•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 7 aprile, 2014

articolo scritto da:

Def, Renzi incontra Cottarelli, Gutgeld e Padoan

“A febbraio legge elettorale e riforme, a marzo lavoro, ad aprile pubblica amministrazione, a maggio fisco”. Sugli annunci spot, con tanto di slide incorporate, del neo premier Renzi esiste già un’ampia letteratura. Tralasciando che ogni riforma è stata ritardata, più o meno, di un mese, domani arriva il Def (documento di economia e finanza). Precursore dei temi “lavoro” e soprattutto “ripresa economica”.  A Palazzo Chigi, queste, sono ore frenetiche: ieri il premier è rimasto tutto il giorno rinchiuso nel palazzo incontrando ministri e collaboratori. I dubbi riguardano ancora il taglio dell’Irap e la curva delle detrazioni Irpef. Due fattori dal peso specifico alquanto elevato.

Si discuterà e molto anche sui famosi 80 euro che dovrebbero finire nelle buste paga dei lavoratori che guadagnano meno di 1500 euro al mese, a partire dal 27 di maggio. Il governo è indirizzato verso l’opzione “fai da te”: niente ulteriori coperture, la busta paga sarà rinvigorita con i costi della spending review. Proprio su questo tema, stamane il premier è intervenuto pubblicando una lettera al Il Messaggero di Roma che, nel suo punto focale, diceva: “dopo il mio recente giro nelle capitali dell’Unione europea, e a pochi mesi dall’avvio della presidenza italiana del semestre europeo, la tentazione di sottolineare che della spending review non abbiamo bisogno solo noi, è forte” e quindi “nessuno può davvero fare lo splendido e noi stiamo facendo la nostra parte, a partire proprio dai tagli a sprechi e privilegi, e in particolare dai costi della politica” ma sempre “rispettando i vincoli comunitari” e “lavorando per costruire un’altra Europa”. Insomma, dello sforamento del vincolo del 3%, non se ne parla proprio.

Arrivano già, le prime profezie sul Def che sarà presentato domani pomeriggio in Consiglio dei Ministri(ore 18). I dati ottimistici del governo Letta ne escono sicuramente ridimensionati: se quest’ultimo (insieme al super tecnico Saccomanni) prevedeva una crescita dell’1% nel 2014, la coppia Renzi-Padoan si ferma allo 0,8%. Ancora più basse le stime europee che danno l’Italia in crescita dello 0,6%. Il rapporto deficit/pil dovrebbe comunque rimanere intorno al 2,6%.

Stamane Renzi ha ricevuto a Palazzo Chigi il commissario Carlo Cottarelli (messo un po’ in disparte negli ultimi giorni dal governo) e il consigliere economico del premier Yoram Gutgeld. Nel pomeriggio è previsto anche l’incontro finale con Pier Carlo Padoan per limare gli ultimi dettagli sul Def. Domani il verdetto finale. Si attendono lumi.

Giacomo Salvini

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Secondo voi alla fine ci sarà la scissione nel Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: