•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 26 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Gay in Africa: è caccia alle streghe

Uganda

“Scoperti”. Un titolo clamoroso a tutta pagina del giornale ugandese Red Pepper è il primo atto persecutorio contro i Gay in Uganda dove il preisidente Museweni ha fatto entrare in vigore una legge che prevede una pena di 14 anni di carcere per gli omosessuali, nel caso della prima condanna. In caso di recidiva la pena può arrivare addirittura all’ergastolo.

Red pepper così ha fatto uno scoop perché sotto il titolo “Scoperti” ha messo nomi e cognomi (e in alcuni casi anche le foto) di 200 persone definite i principali omosessuali del paese. La lista contiene attivisti gay, una star hip hop, un prete cattolico e diversi altri personaggi, comprese persone comuni. Insomma, la caccia alle streghe adesso è cominciata.

La vicenda, oltre agli aspetti sociologici e anche psicologici, ha, ovviamente, anche dei risvolti politici. Il presidente Museweni, che in un primo tempo aveva dato retta alle pressioni occidentali, alla fine ha preferito sacrificare i gay e gli appoggi internazionali (soprattutto statunitensi e britannici), al consenso interno. A breve ci saranno le elezioni, lui non gode di grande popolarità e con il varo deciso di una legge sentita a livello popolare ha sperato di riconquistarsi consenso e credibilità.

La domanda vera però è la seguente: perché in Africa (l’Uganda non è il solo paese ad avere una legislazione capestro contro i Gay) l’omosessualità è così antipopolare, tanto che presidenti come Museweni non si possono permettere una legislazione più permissiva? Oppure adddirittura di ignorare il problema, come è avvenuto fino ad ora?

La risposta non è diversa a quella che si sarebbe potuto dare in Italia qualche decennio fa quando l’omosessualità era discriminante nella ricerca dei posti di lavoro, nella carriera, anche nelle amicizie.

Quanto più la società è povera, descolarizzata, ignorante tanto più le differenze (anche di genere) sono marcate e sottolineate fino a dover essere formalizzate per legge. Poi in Africa c’è il fatto che da qualche anno è in corso un forte tentativo di islamizzazione a livello generalizzato che colpisce soprattutto la popolazione dei ceti più bassi e popolari.

Insomma ancora una volta un avanzamento della società e del progresso umano è da addebitare alla miseria e alla ignoranza.





Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da: