•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 18 marzo, 2014

articolo scritto da:

Pubblica amministrazione, Madia “Subito tetto al cumulo redditi-pensioni d’oro”

marianna madia

Marianna Madia, ministro in materia di pubblica amministrazione, chiede “Subito il tetto al cumulo redditi-pensioni d’oro”.

Marianna Madia in un’intervista a La Stampa, si dice “d’accordo ad abbassare” la soglia dei 311mila euro.

All’indomani della firma di una circolare che dà attuazione ad una norma del precedente governo per cui i lavoratori pubblici non possono cumulare redditi di lavoro e pensione oltre 311mila euro (lo stipendio del primo presidente di Cassazione), Madia spiega quindi la scelta di questo suo primo atto. “È una scelta politica – afferma Madia – per segnalare una priorità: l’attenzione all’equità sociale e al tema di un’intera generazione esclusa. In un’epoca in cui oltre il 40% dei giovani non trova lavoro, un milione e mezzo di persone tra pubblico e privato, cumula lavoro e pensione” osserva il ministro.

ministri governo renzi

“Capisco chi ha pensioni basse ma ritengo non sia etico quando il cumulo porta a soglie di reddito molto alto” aggiunge Madia. La norma però vale solo per i dipendenti pubblici e Madia sottolinea che “per i dipendenti privati non si può intervenire sul reddito da lavoro, ma da deputata -spiega il ministro- avevo presentato una proposta per agire sulle pensioni: chi percepisce una pensione oltre 6 volte la minima e continua a lavorare, deve lasciare metà pensione allo Stato”. “È una proposta che non impegna il governo. Ma bisogna affrontare il tema” afferma ancora.

Redazione

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] La scorsa settimana ha affermato: “In un’epoca in cui oltre il 40% dei giovani non trova lavoro, un milione e mezzo di persone, tra pubblico e privato, cumula lavoro e pensione”. Come a voler dire che i pensionati non dovrebbero lavorare, e se lo vogliono fare dovrebbero rinunciare alla pensione. La risposta di Poletti non si è fatta attendere: “Non credo sia giusto che i pensionati non possano più lavorare. Credo che bisogna trovare delle modalità nuove che consentano ad ogni persona di avere una cosa da fare”. Qualche manovra di rientro, nessuna evidente smentita, caso congelato. […]