•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 29 marzo, 2014

articolo scritto da:

Corte UE: Italia incapace di gestire i fondi europei

corte di giustizia unione europea

Dura reprimenda da parte del Tribunale UE, che ha confermato la riduzione di circa 80 milioni dei fondi europei per la Regione Puglia, legati al FESR, il fondo per lo sviluppo regionale istituito in sede comunitaria per far fronte agli squilibri locali. La decisione del Tribunale conferma quanto già sentenziato dalla Commissione europea nel 2009, una decisione cui aveva fatto seguito un ricorso dell’Italia.

Secondo la Corte UE, “le gravi carenze di cui le autorità italiane hanno dato prova su gestione e controllo dell’utilizzo dei fondi Ue sono tali da condurre a irregolarità sistemiche”. La Commissione aveva constatato tali irregolarità già nel 2007, riducendo il finanziamento delle spese certificate del Fesr alla Puglia del 10%, pari a poco meno di 130 milioni di euro – cifra poi rivista al ribasso e ridotta a 80 milioni.

L’audit effettuato dalla Commissione nel 2007 aveva certificato la mancata presenza di “un sistema che garantisse una buona gestione finanziaria dei fondi”, con riferimento specifico a fondi del bilancio 2000-06, stanziati in particolari dopo l’approvazione nel 2000 del programma operativo per la Regione Puglia (POR Puglia). Tali carenze sono state confermate in un audit successivo, fissando un termine per le rettifiche necessarie. Tuttavia, nel 2009 un terzo audit aveva rivelato il mancato rispetto dei requisiti entro i termini impartiti. Da qui la decisione della Commissione, che aveva ridotto il contributo FESR per l’Italia – e, nello specifico, per la Puglia – il 22 dicembre 2009. Il successivo ricorso dell’Italia dinanzi alla Corte UE – per ottenerne l’annullamento – è stato ora respinto dal Tribunale stesso.

Il Governatore della Puglia, Nichi Vendola, minimizza il problema: “nessuna conseguenza sul piano contabile,non ci saranno danni per i pugliesi”. Anche perchè, secondo il leader di SeL, “il livello di rendicontazione era talmente superiore alla dotazione del Programma, che il taglio è stato assorbito senza conseguenze”.

vendola fiat chrisler

Tuttavia, la sentenza della Corte UE è l’occasione per Vendola per scagliarsi contro il suo predecessore, Raffaele Fitto. La decisione “fotografa una situazione del passato, relativa al sistema dei controlli del Por Puglia 2000-2006, ereditata dalla precedente amministrazione”. Vendola aggiunge che “la Puglia è una delle poche regioni italiane per le quali la Commissione europea ha approvato definitivamente e ufficialmente la rendicontazione finale del programma 2000-2006, a conferma del buon andamento del sistema di gestione e controllo. Oggi siamo la Regione che proprio per i controlli e per la gestione è considerata una delle più efficienti d’Europa”.

Per Vendola è stato proprio l’atteggiamento virtuoso della Regione ad averla spinta (“in accordo con lo Stato italiano”) a impugnare la decisione della Commissione. Ecco perchè, aggiunge il governatore pugliese, “sebbene si tratti di una mera questione di principio valuteremo, sempre con lo Stato, la possibilità di ricorrere in appello”.

Giuseppe Spadaro


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Beppe Roca
Beppe Roca

Piu che incapaci sono dei maghi. .....li fanno sparire nel nulla.

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Da tempo..E..con diversi governi..l'Italia non possiede "credibilità"..per accedere ai fondi Europei...a vantaggio d'Irlanda..Slovenia..ecc..

Andrea Lai
Andrea Lai

Infatti non ha fatto un cazzo! Ahahahahahah

Mariella Rosati
Mariella Rosati

Non date la responsabilità a Renzi, è un mese che governa.