•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 20 agosto, 2014

articolo scritto da:

Statali, nuovo blocco dei salari? Cgil: inaccettabile

Una bomba a orologeria. Lo scoop de Il Messaggero di stamane è di quelli amari, difficili da digerire. “Se non si toccano sanità, pensioni e statali, la spending review non riuscirà a centrare i suoi obiettivi” e “bisogna intervenire su almeno due su tre di questi capitoli”. A parlare al quotidiano romano è una fonte del Tesoro che apre ad una soluzione infausta per recuperare, nel 2015, i famosi 16-17 miliardi previsti dalla Legge di stabilità (da presentare entro metà ottobre): rinnovare per altri due anni il blocco contrattuale per gli statali. La notizia non può certo passare inosservata.

Fonti di Palazzo Chigi negano qualunque ipotesi di intervento su pensioni e stipendi, ma il rapporto con Via XX Settembre, si sa, non è dei migliori. Delle due l’una: o Renzi e Padoan sono in conflitto aperto sui tagli da fare o uno dei due fa orecchie da mercante in pubblico e sottobanco si prepara a decapitare una parte cospicua del nostro welfare. Ma tant’è. La prima ad aprire il fuoco, è la Cgil: “c’è da augurarsi che sia una bubbola agostana. Un nuovo blocco biennale dei salari nella #PA sarebbe inaccettabile”.

I numeri. Dal 2010, 3,3 milioni di lavoratori dipendenti non ottengono più il rinnovo contrattuale e questo blocco durerà, per effetto dell’ultima legge di Stabilità (governo Letta), fino a dicembre 2014. Da gennaio 2015, gli stipendi si dovrebbero sbloccare. Ma se il governo interverrà ad ottobre, lo stop potrebbe essere rinnovato fino al 2016. Negli ultimi 4 anni, la stretta sugli stipendi ha permesso di risparmiare circa 11,5 miliardi di euro e dal 2009 il salario dei dipendenti pubblici è diminuito di circa 15 punti percentuali. Circa 4 mila euro di sacrificio pro-capite, come sottolinea la Cgil. Per fare qualche esempio: un impiegato ministeriale ha rinunciato fino ad oggi a 2.800 euro lordi che diventerebbero 4 mila con il blocco fino al 2016, un docente universitario tra i 4.500 e i 9.500 (a seconda del ruolo) e un medico del servizio sanitario a 7.500 euro. Cifre da capogiro. E, soprattutto, da spavento.

Legge stabilita', protestano i sindacati

“Continuare a pensare che si possa eternamente intervenire sul salario dei dipendenti pubblici e sul loro diritto al rinnovo del Contratto nazionale è un errore madornale”- scrivono i Segretari Generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fp e Uil-Pa, in una nota- “una ricetta, non solo ormai improponibile sotto il profilo della giustizia sociale, ma anche inutile per il governo dei conti pubblici”. “Inaccettabile, pericolosa e ridicola” è l’ipotesi di rinnovo del blocca stipendi per gli statali, secondo i sindacati autonomi, mentre il segretario generale Spi Cgil Carla Cantone attacca il governo anche sul fronte pensioni (altro tema caldissimo di questi giorni): “è il momento di lasciare in pace i pensionati” dice e poi invoca una mobilitazione generale perché “la pazienza è finita”.

Gli schieramenti si preparano in trincea. L’autunno sarà caldissimo, afoso. Ma intanto il premier ieri da Forte dei Marmi cinguettava: “I giornali di agosto sono pieni di progetti segreti del governo. Talmente segreti che non li conosce nemmeno il governo”. I cittadini si preparano all’incendio e Renzi fa il pompiere. Ma potrebbe non bastare.

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] Scritto da: Giacomo Salvini —————————————————————- |Clicca qui per leggere l'articolo| —————————————————————- |Clicca qui per leggere gli […]