•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 7 aprile, 2014

articolo scritto da:

Def, Renzi incontra Cottarelli, Gutgeld e Padoan

premier renzi consiglio europeo

“A febbraio legge elettorale e riforme, a marzo lavoro, ad aprile pubblica amministrazione, a maggio fisco”. Sugli annunci spot, con tanto di slide incorporate, del neo premier Renzi esiste già un’ampia letteratura. Tralasciando che ogni riforma è stata ritardata, più o meno, di un mese, domani arriva il Def (documento di economia e finanza). Precursore dei temi “lavoro” e soprattutto “ripresa economica”.  A Palazzo Chigi, queste, sono ore frenetiche: ieri il premier è rimasto tutto il giorno rinchiuso nel palazzo incontrando ministri e collaboratori. I dubbi riguardano ancora il taglio dell’Irap e la curva delle detrazioni Irpef. Due fattori dal peso specifico alquanto elevato.

Si discuterà e molto anche sui famosi 80 euro che dovrebbero finire nelle buste paga dei lavoratori che guadagnano meno di 1500 euro al mese, a partire dal 27 di maggio. Il governo è indirizzato verso l’opzione “fai da te”: niente ulteriori coperture, la busta paga sarà rinvigorita con i costi della spending review. Proprio su questo tema, stamane il premier è intervenuto pubblicando una lettera al Il Messaggero di Roma che, nel suo punto focale, diceva: “dopo il mio recente giro nelle capitali dell’Unione europea, e a pochi mesi dall’avvio della presidenza italiana del semestre europeo, la tentazione di sottolineare che della spending review non abbiamo bisogno solo noi, è forte” e quindi “nessuno può davvero fare lo splendido e noi stiamo facendo la nostra parte, a partire proprio dai tagli a sprechi e privilegi, e in particolare dai costi della politica” ma sempre “rispettando i vincoli comunitari” e “lavorando per costruire un’altra Europa”. Insomma, dello sforamento del vincolo del 3%, non se ne parla proprio.

Arrivano già, le prime profezie sul Def che sarà presentato domani pomeriggio in Consiglio dei Ministri(ore 18). I dati ottimistici del governo Letta ne escono sicuramente ridimensionati: se quest’ultimo (insieme al super tecnico Saccomanni) prevedeva una crescita dell’1% nel 2014, la coppia Renzi-Padoan si ferma allo 0,8%. Ancora più basse le stime europee che danno l’Italia in crescita dello 0,6%. Il rapporto deficit/pil dovrebbe comunque rimanere intorno al 2,6%.

Stamane Renzi ha ricevuto a Palazzo Chigi il commissario Carlo Cottarelli (messo un po’ in disparte negli ultimi giorni dal governo) e il consigliere economico del premier Yoram Gutgeld. Nel pomeriggio è previsto anche l’incontro finale con Pier Carlo Padoan per limare gli ultimi dettagli sul Def. Domani il verdetto finale. Si attendono lumi.

Giacomo Salvini


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da: