•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 20 marzo, 2014

articolo scritto da:

Come cambia con la crisi il lavoro dei laureati

Dopo avere visto i dati sull’occupazione e la disoccupazione dei laureati di diverse discipline con la crisi, un dato interessante è il tipo di lavoro in cui hanno potuto occuparsi a 5 anni dalla laurea nel 2013, confrontando i dati con quelli del 2008

Una delle prime cose da considerare è la proporzione di quanti trovano un posto a tempo indeterminato dopo la laurea, o almeno a 5 anni da questa, e quanti invece rimangono nella precarietà. Le tipologie di impego degli occupati sono molti, ma analizziamo la quota assunta a tempo indeterminato nel 2008 e nel 2013, nel seguente grafico:

Una delle prime evidenze è che il tasso per i laureati è certamente inferiore a quello degli occupati italiani, ovvero il neo-laureato medio ha un posto stabile con meno probabilità dell’occupato italiano con ogni probabilità non laureato, ma magari più anziano.

Se circa il 65% degli occupati ha ancora un posto a tempo indeterminato, è evidente che è un dato in discesa, e destinata ad assottigliarsi con gli anni poichè il gap è più che mai basato sull’età, più che sull’istruzione. Se neanche i laureati ricevono come contratto proposte a tempo indeterminato, significa che una riforma è quanto mai urgente se non vogliamo che il contratto a tempo determinato non diventi a regime residuale, ridotto a un 25-30% di fortunati, considerando tutti i lavoratori, anche non specializzati.

Tuttavia enormi differenze ci sono anche per disciplina: impressiona la differenza tra il 73,8% di ingegneri  a tempo indeterminato e il 20% all’incirca tra i laureati in giurisprudenza o architettura. Differenza che aumenta se pensiamo ai diversi tassi di occupazione perchè chi proviene da discipline letterarie, giuridiche, psicologiche, ecc ha già un tasso di occupazione più basso e nonostante questo chi lavora non ha buone condizioni contrattuali. In più notiamo che nel caso di ingegneri e laureati in economia i lavoratori a tempo indeterminato sono addirittura aumentati, +5% nel caso degli ingegneri. Una nota positiva l’aumento anche nel campo delle discipline scientifiche. Diminuzioni generalizzate invece negli altri campi, più marcate in campo giuridico e psicologico, -10% in 5 anni.

E gli stipendi? Di seguito vediamo gli stipendi medi nel 2008 e 2013 per disciplina e sesso a 5 anni dalla laurea:

Come si vede permane una differenza di genere non marginale, e soprattutto tra discipline, anche se certamente molto meno spiccata delle differenze in tasso di occupazione e tipo di contratto. Appare molto evidente come la differenza di appetibilità delle diverse lauree si sia tradotta in disoccupazione o precarietà più che in stipendi, visto che anche i laureati in materie letterarie o psicologia superano i 1000€ se uomini. Il dato femminile potrebbe riferirsi anche all’uso del part time.

Viene da chiedersi se non fosse possibile avere maggiore flessibilità salariale in cambio di maggiore occupazione, o occupazione con contratti migliori. Sempre che vi sia l’elasticità necessaria per queste operazioni.

Vediamo di seguito come cambiano in 5 anni i salari medi per disciplina e sesso:

Vediamo aumenti di salario in campi come quello scientifico, l’economia e l’insegnamento, in ingegneria solo per le donne, per il resto diminuzioni anche pesanti, in discipline come architettura, psicologia, educazione fisica, in cui abbiamo visto anche un calo dei contratti a tempo indeterminato.

Di fatto c’è un calo deciso in anni in cui invece i salari medi hanno continuato ad aumentare a livello nazionale, pur se a ritmo ridotto. Di fatto quindi evidentemente c’è stato un aumento dei salari dei lavoratori più anziani e meno aggiornati e specializzati e una diminuzione dei salari di chi è giovane e istruito: la ricetta per il declino.

Inoltre c’è una diretta correlazione tra calo di contratti permanenti e calo dei salari, non vi è, e del resto non è prevista dalle strategie delle riforme del lavoro, un trade off tra sicurezza del posto e salario, ma lo abbiamo già visto.

Un altro elemento è la migliore performance relativa dellgi stipendi femminili, il gap lentamene si sta colmando, gli stipendi delle donne aumentano di più o si contraggono di meno di quelli maschili, e nonostante l’aumento della proporzione di occupazione femminile tra i lavoratori. Forse l’unico dato postivo di questi ultimi anni.

 

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento