagni.

Balotelli

Balotelli

 

I tentativi di rimonta in classifica dei rossoneri si scontrano con l’incredibile momento di forma che vivono Parma e Torino.
I ducali violano il fortino dell’Atalanta con un perentorio 4 a 0. Le reti di Molinaro, Cassano, Schelotto e l’autogol di Benalouane permettono a Donadoni di festeggiare un incredibile sesto posto in classifica.
Il Torino di Ventura però non ci sta a vedersi sottratto lo scettro di “Cenerentola del campionato” e nel posticipo del lunedì si rende protagonista di un’impresa non da poco: espugnare il campo dell’Hellas Verona. La rete iniziale di Toni sembrava indirizzare la partita in favore dei butei, ma Immobile, Cerci ed El Kaddouri spingono il Toro in settima posizione, a pari punti con gli stessi veronesi.


Roberto Donadoni

Roberto Donadoni

Non meno sorprese accadono in zona salvezza. Mentre Genoa e Udinese, dopo aver dato vita ad uno spettacolare 3 a 3, si accontentano di un punto a testa e si allontanano dalla “zona calda” dei bassifondi, Livorno e Catania centrano due successi fondamentali che cambiano completamente volto alla lotta retrocessione. Grazie alle vittorie su Cagliari e Lazio il Livorno può dirsi momentaneamente fuori dal podio delle retrocesse, mentre il Catania scavalca Sassuolo e Bologna piazzandosi alla terz’ultima posizione.

Questa Serie A, da qualunque posizione la si voglia guardare, ha ancora mille emozioni da regalare al proprio pubblico.

 




Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

Lascia un commento