•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 marzo, 2014

articolo scritto da:

Ex cancelliere Schmidt: “ una terza guerra mondiale è inverosimile ma non impensabile”

schmidt

Helmut Schmidt, uno dei padri della SPD oltre che vera e propria icona “morale” tedesca (i sondaggi rivelano che è ancora molto apprezzato dai suoi concittadini), ha rilasciato un’intervista al settimanale di cui è editore, il Die Zeit, esprimendo una posizione, sull’Europa, la Russia, l’Ucraina e la Crimea, che farà discutere.

L’ex cancelliere tedesco, ha trattato alla pari con tutti i leader mondiali durante la “guerra fredda” (il suo cancellierato è durato dal 1974 al 1982, dopo fece spazio a Helmut Kohl) segnando la storia degli anni del dopo seconda guerra mondiale (contribuì alla costruzione dell’Europa Unita e del G5, inaugurò l’asse franco-tedesco e rilanciò la politica di riavvicinamento verso la Germania dell’Est, alle crisi economiche degli anni ’70 rifiutò sempre di rispondere con tagli alla spesa sociale).

“Il comportamento di Putin è comprensibile. La situazione è pericolosa perché il nervosismo dell’Occidente crea nervosismo anche in Russia. La maggior parte dei conflitti – pensate alla Prima Guerra Mondiale – non furono programmati”  va dritto al punto Schmidt, se gli chiedete di esprimere una posizione sull’atteggiamento Euroamericano nei confronti della Russia.

schmidt

Si rivela ancora più diretto se gli chiedete “l’annessione della Crimea non viola il diritto internazionale?”: “ho i miei dubbi. Il diritto internazionale è molto importante, ma è stato violato molte volte. Per esempio l’ingerenza nella guerra civile in Libia: l’Occidente ha ben ecceduto il mandato del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Lo sviluppo storico della Crimea è più importante del diritto internazionale”.

Fino agli anni ‘90 – ha aggiunto Schmidt – nessuno aveva dubbi sul fatto che Ucraina e Crimea appartenessero alla Russia, “tra gli storici è ancora molto dibattuta la questione dell’esistenza di una nazione ucraina”, tra l’altro anche se fosse una violazione del diritto internazionale, appunto, l’annessione russa della Crimea sarebbe comunque “una violazione contro uno Stato che, provvisoriamente, attraverso la rivoluzione di Maidan, non esisteva e non era capace di funzionare”.

“Al Consiglio di Sicurezza dell’ONU mi sarei astenuto come i cinesi” perché, spiega Schmidt, “trovo comprensibile il comportamento di Putin, non vorrei parlare di legittimità, questa situazione non si può giudicare unicamente col metro del diritto”.

Ma se Putin volesse continuare la sua “avanzata” verso l’Est dell’Ucraina? “Mi rifiuto di condurre speculazioni – così ha risposto Schmidt – lo ritengo possibile, ma penso che sarebbe un errore da parte dell’Occidente comportarsi pensando che un simile sviluppo sia l’inevitabile prossimo passo russo. Ciò potrebbe aumentare l’appetito di Mosca”.

Allora c’è la possibilità di uno scontro armato tra Occidente e Russia? “È pensabile. Non è né necessario, né inevitabile. Al momento il pericolo è piccolo, ma non è nullo”.

schmidt russia

La Germania dovrebbe attuare una politica “cauta” nei confronti della Russia – questo il pensiero dell’ex cancelliere – soprattutto perché le sanzioni decise da USA e UE “sono una stupidaggine. Specialmente il divieto di viaggio in Occidente per alte personalità della leadership russa. E sanzioni economiche colpirebbero l’Occidente come i russi”.

La Russia, però, sta iniziando a fare il conto con le misure punitive attuate nei suoi confronti: il deflusso di capitali, nel 2014, potrebbe raggiungere i 100 miliardi di dollari con un calo degli investimenti dell’1,3%. Per il governo di Mosca “la gente non è pronta a prendere decisioni sugli investimenti, in quanto considera i rischi inaccettabili e la situazione incomprensibile”.

Dunque Mosca ha annunciato che creerà un proprio sistema di pagamento elettronico, sul modello di Giappone e Cina. Nei giorni scorsi Visa e Masterbank avevano interrotto le operazioni per i clienti di alcune banche russe colpite dalle sanzioni americane. Il primo ministro Dmitri Medvedev ha, inoltre, ordinato alla compagnia del gas russa Gazprom d’inserire nel suo programma d’investimenti di quest’anno anche la Crimea.

Guglielmo Sano


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Maria Paola Ciancarelli
Maria Paola Ciancarelli

...se poi lo dice un tedesco che di guerre mondiali se ne intende, c'è da crederci!!

Pietro M. Figus
Pietro M. Figus

E' impensabile leggere cretinate del genere. A chi servirebbe una terza guerra mondiale che proterebbe alla distruzione del mondo? A nessuno. E se non serve a nessuno allora nessuno fa la guerra. Elementare

Lorenzo Sassi
Lorenzo Sassi

Obama sta facendo la guerra per esportare il gas

Lucia Locatelli
Lucia Locatelli

Ma tanto che gli frega ha novant'anni x gamba non ci sarà più ...nel caso. GUFO!!

Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

Ha ragione Schmidt, sta volta se succede la colpa è totalmente di Obama.