•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 20 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Fumata nera sul patto di governo ma Renzi resta ottimista “Poche ore e chiudiamo tutto”

Renzi ospite a Ballarò

Conclusa la prima riunione di maggioranza tra i gruppi parlamentari che appoggeranno il nuovo governo guidato da Matteo Renzi. Tuttavia sembra che dalla riunione non si sia uscito con un accordo concreto e fattibile, in particolare per dei paletti e delle perplessità espresse dai gruppi parlamentare del Nuovo Centro Destra. Ma Renzi in serata si mostra ottimista.”Entro poche ore chiudiamo tutto“, riferendosi alla squadra dei ministri del suo governo, che dovrebbe presentare sabato, per poi affrontare l’Aula di Montecitorio e Palazzo Madama per la fiducia.

La maggioranza, che non è cambiata nella staffetta Letta-Renzi, non sembra essere compatta come Renzi vorrebbe. Alla riunione di maggioranza di questa mattina, a cui hanno partecipato le delegazioni dei gruppi parlamentari che appoggiano il governo si è usciti con un mezzo accordo, accordo che desta numerose perplessità soprattutto tra gli uomini di Angelino Alfano. Il nervosismo è palpabile, ed è facilmente rilevabile sia dalle parole di Pino Pisicchio di Centro Democratico, che dice che è “necessario rivedersi”, mentre Lorenzo Dellai, dice che “ci sono ancora cose da chiarire”. Le parole più dure però arrivano da Renato Schifani, presidente di Nuovo Centro Destra, che racconta che gli sono state esposte “le priorità del premier incaricato”. “E’ stata una riunione proficua ma non può essere definitiva”, conclude Schifani.

Durante la riunione le difficoltà sono state evidenziate da Maurizio Sacconi, delegato del Nuovo Centro Destra, che con un tweet descrive una situazione di difficoltà per la stesura del programma di governo. Voci di corridoio raccontano di una riunione dura, in cui a più riprese Nuovo Centro Destra ha battuto i pugni sul tavolo. Il pomo della discordia è diviso in più parti: economia, giustizia e riforme costituzionali. Sul piano della scelta dei ministri NCD ha posto dei veti sui ministeri dell’Economia e della Giustizia. Sul primo Alfano ha detto che non accetterà in nessun modo un ministro che crede di uscire dalla crisi con un aumento della tassazione. “Non appoggeremo un governo – dice Alfano – che crede che lo sviluppo nasca dall’aumento delle tasse”. No netto anche per la patrimoniale, che resta uno dei punti su cui si basa la fiducia e l’appoggio al governo. “La vera priorità di questo momento è la riduzione delle tasse”, conclude Alfano. Come guardasigilli Alfano, pur non designando un nome per il nuovo esecutivo, avvisa Renzi che non vuole assolutamente un “ministro giustizialista”, auspicando al contempo una riforma della giustizia veloce e che renda il sistema giudiziario italiano più efficiente e rapido. Ultimo punto è la questione delle riforme costituzionali. Il leader di NCD ha messo paletti chiari per le attività di riforma costituzionali, cioè quelle di licenziare la legge elettorale solo al termine della riforma generale degli organi costituzionali. La paura di Alfano è che il governo corri verso l’approvazione della riforma della legge elettorale per poi sciogliere le camere e andare ad elezioni, il tutto senza finire l’iter per le riforme costituzionali. Rassicurazioni per NCD arrivano dal braccio destro di Renzi, Graziano Delrio il quale dice che “con NCD troveremo la sintesi per fare insieme le riforme”.

 

Al summit di maggioranza hanno partecipato i nove gruppi parlamentari che appoggeranno il governo: PD, NCD, CD, SC, PI, UDC, PSI, più i gruppi delle minoranze linguistiche in Valle d’Aosta e Trentino. Al vertice, tuttavia, non ha partecipato il premier incaricato, il quale è restato nella sede del PD per stilare il patto di legislazione. Renzi conta di poter finire il lavoro entro sabato per sciogliere la riserva e presentarsi lunedì al Senato per chiedere la fiducia, calendarizzata per le ore 14:00.

Francesco Di Matteo

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. Licia Belli ha scritto:

    Abrogazione art. 18 FAVOREVOLI
    Acquisto caccia F35 FAVOREVOLI
    Spreco per la Tav FAVOREVOLI
    Introduzione dell’IMU FAVOREVOLI
    Destinare il gettito IMU di 4mld a M.P.S. FAVOREVOLI
    Sostituzione dell’IMU con la service Tax FAVOREVOLI
    Guerra In Libia FAVOREVOLI
    Missione in Afganistan FAVOREVOLI
    Missione in Iraq FAVOREVOLI
    Aumento IVA al 21% FAVOREVOLI
    Aumento IVA al 22% FAVOREVOLI
    Aumento IVA dal 4% al 10% per generi alimentari FAVOREVOLI
    Aumento accise sui carburanti FAVOREVOLI
    Aumento Irper ed Irap FAVOREVOLI
    Creazione della Tarsu, tassa sui rifiuti FAVOREVOLI
    Condono di 96,5 mld di euro evasi dalle lobby delle slot machine FAVOREVOLI
    Riforma Fornero FAVOREVOLI
    Voto unanime trattati europei FAVOREVOLI
    Appoggio governi Monti e Letta Berlusconi FAVOREVOLI
    Modifica art. 81 della costituzione FAVOREVOLI
    Svendita patrimonio pubblico commerciale e culturale FAVOREVOLI
    Rielezione NAPOLITANO FAVOREVOLI
    Tagli a sanità e istruzione FAVOREVOLI
    Legge bavaglio alla rete FAVOREVOLI
    Coltivazioni OGM FAVOREVOLI
    Reintroduzione farine animali negli allevamenti FAVOREVOLI
    Costruzione inceneritori FAVOREVOLI
    Restituzione della sovranità monetaria CONTRARI
    Rinegoziazione del sistema monetario CONTRARI
    Nazionalizzazione Bankitalia CONTRARI
    Attuazione della norma europea anti-corruzione CONTRARI
    Taglio stipendi e pensioni dei parlamentari CONTRARI
    Taglio dei privilegi della casta CONTRARIUltime votazioni del PD:
    Abrogazione art. 18 FAVOREVOLI
    Acquisto caccia F35 FAVOREVOLI
    Spreco per la Tav FAVOREVOLI
    Introduzione dell’IMU FAVOREVOLI
    Destinare il gettito IMU di 4mld a M.P.S. FAVOREVOLI
    Sostituzione dell’IMU con la service Tax FAVOREVOLI
    Guerra In Libia FAVOREVOLI
    Missione in Afganistan FAVOREVOLI
    Missione in Iraq FAVOREVOLI
    Aumento IVA al 21% FAVOREVOLI
    Aumento IVA al 22% FAVOREVOLI
    Aumento IVA dal 4% al 10% per generi alimentari FAVOREVOLI
    Aumento accise sui carburanti FAVOREVOLI
    Aumento Irper ed Irap FAVOREVOLI
    Creazione della Tarsu, tassa sui rifiuti FAVOREVOLI
    Condono di 96,5 mld di euro evasi dalle lobby delle slot machine FAVOREVOLI
    Riforma Fornero FAVOREVOLI
    Voto unanime trattati europei FAVOREVOLI
    Appoggio governi Monti e Letta Berlusconi FAVOREVOLI
    Modifica art. 81 della costituzione FAVOREVOLI
    Svendita patrimonio pubblico commerciale e culturale FAVOREVOLI
    Rielezione NAPOLITANO FAVOREVOLI
    Tagli a sanità e istruzione FAVOREVOLI
    Legge bavaglio alla rete FAVOREVOLI
    Coltivazioni OGM FAVOREVOLI
    Reintroduzione farine animali negli allevamenti FAVOREVOLI
    Costruzione inceneritori FAVOREVOLI
    Restituzione della sovranità monetaria CONTRARI
    Rinegoziazione del sistema monetario CONTRARI
    Nazionalizzazione Bankitalia CONTRARI
    Attuazione della norma europea anti-corruzione CONTRARI
    Taglio stipendi e pensioni dei parlamentari CONTRARI
    Taglio dei privilegi della casta CONTRARI
    Taglio stipendi manager pubblici CONTRARI
    Cambiare la legge elettorale (Giachetti) CONTRARI
    Legge sul conflitto d’interessi CONTRARI
    Introduzione reddito di cittadinanza CONTRARI
    Riduzione della pressione fiscale CONTRARI
    Dimissioni Alfano CONTRARI
    Dimissioni Cancellieri CONTRARI
    regalo alle banche 7,5 miliardi con tanto di musica
    Taglio stipendi manager pubblici CONTRARI
    Cambiare la legge elettorale (Giachetti) CONTRARI
    Legge sul conflitto d’interessi CONTRARI
    Introduzione reddito di cittadinanza CONTRARI
    Riduzione della pressione fiscale CONTRARI
    Dimissioni Alfano CONTRARI
    Dimissioni Cancellieri CONTRARI
    regalo alle banche 7,5 miliardi con tanto di musica

  2. Pingback: Il piatto del giorno | “O il governo dura o non ci stiamo” – La Stampa

  3. Michelangelo Romano ha scritto:

    Troppi inciuci troppa falsità di bassa lega. Andremo a sbattere

  4. Guido Zaccaro ha scritto:

    Renzi..si trova di fronte alla realtà “italica”..

Lascia un commento