•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 6 aprile, 2014

articolo scritto da:

Cottarelli: “Da maggio via alla seconda fase della spending review”

cottarelli

Le forbici del commissario alla revisione della spesa pubblica Carlo Cottarelli non sono state ancora riposte nei cassetti del ministero dell’Economia. L’ha confermato lui stesso al Corriere della Sera, in un’intervista rilasciata a margine del Forum Ambrosetti di Cernobbio. Invitato speciale del tradizionale meeting economico, Cottarelli ha fissato i tempi della fase due del piano di spending review, quella attuativa, il cui report è già stato consegnato al governo l’11 marzo scorso: “L’obiettivo di ridurre la spesa pubblica di 32 miliardi in un triennio era già stato fissato, ma il nuovo esecutivo gli ha dato più forza”, ha poi aggiunto l’ex funzionario del Fmi, apprezzando così la caparbietà del premier Renzi.

Il Cottarelli bis setaccerà nuovamente le spese dei bilanci dello Stato e attaccherà gli sprechi sfuggiti durante la prima fase di lavoro. Questo studio serrato e certosino durerà da maggio fino a settembre: “Abbiamo 103 Ragionerie locali nel territorio nazionale, un centinaio di direzioni del ministero del Lavoro e 32.000 centri d’appalto, quando ne basterebbero soltanto 30-40”, ha fatto presente il commissario cremonese, che poi ha aggiunto: “Lo Stato salda le sue fatture (se lo fa) attraverso 11.000 centri di elaborazione, quando sarebbe sufficiente attivarne solo un centinaio”. C’è chi, tra gli addetti ai lavori e l’opinione pubblica, fa notare come il Cottarelli II vada contro lo spirito dell’articolo 5 della Costituzione sul decentramento amministrativo.

Intanto, stamattina, il Sole 24 Ore ha pubblicato le cifre al vaglio dei tecnici del Mef: taglio della spesa sanitaria compresa tra i 2 e i 2,5 miliardi di euro (ma è subito arrivata la secca smentita di Palazzo Chigi); riduzione di 700 milioni all’anno nel pubblico impiego, attraverso il taglio progressivo degli stipendi oltre i 70 mila euro; risparmi compresi tra i 300 e i 500 milioni nel comparto Difesa; stretta di 800 milioni sugli acquisti di beni e servizi della Pa; decremento di 200-400 milioni per gli organi costituzionali (Parlamento, Quirinale e Consulta su tutti); infine, 1 miliardo di euro provenienti dalla razionalizzazione degli aiuti alle imprese.

Ma il commissario Cottarelli ha anche parlato di una fase tre “più impegnativa”, prevista a dicembre, in cui si valuterà l’opportunità d’introdurre il principio di performance budgeting, che permetterebbe al legislatore di misurare l’efficienza dei dirigenti pubblici “sulla base delle risorse assegnate e degli obiettivi prestabiliti”.

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Bruno Marioli
Bruno Marioli

Quando il ministero invito' i cittadini a partecipare dando delle idee su che cosa bisognerebbe rivedere nelle spese dello stato, anch'io ho partecipato scrivendo la mia opinione: a distanza di due anni i risultati sono disastrosi ! Lo stato italiano è un malato terminale: se ritornassimo agli staterelli dell'ottocento staremmo molto meglio !

Bruno Dezi
Bruno Dezi

si ma la prima fase è sfuggita anche ai radar

Giuseppina Congiusta
Giuseppina Congiusta

prendi i soldi dove li hanno, non distruggere ancora il ceto sociale, ridotto già all'osso. fai tagli agli sprechi

Lucio Bufo
Lucio Bufo

ancora nun hai finito? ... a stora dovresti avè tajiato tutti l'arberi da lungotevere a la pineta de Ostia ... e daje, mo riposate n'attimo!

Fabrizio Bina
Fabrizio Bina

Basta con questi porco dissanguatori del popolo. BASTA.