•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 8 aprile, 2014

articolo scritto da:

Riforma Senato: M5S apre a ddl Chiti, scontro nel PD

Corradino Mineo e quella telefonata con Matteo Renzi

Il Movimento 5 Stelle apre ma il PD si divide. E’ questa la sintesi riguardo alle vicende che girano attorno al ddl Chiti di riforma del Senato, presentato da una minoranza nel PD – una ventina di senatori già bollati come “dissidenti”.

“E’ una fotocopia del nostro ad eccezione di un punto sul taglio delle indennità, quindi se ne può parlare”. Questa l’apertura al ddl da parte di Vincenzo Santangelo, capogruppo M5S al Senato. Conferme anche dal collega Morra: “Sì, non escludiamo una convergenza”.

Si apre così un fronte interno al PD, con Zanda che chiede interventi “all’interno dello schema Renzi”. Tuttavia la proposta Chiti ha un forte punto di discontinuità, rappresentato dall’elezione di 106 senatori in collegi regionali, che cozza con la non eleggibilità caldeggiata da Renzi.

zanda luigi

Il “dissidente” Mineo ribatte: “il ddl resta sul tavolo, ma non vogliamo spaccare il partito”, sottolineando che “è la premessa per la costruzione di una maggioranza alternativa”. Ma la maggioranza del partito, su proposta di Nicola Latorre, chiede il ritiro del ddl: “bisogna lavorare per perfezionare il testo governativo esistente”.

Nel frattempo arriva un avvertimento sulla riforma del Senato anche dal ministro dell’Economia Padoan: “se le riforme non dovessero passare sarebbe molto grave per il Paese”.

Emanuele Vena


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

53 comments
Angela Pagliaro
Angela Pagliaro

Vi prego ,non facciamoci del male da soli ! Niente faide : si discuta pure ma alla fine vinca la maggioranza del Partito !

Massimo Nesti
Massimo Nesti

Questi 22 sono l'essenza del vecchio, del sistema corporativo, protezionistico e clientelare che ha rovinato il Paese.

Maria Cristina Gnudi
Maria Cristina Gnudi

spero che mantengano la parola e non si 'accodino' ordinatamente all'ultimo momento come succede quasi sempre.

Irene Moretto
Irene Moretto

ma neppure con questo pressapochismo........ sentire la picierno...

Sergio Meazza
Sergio Meazza

E questo cosa c'entra col bicameralismo? Il problema non è affatto riducibile alla dicotomia velocità-lentezza o a quella tra riflessione e immediatezza. Lodo Alfano e legge Fornero sarebbero passati anche attraverso il tri o persino quadricameralismo.

Franco Bortolotti
Franco Bortolotti

per esempio tutta la vicenda della riforma costituzionale ultima, di un decennio fa, del titolo V: una presa per il culo colossale. La Fornero che riforma le pensioni senza rendersi conto che c'è il problema degli esodati, non quantificato, che peserà per anni

Lucio Contini
Lucio Contini

Film già visto... Mineo e Civati faranno come con la Giachetti: non la voteranno!

Fabrizio Stier
Fabrizio Stier

Discutiamo altri 50anni della migliore riforma dell'universo!

Fabrizio Stier
Fabrizio Stier

Perché lei, topo di fogna di Grillo, capisce qualcosa di qualsiasi argomento?

Sergio Ciaramita
Sergio Ciaramita

Mai accordi col m5s finche non diventa un movimento democratico

Annita Mastrodomenico
Annita Mastrodomenico

Con quello che stanno mettendo in atto è meglio non tocchino niente... e meno male che i dilettanti allo sbaraglio sono quelli del M5S. ...

Gianni Spadoni
Gianni Spadoni

Io chiudo qui, rispettando le idee di tutti, dico solo che è storia, con la scusa del dibattito interno la sinistra, è capace sempre di farsi male da sola, sono contento che la mia osservazione, abbia avuto un così numeroso dibattito.

Paolo D'Eugenio
Paolo D'Eugenio

Che poi, tutti sti piddini renziani ... mica vanno mai nel merito delle famose "riforme"!! Fanno tutti come la Picierno. Vanno bene ... perché vanno bene. Pure se non sanno di che roba di tratta ...

Paolo D'Eugenio
Paolo D'Eugenio

I professori che, prima, andavano bene quando criticavano Berlusconi ... ora sono diventati dei rompipalle. Chi, nel partito, osa esprimere qualche dubbio su riforme raffazzonate e decise da Verdini, diventa un traditore attaccato alla poltrona e da rottamare ... e poi sarebbe il M5S quello antidemocratico!!

Paola Candido
Paola Candido

siete buffoni ....mai che il PD sia stato unito !!!

Vittorio Cobianchi
Vittorio Cobianchi

E dovevano impedire la costruzione dell'inceneritore di Parma! Ah, no, quello era il M5s, nell'unica roba che governa al mondo.

Lucio Filipponi
Lucio Filipponi

Come al solito incasinano tutto e poi scaricano le colpe l'uno addosso a l'altro. Come ci si può fidare di questi stronzi

Franco Bortolotti
Franco Bortolotti

dovrebbero dimettersi tutti i parlamentari del pd che hanno voltato gabbana: sono stati eletti da 8 miliioni di elettori su un programma che non comprendeva la abolizione del senato e per mantenersi la poltrona poi l'hanno accettata solo perché sostenuta da Renzi e da due milioni di partecipanti alle primarie. Viva il bicameralismo.

Domenico Bianco
Domenico Bianco

Corradino, sei grande e vaccinato per fare delle scelte. Ora!

Franco Bortolotti
Franco Bortolotti

Il passaggio in due camere almeno delle leggi più importanti non è male. Abbiamo sofferto più delle decisioni affrettate che della lentezza delle decisioni, secondo me.

Francesco Bruno
Francesco Bruno

...Mineo! un uomo che ha fatto carriera all'ombra del pd....fazioso e indisponente quando guidava Rai News24 e ora capace solo di creare spaccature. ...un uomo da evitare...

Giancarlo Pellegrini
Giancarlo Pellegrini

Stanno facendo tutto questo baccano per la riforma del Senato ! Ma non vi accorgete ancora che vi prendono per i fondelli ? Dovevano dimezzare tutti i parlamentari, abolire le Province, eliminare immediatamente tutti i rimborsi ai partiti, fare una legge elettorale dove noi potevamo scegliere i nostri rappresentanti, creare le condizioni per nuove occupazioni ecc ecc... Invece parlano e propongono di fare soltanto cose che non danneggiano più di tanto il sistema e quindi aiutano se stessi a rimpinguare le tasche portandoci alla rovina lentamente.

Gianluca Mercuri
Gianluca Mercuri

In tutti i commenti sopra tutti danno per scontato che le "riforme" proposte dal re vadan bene. Nessuno che si ponga il dubbio. Nessuno. Alla faccia dei cervelli liberi...

Angelina Di Gregorio
Angelina Di Gregorio

Era meglio se avessi continuato a fare il giornalista... Uomo di seggiola!

Pierangelo Bucci
Pierangelo Bucci

Le riforme istituzionali appartengono alla discussione parlamentare e non possono essere dirette con la bacchetta e le minacce da parte del governo. Se il DDL Chiti può coinvolgere il M5S nella riforma e migliorarla, ben venga. Riforme di questa portata, che riguardano l'assetto istituzionale del paese e le regole del gioco, è bene che siano ampiamente condivise.

Rosa Fos
Rosa Fos

ma come fanno a essere tutti così antipatici i pd?

Vanni Mircoli
Vanni Mircoli

Nel PD la maggioranza vince, come deve essere in democrazia, pertanto Mineo e soci ...grazie sarà per un'altra volta !!!

Geppino Batelli
Geppino Batelli

a napoli uno come Mineo lo chiamiamo: " O NFINFERO ", finge di non volere quello che succederebbe, la verità è che i comunisti non vogliono essere guidati da un democristiano che li fa contare NIENTE

Romano Fedi
Romano Fedi

Credo che chi va contro il novanta percento del partito farebbe bene a uscirne fuori. Ci sono tanti altri partoti e movimenti. Ma il problema vero per molti è come farsi rieleggere perche non vogliono abbandonare le poltrone. Avanti il rullo compressore schiacci non il dissenso.ma il disprezzo della maggioranza.

Arnaldo Barocci
Arnaldo Barocci

I vecchi comunisti non si smentiscono mai. Ma cosa vogliono queste persone in via di estinzione?

Stefania Pellerucci
Stefania Pellerucci

Piu' spaccato di cosi! Andatevene tirate fuori gli attributi cavolo!!

Salvatore Leonelli
Salvatore Leonelli

Mineo cerchi di fare la persona seria,fino adesso ti avevo reputato una persona perbene,ora mi devo ricredere.La politica non e'fatta per tutti.Ritornate a fare quello che facevate.

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Non ritiriamo il testo, ma non vogliamo spaccare il partito (che discorso è?) ; prosegue la demenziale logica autodistruttiva della sinistra che ha permesso vent'anni di berlusconismo!

Michelangelo Romano
Michelangelo Romano

Stronzi siete stati eletti per fare gli interessi dell'Italia non solo i vostri

Fernando Giannoni
Fernando Giannoni

Questi non sono politici, ma del genio guastatori. é nel loro DNA. Sanno che il M5S li prende per il culo e fingono di crederci per mettere in difficoltà Renzi. Speriamo di rottamarli presto.

Moris Bonacini
Moris Bonacini

un conto è il dibattito, la legittima diversità di posizioni che in un grande partito è fisiologica; altro è diventare oedine di giochi altrui

Moris Bonacini
Moris Bonacini

e meno male: sti sprovveduti rischiano di fare il gioco di Grillo