•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 28 agosto, 2014

articolo scritto da:

Regionali Emilia Romagna, Bonaccini Richetti si contendono le primarie

Primarie regionali Emilia Romagna: sfida aperta Bonaccini Richetti. Il primo è segretario regionale del Pd in Emilia Romagna, il secondo un deputato e renziano della prima ora. Renzi conosce bene entrambi e guarderà alla primarie emiliane con molta attenzione. Si arriva alle primarie del 28 settembre partendo dalle dimissioni del governatore Vasco Errani.

Lo scontro Bonaccini Richetti sarà possibile dopo l’accordo saltato che avrebbe dovuto portare alla candidatura del sindaco di Imola Daniele Manca. Saltato l’accordo i due uomini forti del Pd in Emilia Romagna dell’era Renzi hanno deciso di accettare la sfida e correre alle primarie.

Il segretario regionale Stefano Bonaccini è sostenuto anche dall’area Cuperlo del partito. Mentre Richetti conta su una rete di sostenitori cresciuta di paripasso con la centralità di Renzi e dei suoi temi nel partito ma soprattutto nell’area esterna al partito.

Stefano Bonaccini, all’inaugurazione della Festa dell’Unità, ha spiegato così la sua decisione di correre alle primarie: “Visto che non si è riusciti a comporre il quadro su un nome più condiviso possibile ho deciso, viste anche le tante sollecitazioni da tutti i territori e anche trasversali, di candidarmi alle primarie”. Mentre Matteo Richetti ha affidato, previo avviso via sms al premier, il suo messaggio ai social network e ha voluto utilizzare il primarie: “Abbiamo deciso…”.

er richetti bonaccini accendono sfida primarie regionali emilia romagna

Bonaccini Richetti non saranno soli nella corsa alle primarie. Completano il quadro dei candidati: Patrizio Bianchi, ex rettore e assessore nella giunta Errani, la presidente dell’assemblea Palma Costi e l’ex sindaco di Forlì Roberto Balzani.

BONACCINI “IO UNISCO DI PIU'” – “Non mi sento meno renziano di Richetti, né di chiunque altro. Ma credo anche che non dovremmo dividerci sul cognome di un altro. Io semplicemente unisco più di lui” Stefano Bonaccini, candidato alle primarie del centrosinistra in Emilia-Romagna che, assicura, “non saranno una guerra fratricida” ma “il confronto tra due persone che si stimano”. “Con Matteo avevamo immaginato uno scenario diverso, ma un candidato è unitario se non ci sono altre candidature. Invece ci sono state, e non siamo riusciti a trovare una sintesi”, dice Bonaccini. “Non siamo affatto in ritardo. Le candidature saranno presentate entro l’11 di settembre, e il 28 ci saranno le primarie, in tempo per il voto di metà novembre. La rincorsa degli ultimi giorni è dovuta più ai media che ad altro”.

RICHETTI “LE PRIMARIE NON SONO UN DRAMMA” – “Non c’è balcanizzazione. Da un lato ci si lamenta se tutto viene deciso senza un confronto dall’esito non precostituito, dall’altro in presenza di una competizione si parla di caos. Le primarie non sono mai un dramma”. Sul possibile sostegno di Renzi Richetti ha affermato: “Mica ha bisogno di schierarsi. Non credo abbia la necessità di prendere parte alle primarie dell’Emilia Romagna”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Gian Luca Minotti ha scritto:

    Non sottovalutare Balzani

  2. Pingback: Regionali Emilia-Romagna, Richetti si ritira da primarie Pd 1 - Termometro Politico

Lascia un commento