•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 14 marzo, 2014

articolo scritto da:

Lavoro, fino a 8 proroghe in 3 anni così cambiano i contratti a termine

lavoro

I contratti a tempo determinato potranno essere sempre senza causale fino a 36 mesi. Il ministero del lavoro conferma quanto anticipato dal presidente del Consiglio Matteo Renzi nella presentazione del Jobs Act: “Con l’entrata in vigore del decreto legge il datore di lavoro può sempre instaurare rapporti di lavoro a tempo determinato senza causale, nel limite di durata di trentasei mesi. Viene così superata la precedente disciplina che limitava tale possibilità solo al primo rapporto di lavoro a tempo determinato. Inoltre, la possibilità di prorogare un contratto di lavoro a termine in corso di svolgimento è sempre ammessa, fino ad un massimo di 8 volte nei trentasei mesi”.

Il ministero spiega poi che “rimane, quale unica condizione per le proroghe, il fatto che si riferiscano alla stessa attività lavorativa per la quale il contratto è stato inizialmente stipulato”. Confermato anche il limite del 20% “. Tuttavia resta la possibilità di modificare il limite con una contrattazione interna che tenga conto delle esigenze

La reazione della Camusso – “Siamo disposti a discutere di un contratto unico, ma prima bisogna abolire il decreto sul lavoro che prevede contratti a termine senza causale per tre anni” dice il leader Cgil, Susanna Camusso, a Matrix, sostenendo che “si è fatto esattamente l’opposto di quello che lo stesso premier dichiarava: si è creata un’altra forma di precarietà”. È “una forma per cui una persona può essere assunta e licenziata per tre anni senza alcuna ragione e senza alcuna causa. Siamo preoccupati e contrari. Siamo all’opposto di quell’idea di riduzione della precarietà e dell’incertezza dei lavoratori che sarebbe necessaria”, afferma Camusso, in un’intervista a Matrix che andrà in onda questa sera su Canale 5 e che viene anticipata dallo stesso programma. “Se – prosegue – questo contratto sostituisse tutte le forme di contratti precari, sancirebbe il fatto che non ci sarebbe nessuna regola e non mi pare una buona soluzione. Siamo disposti a discutere invece di un contratto unico” a tempo indeterminato, “ma prima bisogna abolire il decreto che hanno deciso di fare”.





L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

8 comments
Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Cara Camusso, lei si sente messa da parte e spiattella cavolate, ha perso l'autobus di un vero rinnovamento dei rapporti tra imprenditori e lavoratori. Renzi ha imboccata una strada ed è quella che va verso il giusto, con qualche ritocco!

Trevisani Giuseppe
Trevisani Giuseppe

Ma stai zitta cornacchia, da questa situazione, che Renzi ha saputo creare, tu ne esci con le ossa rotte e ti stai arrampicando sugli specchi perché hai perso la faccia e non conti più niente. Per difendere la tua posizione e quella dei tuoi accoliti, non hai fatto che difendere posti di lavoro opsoleti invece di difendere i lavoratori!

Fabio Masci
Fabio Masci

Ah ah premier di sinistra che ha il plauso di Confindustria ma non dei sindacati, solo il Pd poteva tanto..

Giancarlo De Luca
Giancarlo De Luca

il job act è una riforma reazionaria ultraliberale neanche monti avrebbe fatto di meglio, la camurso? non serve!!

Sergio Rossi
Sergio Rossi

Ci sarà un'altra fregatura state sereni.

Lamberto Giusti
Lamberto Giusti

Camusso, l'importante è trovare lavoro, piantala con le tue pippe mentali!

Giancarlo De Luca
Giancarlo De Luca

si parla di ACQUISIZIONI PROGRESSIVE DELLE TUTELE DA LAVORO DIPENDENTE, il lavoro precario perpetuo