•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 6 marzo, 2014

articolo scritto da:

Crisi Ucraina, esordio europeo per Renzi

Dall’Ucraina non arrivano buone notizie: la tensione resta alta sul Mar Nero e la diplomazia sembra impantanata.

Ieri a Sinferopoli si è temuto che Robert Serry, inviato ONU, fosse stato rapito.

In seguito la notizia sarebbe stata ridimensionata: minacciato da uomini armati, avrebbe riparato in un negozio di alimentari, per poi lasciare la capitale della Crimea.

La missione affidatagli da Ban Ki-Moon continuerà da Kiev, visto che nella regione la situazione potrebbe velocemente evolversi e riscaldarsi.

Il Parlamento della Crimea, in queste ore, ha votato e approvato all’unanimità l’adesione della regione alla Federazione Russa: inoltre è stata formalizzata la convocazione del referendum popolare, previsto per il 16 Marzo, che dovrà confermare o meno la decisione.

Ai cittadini della regione, in maggioranza russi e filo-russi, verranno date due possibilità: tornare alla Costituzione del 1992 – che prevede di regolare il rapporto con l’Ucraina in base a specifiche condizioni – o, appunto, aderire alla Federazione Russa.

Nel frattempo a Mosca si pensa a una norma che renda più facile l’acquisizione della nazionalità russa: ci vorranno tre mesi e basterà aver vissuto in Russia o in Unione Sovietica.

Intanto il governo di Kiev prova a riconquistare delle posizioni: a Donetsk, la città dell’ex Presidente Yanukovich, è stato arrestato dai servizi segreti Pavel Gubarev, insieme a 70 suoi sostenitori, che aveva occupato la sede del governo regionale e si era autoproclamato governatore.

Proprio contro Yanukovich, oggi, sono state rese efficaci le prime sanzioni da Bruxelles. L’Unione Europea ha confiscato i beni dell’ex Capo di Stato ucraino e di altre 17  personalità legate all’ex governo di Kiev per 1 anno.

A Bruxelles oggi si riunisce anche un Consiglio Straordinario durante il quale farà il suo esordio come premier Matteo Renzi: la discussione verterà sugli aiuti economici per l’Ucraina da versare nei prossimi due anni e sulle sempre più probabili sanzioni nei confronti della Russia.

renzi vola a bruxelles per vertice ucraina

A Roma, invece, altro importante incontro diplomatico che vedrà protagonisti il Segretario di Stato americano, John Kerry, e il Ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, oltre agli omologhi di Francia, Germania e Spagna: l’occasione prevede una conferenza sulla Libia, presieduta dal Ministro Mogherini, ma sicuramente sarà la questione ucraina a tenere banco.

Guglielmo Sano


Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Michelangelo Turrini ha scritto:

    il servo dei poteri forti a colloquio con la padrona, per ricevere disposizioni e ordini per il governo Renzi/Merkel.

  2. JonathanFabio ha scritto:

    voglio proprio vedere renzi che accetta di pagare milioni al ucraina, e si sobbarca il costo delle sanzioni. sarebbe la fine per l italia

Lascia un commento