•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Marò: maggioranza boccia l’emendamento Minzolini

Augusto Minzolini

La maggioranza silura l’emendamento (3102) di Augusto Minzolini sulle missioni estere anti-pirateria. Una postilla che aveva fatto discutere a lungo sull’utilità delle iniziative estere e congiunte.

Stizzito, l’ex direttore del Tg1, dichiara alla stampa come “la decisione di Governo e maggioranza di non accogliere il mio emendamento che chiedeva il ritiro della partecipazione italiana dalle missioni contro la pirateria in caso di condanna dei nostri Marò per terrorismo o omicidio da parte della giustizia indiana, dimostra che il nostro Paese continua in una logica inerziale”. Minzolini continua: “dopo due anni si va avanti con comportamenti più attenti alle logiche degli azzeccagarbugli di New Delhi (condizionati dalle elezioni indiane), che non da un’iniziativa politica decisa e a tutto campo sia nei confronti del governo indiano, sia delle organizzazioni internazionali di cui facciamo parte da cui esigiamo solidarietà”.

Minzolini

Il giornalista e Senatore forzista aveva già ritirato due emendamenti (3100 e 3101), decidendo però di mantenere quello che prevedeva la cessazione delle attività italiane alle operazioni europee nell’iniziativa Atlanta e alla missione Nato contro la pirateria (incentrato specialmente nel Corno d’Africa). A favore dell’emendamento Minzolini avevano votato Lega Nord (pur presentando un incerto Calderoli), Movimento 5 Stelle ed ovviamente Forza Italia.

Il bersaglio dell’attacco è il governo, accusato di “inerzia”. Anche il neo ministro della Difesa, Roberta Pinotti, aveva fatto sapere come “in questo momento è necessario puntare sulla solidarietà internazionale per far riconoscere all’India il suo errore” ed un simile emendamento “potrebbe far venir meno l’appoggio internazionale”, di fatto cassando l’opera minzoliniana. Una lentezza (quella dell’esecutivo, per l’ex direttore del Tg1) che “stride – dice Minzolini – anche con i discorsi e i tempi che il nuovo Premier, Matteo Renzi, si propone. Anche le motivazioni con cui Governo e maggioranza non hanno accolto l’emendamento non stanno in piedi. Dicono: ‘sul piano giuridico è impossibile legiferare non su un dato certo ma su un’eventualità (l’ipotetica condanna dei Marò ). Un discorso che fa a pugni con la logica delle clausole di salvaguardia di cui è costellata la legge di stabilità che prevede l’introduzione automatica di nuove tasse qualora non fossero raggiunti alcuni obiettivi di tagli di spesa”.

Minzolini conclude senza mezzi termini, in linea con i suoi vecchi editoriali: “insomma, uno spreco di parole e di intelligenza per un Parlamento condannato all’immobilismo e all’impotenza. Cominciò a pensare che il tempo di Renzi sia uguale a quello di Letta”.

Daniele Errera

 


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Eugenio Policriti
Eugenio Policriti

l'unico che fa un emendamento buono lo bocciano ma andassero a fare nelle proprie chiappe

Fernando Giannoni
Fernando Giannoni

Oggi siamo, in questa odissea, supportati dall'ONU, dalla NATO e dall'Europa. Se ce ne andiamo non frega più niente a nessuno. Minzolini, dopo aver rovinato il TG1 cosa vuole ancora?

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Sempre politiche..con "la coda in mezzo alle gambe"..ossia timorosi..

GiulioGiliberti
GiulioGiliberti

Giusto rilevare le indecisioni e le tergioversazioni indiane sui capi di imputazione. Però non dimentichiamo che sono morti due pescatori, ovvero due esseri umani. Ora si faccia chiarezza.