•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 2 aprile, 2014

articolo scritto da:

Rimborsopoli Regione Campania, 52 consiglieri verso il rinvio a giudizio

regione campania

Regione Campania: tinture per capelli, pranzi, giocattoli, cravatte e bottiglie di vino. E’ la nuova frontiera della rimborsopoli campana. Appena due giorni fa, il premier Renzi annunciava ai microfono del Tg2: “Bisogna “abbassare l’indennità dei consigliere regionali e mai più rimborsopoli”. La risposta non si è fatta certo aspettare: 55 avvisi di conclusione delle indagini preliminari sono state fatte recapitare a 52 consiglieri della regione Campania e a tre fornitori di ricevute irregolari. Ricorrenti i reati di peculato e truffa, ipotizzati dal pm Giancarlo Novelli e dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avvio. Il Presidente della Regione, Stefano Caldoro, non è indagato.

Tra i 52, tre sono le figure di maggior spicco che potrebbero creare imbarazzo all’interno dei partiti (o forse no?): il sottosegretario Umberto Del Basso de Caro (Pd) e i senatori di Forza Italia Domenico De Siano ed Eva Longo. Tra le richieste di archiviazione proposte dal pm (13 in tutto) c’è quella di Fulvio Martuciello, già capogruppo del Pdl e oggi assessore regionale alle Attività produttive.

 Del Basso De Caro

Del Basso De Caro è rientrato indubbiamente nella lista dei sottosegretari governativi più chiacchierati dell’esecutivo Renzi: avvocato penalista, eletto per “la trasparenza e la legalità della politica e della pubblica amministrazione” (sic!), già eletto tra le file del Psi nella XI legislatura (’92-’94) e nel Pd nella XVII (da febbraio 2013). Il 28 febbraio di quest’anno, Renzi lo ha nominato sottosegretario alle Infrastrutture. E’ indagato per peculato: promosso.

Domenico De Siano (classe 1958) è il coordinatore regionale di Forza Italia in Campania. All’apparenza un nuovo della politica nostrana: fino alle elezioni di febbraio non aveva mai conosciuto gli scranni succulenti di Montecitorio o Palazzo Madama. Eppure De Siano è in politica da quando portava i pantaloni alla zuava: è stato consigliere regionale, provinciale di Napoli e comunale di Lacco Ameno. Nel 2013 viene eletto senatore col Pdl e continua a mantenere due poltrone su tre (consigliere provinciale e comunale). Quel fascino oscuro della doppia (tripla, anche senatore) poltrona.

Eva Longo (salernitana doc), senatrice di Forza Italia a Palazzo Madama. Eletta per la prima volta il 25 febbraio 2013, professione insegnante. Segretaria della commissione Finanze e tesoro, la sua attività legislativa è molto incentrata sui temi del rispetto ambientale e dell’educazione scolastica. Longo è una delle firmatarie della “parità di genere” nelle liste per le europee e per le politiche (a partire dal 2019).

Tutti i consiglieri indagati, appartengono alla giunta attuale tranne Pietro Diodato, indagato per truffa in relazione all’uso dei cosiddetti fondi per la comunicazione riguardanti la precedente consiliatura. La difesa degli indagati è sempre la stessa: non siamo tenuti a rendicontare le spese perché la legge regionale non lo prevede. Ma i pm non hanno condiviso questa tesi e continuano a ritenere la maggior parte delle spese pazze non compatibili con l’attività istituzionale.

 

Giacomo Salvini

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: