•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 1 aprile, 2014

articolo scritto da:

Di Maio (M5S) “Ecco perché siamo per parità di Camere”

di-maio

Il bicameralismo perfetto rappresenta “un virtuoso meccanismo tramite il quale il Parlamento è in grado di ponderare adeguatamente le scelte complesse e delicate che si trova ogni giorno ad affrontare”. Così il deputato del Movimento 5 Stelle e vicepresidente della Camera Luigi di Maio, in una lettera al Corriere, difende la parità tra le Camere. “Sono piene le cronache politiche di proposte di legge approvate da una Camera e per le quali la stessa maggioranza riconosce la necessità di un perfezionamento in seconda lettura. Sta succedendo in queste settimane con la legge elettorale”. “La vita parlamentare degli ultimi anni ci insegna poi come una maggioranza parlamentare compatta sia in grado di approvare in pochi giorni anche leggi importanti e contestate dall’opinione pubblica, come nel caso del cosiddetto ‘lodo Alfanò, approvato in soli 20 giorni”.

di maio

Per Di Maio già esistono strumenti per legiferare in tempi rapidi: “dai procedimenti decentranti” scrive “fino ad arrivare alla deliberazione d’urgenza sui progetti di legge e ai decreti legge per le situazioni di straordinaria necessità e urgenza”. “Il testo costituzionale necessita senz’altro di una manutenzione. Penso, innanzitutto, alla riduzione del numero dei parlamentari. Occorre, altresì, limitare il ricorso alla decretazione d’urgenza e inserire nuovi strumenti di partecipazione popolare, nonchè rivedere il nuovo riparto di competenze tra Stato e Regioni”. “Fondamentale – sottolinea Di Maio – è quindi non confondere i cosiddetti ‘costi della politicà con quelli della democrazia. Trovo semplicistico trattare la questione delle riforme con la calcolatrice anche perchè – in questo caso – i risparmi sarebbero davvero trascurabili” poichè “il Senato verrebbe trasformato e non soppresso e il numero dei deputati rimarrebbe invariato”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

124 comments
Margherita Simoni
Margherita Simoni

Leggendo i post grilli si evince che sono scritti da piccoli evasori fiscali e da chi altri non ha alcuna voglia di lavorare, entrambi con una strizza boia perché 'sto giro il sistema mostra di voler cambiare.

Giacomo Celi
Giacomo Celi

Ma non dovevano lottare contro gli sprechi e gli enti o istituzioni inutili? Per non parlare dell'inevitabile snellimento per l'approvazione delle leggi!

Margherita Simoni
Margherita Simoni

certo che logorroico come sei una ripassatina all'italiano non guasterebbe...

Margherita Simoni
Margherita Simoni

questi ne sanno niente di Politica e perciò sono innocui come un tronco sulla strada che per passare devi perdere il tempo di toglierlo. Ma la Costituzione, quella sì, gliel' hanno fatta studiare insegnandogli come interpretarla a seconda del tornaconto di partito.

Paolo D'Eugenio
Paolo D'Eugenio

Il Senato, in Francia, ha gli stessi poteri della Camera. Non è più eletto dai cittadini ma da 150.000 grandi elettori.

Vinciamo Noi
Vinciamo Noi

ma se Renzi vuole risparmiare soldi perchè non DIMEZZA il numero e lo stipendio dei parlamentari e senatori? Se toglie il Senato farà le leggi solo al Parlamento senza chiedere mai la FIDUCIA e allora non avremmo più il garantismo o la seconda lettura delle leggi. Dovremo accettare tutto senza possibilità di replica. Qui finisce la democrazia! Che vi pensate che i Presidenti e i consiglieri regionali, e i sindaci ci vengono gratis fino a ROma?

Maurizio Talamo
Maurizio Talamo

quanta inutilità.... per questi grillini pure un euro al mese di stipendio sarebbe un euro sprecato.

Cuoco Salvatore
Cuoco Salvatore

Dall'ultima risposta data dal signor Paolo D'Eugenio si palesa la sua parzialità ed appartenenza al m5s. Quindi non vale ciò che ho scritto in precedenza. Io non ho interessi di parte ma una posizione politica, condivisibile o meno ma un'autonoma posizione scelta di campo. Lui no, scrive le stesse trite è ritrite parole d'ordine emanate dal comitato centrale ristretto (2 componenti) del movimento. Quindi a dialogare con lui, come si dice dalle mie parti, si perde la pezza e il sapone. Mi dispiace

Paolo Zaccaria
Paolo Zaccaria

davvero incomprensibile,prima tutti a casa,ora che viene meno il senato siete per mantenerlo?!?

Massimo Romano
Massimo Romano

Paolo non fare il sapientino; il fatto che l'ordinamento tedesco sia diverso non vuol dire che non si può fare una camera delle autonomie anche in Italia. Non ti piace l'accostamento ? vai e vedere le modalità di elezione del senato francese, oppure della camera dei lord in UK (e non ripartire con le differenze di ordinamento..). Il problema è che Grillo non vuole cambiare niente altrimenti poi contro chi se la prende ?? :D

Cristaldini Roberto
Cristaldini Roberto

Diciamo di cambiare tutto e di piu, che il cambiamento proposto dagli altri non vale nulla...cosi' poi alla fine abbiamo raggiunto il ns. Obiettivo: quello di non cambiare niente. Amen

Paolo D'Eugenio
Paolo D'Eugenio

Quindi uno stato federale è uguale ad uno Stato diviso in regioni? Complimenti.

Paolo D'Eugenio
Paolo D'Eugenio

Quella di Bersani era una farsa messa su per far accettare a voi piddini quello che il PD voleva fare sin dall'inizio e cioè il governo con Berlusconi. E non lo dico io. L'hanno detto Bersani, Letta, Emiliano ....

Paolo D'Eugenio
Paolo D'Eugenio

Nel merito delle questioni che pongono quelli contrari alla riforma renzianverdiniana.

Enrico Giostrelli
Enrico Giostrelli

Da quando lo sta facendo Renzi, siete per la parità. Fate pena. Non vi rendete conto di quanto siete squallidi nel fare politica con i sistemi che a parole dite di combattere.

Gloria Moretto
Gloria Moretto

e che presto si fa a cambiar idea quando gli altri vogliono finalmente provare a far qualcosa....che schifo ttuuo l'incontrario di tutto

Massimo Romano
Massimo Romano

E cosa c'entra ?! l'Italia non è uno stato federale ma ha un notevole decentramento con realtà regionali molto forti....diciamo la verità Grillo vuole bloccare tutto e ad ogni riforma non sa cosa inventarsi per giustificare la marcia indietro. E i grillini fanno ooohhhhh

Giacomo Picchi
Giacomo Picchi

Rocco Lillo..su molte cose che dici sono d'accordo. .e vorrei anche io cambiare molte cose. .penso che la politica sia l'arte del possibile. .è partito un processo di riforme epocale dopo 30anni di immobilismo. .io aspetto Renzi alla prova dei fatti senza aperture di credito ma senza pregiudizi. .vediamo quali risultati raggiunge. .non sono pessimista come te. .almeno è iniziato un percorso di cambiamento. .certe cose che dici non sono esatte. .a mio parere i risparmi ci sono. .non eclatanti. .diciamo quelli possibili. Non dimenticare che il parlamento è quello eletto un anno fa. .e Renzi deve guardarsi sopratutto dal PD..insomma aspetto l'approvazione per valutare poi i risparmi effettivi. .senza mollare sulla necessità di cambiare le cose

Rocco Lillo
Rocco Lillo

Stefano Galatolo, puoi anche andare a vedere tutte le proposte di legge che abbiamo presentato, sia quelle approvate sia quelle bocciate, tra le quali reddito di cittadinanza abolizione irap, incentivi per assunzione ai giovani e molto altro..

Rocco Lillo
Rocco Lillo

Lidia Mora non siamo mai stati a favore dell'abolizione del senato, per questo faremo decidere in rete. Detto questo io non mi fido della gente che ci ha distrutto questo paese e che oggi viene a raccontarci che vuole cambiarlo!

Rocco Lillo
Rocco Lillo

Giacomo Picchi vai a leggere il programma del movimento 5 stelle dato che da nessuna parte cè scritto in cui si prevede l'abolizione del senato. Inoltre: il senato diventa camere delle autonomie, ciò che cambia è che i membri non sono più eletti dal popolo e a poteri molto ridotti, nel senso che non può votare la fiducia, le leggi, ecc.. quindi passano da oltre 300 membri a circa 150, portando un risparmio di una 50ina di milioni l'anno. Il senato è stato creato per dare una revisione alle leggi ogni qualvolta si presentavano in parlamento per rivederle, per presentare modifiche e migliorarle. Ora ti chiedo, non sarebbe meglio dimezzare il numero dei parlamentari e i loro stipendi? Quindi passiamo da circa 1000 parlamentari a circa 500, con stipendi da 20000 a 10000 e un senato che resta come garanzia in quanto previsto dalla nostra costituzione (che ti ricorda è la più bella del mondo). Questo è nel programma del movimento 5 stelle, ora però non venirmi a dire che il senato rallenta l'approvazione delle leggi, perchè quando le leggi si vogliono approvare si approvano in brevissimo tempo (il lodo alfano è stato approvato in 1 settimana, ed p una legge vergogna!). Detto questo, le province non vengono abolite, ma cambiano solo nome, nel senso che entrano in gioco le città metropolitano, con un aumento di oltre 30000 tra consiglieri comunali e assessori, restano gli uffici provinciali(con tutti i loro costi) e quindi come puoi ben capire non cè nessun risparmio. Per quanto riguarda gli stipendi dei mangaer pubblici sembra che gli unici ad essere toccati saranno quelli di società non quotate in borsa, e considerando che gli stipendi più elevati sono proprio di queste società il risparmio sarà minimo o praticamente invisibile. Per quanto riguarda le province puoi guardare questo dibattito tra la bonafè e di maio che rispecchia tutto ciò che ti ho raccontato. http://www.youtube.com/watch?v=UolzQbrRGvU. Giacomo cambiamo questo paese, basta con questi ladri che ce lo hanno distrutto!

Marghe Ferrari
Marghe Ferrari

ma cosa fate date i numeri.....volevate togliere il magna magna e invece.....

Vanni Mircoli
Vanni Mircoli

Di Maio e soci: dei veri imbroglioni di merda !!!!

Cuoco Salvatore
Cuoco Salvatore

All'attivissimo Paolo D'Eugenio proverei a chiedere dove era il m5s quando qualcuno gli ha proposto poche cose da fare e ritornare a votare con una nuova legge? Lo ricorda lo streaming con Bersani, e ricorda quello con Letta, e ricorda quello a cui a partecipato anche il comico genovese con Renzi. Non può negare che di opportunità di poter contare quel 25% l'ha avuta. Possibile che siano tutti così scordarelli? Non pretendo una risposta, la conosco già. Prevede l'alterazione della realtà e a me queato gioco non piace. Buona sera Paolo D'Eugenio

Salvatore Caputo
Salvatore Caputo

Perchè ge gentaccia come voi e grillo va avanti solo col caos

Cuoco Salvatore
Cuoco Salvatore

C'è da chiedere se anche questa posizione è stata vagliata dalla rete e in che misura. Con quanti partecipanti, quanti votanti e per quali quesiti. O la rete serve ed è comoda a corrente alternata?

Pietro Favaro
Pietro Favaro

.... paura di perdere il posto di lavoro e anche il vitalizio ????

Luca Sanna
Luca Sanna

Certo. E se renzi fosse per il bicameralismo, allora vorreste una camera sola...

Leonardo Loconsole
Leonardo Loconsole

Bravo stai per diventare un politico ti manca solo un piccolo reato.

Nicola Romano
Nicola Romano

Sono capaci di dire tutto e il contrario di tutto.Ricordano un certo Cavaliere.Forse per questo stanno diventando amici dei leghisti.

Irene Moretto
Irene Moretto

Bravo Di Maio..... le riforme le deve fare chi e' legittimato a farle...... non un premier abusivo che patteggia con un condannato cacciato dal senato !!!!!!!

Pino Iaco
Pino Iaco

Azz. un padre...pardon un nipotino costituente....quanta conoscenza buttata via.

Nicola Raffaele Coviello
Nicola Raffaele Coviello

Questa poi non l'avevo mai sentita "la differenza tra il costo della politica e il costo della democrazia" ,sofismi dalemiani".P.S. ma gli F35 non sono un costo della democrazia?

Marco Arte Futura Mariani
Marco Arte Futura Mariani

Consegnano 42 milioni di risparmio sulle loro retribuzioni (meritorio e bello),poi però vorrebbero elezioni immediate con il proporzionale (500 milioni di spesa) per riproporre alla nazione un Paese diviso in 3 e quindi coalizione PD-FI.E loro a gridare per anni che schifo,che schifo,che schifo.Ripropongono l'estrema sinistra di opposizione a tutto e a tutti ,malattia dell'infanzia viziata.

Paolo D'Eugenio
Paolo D'Eugenio

Magari, quando vai su Google, guarda pure che tipo di Stato è la Germania. Scoprirai che è uno stato federale. E poi parlate di balle!! Nemmeno l'ABC. Ma già. Di riforme se ne occupano la Boschi e Verdini ...