•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 3 marzo, 2014

articolo scritto da:

Sorgenia: debiti e pressioni politiche. Le prime grane per il governo

La crisi economica e finanziaria ha inciso in modo fatale sull’economia reale. Anche le società che producono energia elettrica con il gas (industrie termoelettriche) hanno avuto un sensibile contraccolpo. E la crescita delle rinnovabili non ha aiutato, anzi: affossate da crisi e da nuove tecnologie, le società produttrici, specialmente la Sorgenia (che fa a capo alla Cir di Carlo De Benedetti, negli ultimi tempi al centro di polemiche per la vicinanza all’attuale Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi), chiedono aiuto. E questo non sembra tardare ad arrivare.

Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti

E’ il capacity Payment. Una rete di salvataggio che presenta una formula peculiare: se le turbine delle centrale termoelettriche non girano a causa della mancanza della domanda, i proprietari vengono comunque remunerati. La ragione? Potrebbero comunque produrre energia qualora si presentasse la necessità. Una vera e propria tassa di 150 milioni sulla riserva di capacità produttiva. Troppo poco: ne servono 600 secondo Assoelettrica ed Energia concorrente, scrivono in un fascicolo “riservato” inviato al Ministero dello Sviluppo Economico. Di fatto la questione è nata facendo pressioni sul precedente Governo che ha, così, introdotto nella Legge di Stabilità la decisione – subordinata allo Sviluppo Economico – di fissare quanti soldi andranno ed a chi andranno.

Tra tutte è Sorgenia la società che necessita maggiormente degli aiuti: fra tre settimane non ci saranno più liquidi ed il debito arriva già quasi a 2 miliardi di euro. I presiti a metà del decennio scorso sono stati importanti ma dal 2009 in poi la situazione si è modificata radicalmente ed a tutto si è aggiunto l’elevato costo dei contratti di  acquisto del gas a lungo termine.

sorgenia

Il fatto che la proprietà di Sorgenia sia di De Benedetti infiamma la polemica politica. La vicinanza a Renzi (testimoniata da Fabrizio Barca nella confessione – rivolta al falso Vendola de La Zanzara – delle pressioni ricevute dallo stesso patron de La Repubblica) permette al leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, di rilanciare l’attacco al neo inquilino di Palazzo Chigi: “mettete Renzi al posto del burattino Pinocchio e Berlusconi e De Benedetti nei ruoli del Gatto e della Volpe”. Ed anche da altre parti arrivano gli attacchi: Francesco Forte, editorialista de Il Foglio, di Giuliano Ferrara, si domanda: “non è un caso che la nomina di Renzi sia arrivata, con un’accelerata, nel momento delle nomine? Lui, forse, quest’accelerata, non la desiderava neanche ma ora sarà tenuto a renderne il servizio”. Un altro quotidiano di destra, ‘Il Giornale’, di proprietà di Berlusconi, titola “La Repubblica attacca la Guidi per i debiti di De Benedetti”. E via scrive la situazione di Sorgenia. Una circostanza delicatissima che senza gli aiuti statali porterebbe al fallimento, a meno che non vi sia qualcuno che l’acquisti. Ed in questo momento l’unica società dal portafoglio così ricco sembra poter essere solamente l’Eni guidata da Paolo Scaroni.

 

Daniele Errera

 

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Venere781 ha scritto:

    TermometroPol debiti, pressioni politiche e aggiungiamo per precisione altre assurde tasse!

Lascia un commento