•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 8 aprile, 2014

articolo scritto da:

Zagrebelsky e Rodotà: con Renzi svolte populiste. Si riapra il dialogo

Pochi giorni fa l’appello di Zagrebelsky contro le riforme volute da Renzi: “Renzi vuole stravolgere la Costituzione. Firmiamo per fermarlo”. Hanno aderito Rodotà, Grillo, Casaleggio e tanti altri. Adesso l’ex giudice della Corte Costituzionale chiama l’attenzione del Presidente del Consiglio sostenendo una proposta.

Il giurista piemontese pensa di esser stato tagliente “ma quali strumenti vede oltre l’appello? Il problema è che l’unico modo di mettersi in gioco, per Renzi, sembra essere quello di dire sì a Renzi”, afferma in un’intervista a La Stampa. Poi gli si chiede se l’etichetta di ‘professore’, che i giornali gli hanno additato (“l’appello dei professori”), gli garba: “è una parola di scherno. Ci gonfiano per poterci umiliare e cantare vittoria. Sono e mi sento un professore. Il mio habitat è l’Università, a contatto con gli studenti”. Poi Zagrebelsky parla del rapporto con la politica parlamentare: “varie volte mi sono state offerte candidature. Ho sempre rifiutato perché la politica non fa per me. È cosa molto seria, e bisogna averne la vocazione. L’unico potere, per quelli come me e Rodotà, è dire ciò che si pensa. Mentre il dovere di un politico è ascoltare tutti; poi naturalmente tocca a lui decidere”.

Non è cosa vostra, manifestazione per la Costituzione

Quindi il discorso passa su Renzi. Conosciuto da giovane, secondo il costituzionalista, non dava l’impressione di avere una vena così altamente verticistica: “allora, non avrei immaginato la vena di una certa presunzione che mi pare emerga ora e si manifesta con battute e frasi fatte al posto di argomenti. La presunzione consiste nella chiusura a ogni discussione, un atteggiamento che presuppone il possesso del criterio del bene e del male”. Ecco perché Zagrebelsky auspica al dialogo: “se ci fossero canali aperti al confronto, si farebbe tutti più strada: tutti, come si conviene in materia di Costituzione. Ma questo presupporrebbe una cosa, che manca, come ha detto Massimo Cacciari: la chiarezza d’un disegno generale del quale discutere”.

Stefano Rodotà, co-firmatario dell’appello, dalle colonne de La Repubblica, parla di svolte populiste: “Renzi  deve riaprire i canali di comunicazione tra istituzioni e cittadini, abbandonando la logica che riduce le elezioni a investitura di un governo che risponderà ai cittadini solo cinque anni dopo, alle successive elezioni”. Conclude affondando sul premier: “le semplificazioni autoritarie sono ingannevoli, la concentrazione del potere nelle mani del solo governo, o di una sola persona, produce l’illusione dell’efficienza e il rischio della riduzione della democrazia. Si sta creando una pericolosa congiunzione tra disincanto democratico e pulsioni populiste”.

Daniele Errera

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: