•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 11 febbraio, 2012

articolo scritto da:

Un Paese sull’orlo della crisi (di nervi)

Un Paese sull’orlo della crisi (di nervi)

 

“Monti: Posto fisso, che monotonia”
Questa frase, sostanzialmente, è stato il titolo più diffuso tra le testate Italiane per sintetizzare quanto detto dal Presidente del Consiglio Mario Monti pochi giorni fa sugli schermi della trasmissione “Matrix”, in onda su Canale 5.
Una frase che, presa singolarmente, risulta un po’ infelice, viste le difficoltà di molti, soprattutto tra i più giovani, nel trovare un posto di lavoro che abbia un minimo di garanzie, ma vediamo insieme il ragionamento completo, da cui la frase è stata presa, pronunciato dal Premier:

“I giovani devono abituarsi all’idea che non avranno un posto fisso per tutta la vita. Del resto, diciamo la verità, che monotonia un posto fisso per tutta la vita. E’ più bello cambiare e accettare nuove sfide “purché siano in condizioni accettabili”. E questo vuol dire che bisogna tutelare un po’ meno chi oggi è ipertutelato e tutelare un po’ di più chi oggi è quasi schiavo nel mercato del lavoro o proprio non riesce a entrarci”

[ad]Un significato del tutto diverso, soprattutto nella seconda parte dell’affermazione. Se la prima parte, infatti, può sembrare l’affermazione di una persona privilegiata che non conosce la realtà di chi non riesce in alcun modo a trovare un lavoro a condizioni decenti (perchè, ahimè, troppe volte, vista la situazione, molti Italiani sono costretti ad accontentarsi di meno della decenza), la seconda parte rovescia assolutamente questa percezione. “E’ più bello cambiare e accettare nuove sfide”, dice, e qui qualcuno potrebbe pensare “Sì, ma realisticamente non abbiamo questa possibilità, di questi tempi ogni lasciata è persa…”, salvo poi sentire la conclusione della frase: “purchè siano in condizioni accettabili”. Insomma, come dire che ha ben chiaro che, purtroppo, non è semplice realizzare ciò che si proponeva nell’inizio della frase.

crisi

La parte successiva dell’affermazione, però, non lascia dubbi: “E questo vuol dire che bisogna tutelare un po’ meno chi oggi è ipertutelato e tutelare un po’ di più chi oggi è quasi schiavo nel mercato del lavoro o proprio non riesce a entrarci”. Che vuol dire, porre fine a certi privilegi di alcune tipologie lavorative, e dare più garanzie ai precari, agli stagisti e a tutti coloro per cui, oggi, anche i celebri “mille Euro” sono, troppo spesso, un miraggio.
Tuttavia, sono stati in molti, anche in testate di caratura nazionale, a cadere nel tranello di concentrarsi esclusivamente sulla prima parte della frase. Non che sia vietato criticare quella parte dell’affermazione di Monti, per carità, ma occuparsene senza citare la seconda parte può dare un’idea sbagliata di ciò che è stato detto dal Presidente del Consiglio.
Questa vicenda fa dunque riflettere non tanto per l’attacco al Premier, visto che è comprensibile che qualcuno di primo acchitto, magari tra chi sta cercando da anni di ottenere un posto di lavoro senza trovarlo, si sia sentito ferito -non a caso Monti si è scusato per quella frase, non tanto per il contenuto in se, ma in quanto poteva prestarsi, se portata fuori contesto, a interpretazioni sbagliate-, ma per il fatto che in molti, anche tra i giornalisti più attenti (come Travaglio), forse per un’insolita superficialità, o forse per creare un caso giornalistico, abbiano evitato di contestualizzare la frase sul posto fisso rispetto all’affermazione generale del Presidente del Consiglio. E poi tutti dietro ad indignarsi senza nemmeno ascoltare attentamente le parole del Premier…

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento