•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 9 aprile, 2014

articolo scritto da:

Chiti “Il Pd non può essere un partito plebiscitario”

Parla Vannino Chiti: “Non cerco visibilità e non ho fondato correnti. Anzi, sono l’unico chitiano d’Italia. Ma il Pd non può essere un partito plebiscitario”.

Lo afferma a Repubblica, Vannino Chiti autore di un testo di riforma del Senato su cui si coagula un fronte che va dal Movimento 5 Stelle a Forza Italia, passando per un fetta della minoranza del Partito Democratico. “Io non sono antirenziano – precisa Chiti. Nel 2009, quando Matteo era presidente della Provincia, mi propose di candidarmi sindaco di Firenze con il suo sostegno. Rifiutai perchè ritenevo giusto un ricambio generazionale. E si candidò lui”.

“Voglio solo – spiega Chiti – una buona legge. Renzi dice che il mio testo non passerebbe? Stando alle dichiarazioni senza il ddl e il diktat del governo la nostra proposta potrebbe avere il sì non solo della maggioranza, ma anche di Forza Italia e M5s. Non mi sembrerebbe un esito politico disprezzabile”.

 chiti vannino riforma senato e renzi

Alla domanda su che fine faccia la disciplina di partito dal momento che il Pd ha dato via libera al testo del governo, Chiti replica: “Qui si modifica la Costituzione. C’è un dovere di responsabilità, autonomia e coerenza con la propria coscienza oppure no? Altrimenti non saremmo il partito democratico, nè un partito personale: saremmo un partito plebiscitario e autoritario. Altro che sinistra europea. Ma non è neppure pensabile che sia così”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

10 Commenti

  1. Vanni Mircoli ha scritto:

    Il PD è un partito democratico ( PD ) cioè, la maggioranza alla fine ha il diritto di fare ciò che ha proposto !!! Chiti , Civati, Fassina non sono democratici perché non accettano di essere minoranza, se proponessero cose migliori sarebberoro maggioranza, pertanto se ne facciano una ragione e si tolgano dai piedi !! Hanno veramente stancato !!!!

  2. Oreste Picari ha scritto:

    Chiti ha avuto una vita per proporre una riforma del senato, invece fu tra gli artefici dell’obbrobbrio del capo V e sncora parla….

  3. Paolo D'Eugenio ha scritto:

    Ti rammento che i parlamentari del PD sono stati eletti su un programma che NON prevedeva nessuna delle riforme che ora Renzi vuol fare.

  4. Francesco Passeri ha scritto:

    non è vero . E possono sempre dimettersi.

  5. Paolo D'Eugenio ha scritto:

    Ma voi P2iddini non eravate quelli democratici? Mò se uno dissente dal capo si deve dimettere?

  6. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Ma i grillini a parte insultare che fanno? Mentre Chiti &C. Tentano di mantenere lo status quo (come Forza Italia eM5Espelle)

  7. Marco Arte Futura Mariani ha scritto:

    Fai una legge con M5S e poi torni all’altra maggioranza ??? Ma come cazzo ragioni !! Ritirati,sono 30 anni che ci fate perdere per Dio !!!!!

  8. GaspareSupremo ha scritto:

    La vera ragione é che Renzi vuol essere il Padrone ed Esecutore maximo del Suo Partito e sta cercando in tutti i modi di allontanare i dissidenti con continue provocazioni con vari Autaut alla Benito !

  9. Ernesto Sessa ha scritto:

    Chiti fai festa, fai come me vai a fare il nonno.

  10. Nicola Romano ha scritto:

    Questo non significa bisogno assoluto di litigiosità.Appartenere ad una Comunità,di qualsiasi tipo,autorizza,certamente, a discutere le decisioni da prendere,non autorizza,viceversa.a portare fino in fondo le proprie decisioni,anche con una maggioranza contraria.Questa si chiama ARROGANZA,che è il vero limite del PD.Se si continua su questa strada,il PD sarà sempre un partito di perdenti.Sembra che,a questi signori,la Storia non insegni mai nulla.

Lascia un commento