•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 14 marzo, 2014

articolo scritto da:

Programma Renzi: Minoranza PD soddisfatta, ma rischio fronda su Italicum

nuova segreteria pd presentata da renzi

Il paradosso sembra ristabilirsi, ed oltre ai plausi da parte di Publitalia alla conferenza stampa di Renzi, arriva anche l’approvazione del PD, bellicosa minoranza interna compresa.

Come sottolineato da “Repubblica”, la sinistra del partito accoglie l’intervento programmatico di Renzi con un misto tra invidia (“è un cavallo di razza”), rimpianto (“quell’azione sulle rendite avremmo già dovuto farla noi), ammirazione (“è un premier di sinistra”) e stupore (“dove ha trovato i soldi?”). A parte il mal di pancia di D’Alema (“preferisco i partiti forti, e la contemporaneità di Renzi segretario e premier contribuisce ad indebolire il PD”) sembra dunque che i democratici siano compatti a sostegno dell’ambizioso programma del segretario.

bersani e d'alema

Tuttavia, l’imboscata è dietro l’angolo. Come evidenzia il “Corriere della Sera”, l’Italicum non piace a larga parte del PD. Che sembra pronta a dare battaglia al Senato, incurante dell’assenza del voto segreto che lascia scoperti eventuali franchi tiratori.

Il primo nodo è la tempistica, con ben 21 senatori PD di tutte le aree – renziani esclusi – che chiedono, con un documento trasversale, di vincolare l’Italicum all’approvazione della riforma di revisione del bicameralismo. Una fronda che potrebbe allargarsi, con sostegno anche esterno: vedi NCD, a favore di un voto prioritario sulla riforma del Senato.

E mentre il pressing della minoranza PD sembra volto più a togliere il pallino dalle mani di Berlusconi – definendo l’Italicum un “Verdinellum”, tramite le parole del lettiano Russo – che a mettere i bastoni tra le ruote a Renzi, il senatore di Forza Italia Gasparri sottolinea come “uno slittamento dell’Italicum indebolirebbe l’asse Berlusconi-Renzi”. Pur di stoppare la “strana alleanza”, la minoranza PD sembra disposta a tutto, dando battaglia su preferenze, parità di genere, soglie e primarie obbligatorie, come già fatto alla Camera.

verdini

Nel frattempo, il malumore è diffuso anche riguardo al testo di riforma del Senato. Dalle critiche all’approssimazione del testo di riforma sino alle accuse di strumentalizzazione della legge (“non si può chiedere di votarla pena caduta del governo”, sottolinea Civati).

Sul Senato arriva la stroncatura anche di Gaetano Quagliariello, scalzato dalla Boschi al Ministero delle Riforme. “E’ un modello che non ha senso”. Malumore condiviso anche in Forza Italia, che teme di ritrovarsi un futuro Senato delle Autonomie (con sindaci e Governatori) a permanente maggioranza di sinistra.

Redazione





L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

9 comments
Mauro Portoso
Mauro Portoso

quando riappare baffino sulla scena politica sono..............

Alviano Genna
Alviano Genna

baffino regge Renzi sulle ginocchia da li lui non ha niente da temere

Mirko Cecchini
Mirko Cecchini

Figuriamoci se il senato si autoelimina, useranno la scusa dell'italicum per non fare le riforme.

Manfredi Emmanuele Pizzigallo
Manfredi Emmanuele Pizzigallo

la fronda dovrebbe allinearsi al Premier e andare compatti verso l'approvazione e l'eliminazione del Senato....#ForzaMatteo

Riccardo Cova
Riccardo Cova

Più che un rischio, la fronda - se riuscirà a fermare questa legge truffa che esclude dalla rappresentanza politica milioni di cittadini - è una speranza per la democrazia

Alessandro Sopetti
Alessandro Sopetti

Se fanno la fronda automaticamente non si riesce ad attuare neanche quello su cui sono d'accordo.