•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 25 marzo, 2014

articolo scritto da:

Camusso: “Cgil deve diventare partito?”

camusso

“Dobbiamo diventare un partito per farci ascoltare?”. A metà tra il serio e il faceto, il, intervenendo al congresso regionale in Emilia segretario generale della Cgil, Susanna Camusso Romagna, lancia la provocazione. “C’è in corso una gara tra tutti i ministri, a spiegare che loro, per carità, dal sindacato al massimo accolgono dei consigli ma non intendono fare nessuna discussione, ultima a dirlo è stata la ministra della Funzione pubblica, Marianna Madia”.

“Nel momento in cui c’è una separazione tra la modalità dell’agire precedente e l’oggi cui ci troviamo di fronte, noi cosa pensiamo di fare?” si è chiesta Camusso. “Attendiamo? Oppure pensiamo – ha detto – che siccome c’è un primato, non so quanto forte della rappresentanza politica, ci trasformiamo anche noi in un’organizzazione politica? Oppure – si è chiesta ancora – ci interroghiamo su come ricostruire la nostra funzione di contrattazione?”.

Le domande, per lo più retoriche, del leader del maggior sindacato italiano sono chiaramente dettate dal diverso atteggiamento con cui il governo Renzi si è posto davanti alle parti sociali (“ascoltiamo tutti ma decidiamo noi” ha più volte detto il premier): prova ne sono le dichiarazioni di ieri del ministro del Lavoro Giuliano Poletti – una vita tra Pci e Coop rosse, quindi totalmente insospettabile – che ha avvertito come, con l’avvento al governo di Renzi, “la concertazione non esiste più”.

In conclusione, la Camusso ha sottolineato come “oggi nel paese e nel dibattito politico il sindacato è considerato un ostacolo da rimuovere per tante ragioni. Perché si pensa che, anche per le modalità di organizzazione del lavoro, la rappresentanza sociale interferisca nel rapporto diretto col cittadino”. La politica, quindi, cerca in tutti i modi di scavalcare i corpi intermedi per rivolgersi direttamente ai cittadini, in quanto “la modalità dello scambio deve passare direttamente dal consenso”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

36 comments
Parco Oleum
Parco Oleum

frutto del tuo ventre, passato e presente

Francesco Esperti
Francesco Esperti

se la CGIL smettessa di fare politica da anni e soprettutto, i parassiti e difensori solo di chi il lavoro ce l'ha.....forse l'ascolterebbero di più!!

Luigi Scarrà
Luigi Scarrà

certamente, di partici ce ne sono pochi, e il seggiolone piace a tutti e rende bene....vero...ipocriti.

Salvatore Salvio
Salvatore Salvio

perché una poltrona a te non la danno !!! eppure stai dalla loro parte.............

Gianpiero Bonacini
Gianpiero Bonacini

Lo è già un partito.....e basta guardare quanti segretari sono passati con nonchalance da segretario a parlamentare .......

Anton Ross Effebi
Anton Ross Effebi

Voglio proprio vedere chi cazzo voterarno..PD o CGOL? ahha perche' adesso cosa sono? Cos'hanno di diverso? ( carriere comprese!??)

Francesco Dibo Di Bella
Francesco Dibo Di Bella

Certo, sará la 1378a sigla politica che si è formata a sinistra dai tempi della scissione di Livorno...

Paolo Franchin
Paolo Franchin

Perché, finora Cosa è stato? Facendo finta di fare l'nitenesse dei lavoratori...

Ciro Pocobello
Ciro Pocobello

ci vuole un coraggio ha dire queste stronzate , dire CGIL o dire PD cosa cambia .

Renata Pelati
Renata Pelati

Dovrebbe essere una news? Magari entrando senza la soglia di sbarramento ? Così per dire.....

Trevisani Giuseppe
Trevisani Giuseppe

Si brava!!! Prenderai lo 0, 5%, fai il tuo mestiere, no anzi togliti dai piedi e lascia lavorare il governo!