•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 28 marzo, 2014

articolo scritto da:

A Servizio Pubblico, lite tra Gino Strada e Mario Mauro sull’Afghanistan

lite strada-mauro

Inatteso fuoriprogramma quello andato in scena ieri sera su a Servizio Pubblico su LA7. Protagonisti Gino Strada, celebre medico chirurgo e fondatore di Emergency e l’ex Ministro della Difesa del Governo Letta Mario Mauro. Oggetto del loro acceso scambio di battute e insulti, l’Afghanistan.

“ATTO DI SERVILISMO” – Nel celebre salottino di Michele Santoro, Strada e Mauro parlano dell’emergenza terrorismo post 11 Settembre 2001. Le loro sono posizioni assai divergenti, visto che Strada ha affrontato in prima linea l’emergenza umanitaria in Afghanistan, allora roccaforte del terrorismo islamico. “Quell’intervento in Afghanistan è stato un intervento legittimato anche attraverso le Nazioni Unite”, precisa il Senatore di Scelta Civica, ma ecco che si scatena Strada. “Non dica sciocchezze”, risponde seccato, “non c’è stata alcuna risoluzione dell’Onu prima del 7 novembre 2001, avete fatto un atto di servilismo rispetto agli USA”. Quest’accusa di Strada scatena la reazione di Mauro, secondo cui l’intervento militare in Afghanistan “è figlio dell’11 settembre”, aggiungendo che dopo quel tragico giorno “la nuova sfida per l’Occidente era combattere il terrorismo”.

mauro-strada

AFGHANISTAN – I toni si alzano quando i due ospiti parlano di Afghanistan. “Di quale Afghanistan parla, quello dove nello stadio si ammazzano le persone?” chiede Mauro a Strada, che replica seccato “lei avrà visto al massimo le basi militari di Bagram, di Herat e l’ambasciata”. In studio la temperatura si alza quando il fondatore di Emergency, piuttosto contrariato, si rivolge a Mauro, “ma dove c…o è stato in Afghanistan?”. Il Senatore accusa Strada di essere un “fantasma, che non sa di cosa parla”. Il medico, per rispondere, racconta dei suoi 7 anni passati in Afghanistan con la sua Emergency ad aiutare le popolazioni martoriate dalla guerra. Volano anche dei “vaffa” quando Mauro ricorda a Strada la drammatica situazione delle donne durante il regime dei talebani. A questo punto il medico milanese si rivolge a Mauro “vai a leggerti qualche libro”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

28 comments
Antonio Congiu
Antonio Congiu

Mauro ha dimenticato di dire che ,prima di quell'undici Settembre, gli USA hanno bombardato e distrutto altri Paesi e ammazzato migliaia di persone. La guerra in vasa non l'avevano mai avuta e quello è stato il pretesto per perpetuere le carneficine democratiche. Gli americani, intendo il popolo americano, è costretto ad ubbidire alla lobby delle armi che , assieme alle banche, è la sola a comandare nel mondo. Infatti, ci hanno fatto sapere che il bidone F35 noi lo dobbiamo per forza comprare.....

Giorgio Cosola
Giorgio Cosola

due coglioni lontani dai problemi di gente comune

Rodolfo Bolla
Rodolfo Bolla

Gino Strada è una persona per bene, che fa del bene all'umanità per scelta e gratuitamente. Mario Mauro invece è un demo-cretino di Comunione e Liberazione, che non sa fare del bene neppure a Sè stesso.

Luca Regolo
Luca Regolo

Facciamo un governo di persone SERIE, che facciano gli interessi dei cittadini e che non cagionino morti innocenti e sprechi inutili. La guerra non è mai gratis, ma vedi un po'... chi crepa sono sempre gli altri e mai quelli che dicono queste cagate!

Mirko Cecchini
Mirko Cecchini

Sì ma questo non vuol dire che abbia sempre ragione. Allora facciamo un governo tutto di missionari e volontari e si sistema tutto?

Lucia Locatelli
Lucia Locatelli

Se Strada avesse avuto un altro stile sarebbe stato più efficace

Roberta Atzori
Roberta Atzori

Non c'è mai un vincitore quando ci si insulta anzichè ragionare...

Luca Regolo
Luca Regolo

Gino Strada è un missionario di pace nel mondo, una di quelle poche persone, che non hanno bisogno d'inviti, per lui le porte sono aperte. Sa dove c'è bisogno, sa di cosa c'è bisogno e tutti sanno che porta esclusivamente il Bene!

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

Gino Strada avrà umiliato un ritardato (e questo è indubbio), ma lui è un bell'ipocrita. Tant'è che il suo modus operandi e le sue sparate politiche son state criticate pure dalle altre ONG.

Assunta Rullino
Assunta Rullino

GRANDE GINO...ABBASSO TUTTI I politici di merda che abbiamo in ITALIA....HANNO INGRASSATO I LORO CONTI IN BANCA E DISTRUTTO UNA NAZIONEù

Omar Guarneri
Omar Guarneri

Caro Nicola Berardi, Gino Strada può permettersela l'aria da professore perchè ciò che vede lui tutti i giorni noi non possiamo nemmeno immaginarlo e nemmeno il signor Mauro. Perciò se sente dei mr.nessuno dire puttanate fa benissimo ad incazzarsi.

Angelo Caramazza
Angelo Caramazza

veramente l'unico che insultava era quella emerita testa di cazzo di Mauro

Stefano Zappa
Stefano Zappa

tutti che insultano mauro, un po come lo stesso strada, e tutti che si dichiarano pacifisti, un po come lo stesso strada, una manica d ipocriti da 4 soldi.......gino strada: il campione della retorica, critica la presenza delle basi usa in italia (giustamente) ma rimane pacifista....e chi difende l italia????.....retorica da strapazzo

Lorenzo Sassi
Lorenzo Sassi

solo Santoro può dar voce a questa faccia da cazzo

Nicola Berardi
Nicola Berardi

Gli indiscussi meriti di Gino Strada non gli danno il diritto ad un'arroganza totale in merito agli argomenti trattati ieri: aria da professore e da "io sono tutto, io so tutto; voi non siete nessuno, e non sapete un cazzo".

Alessandro Sbarufatti
Alessandro Sbarufatti

Quella non è una lite, quello è Gino strada che umilia un ritardato che sperpera miliardi di euro e soprattutto umlia i ritardati che lo hanno votato. Una lite è un'altra cosa.