•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 1 settembre, 2014

articolo scritto da:

Fassina: “Sforare il 3% del Patto di Stabilità Interna”

fassina renzi

Fassina chi?”, si chiedeva Matteo Renzi, mesi fa, quando l’allora vice Ministro dell’Economia si batteva con forza e coraggio contro le scelte del numero 1 del partito. Si dimise nei primi giorni di gennaio, è cosa nota. E da allora è sempre stato la voce fuori dal coro, sia nelle scelte del Pd, che – particolarmente – nelle scelte economiche dell’esecutivo targato rottamatore fiorentino.

Fassina, ex consulente del Fondo Monetario Internazionale, torna oggi alla ribalta grazie ad un’intervista a La Repubblica, attraverso la quale chiede una sola cosa: crescita. E’ questo l’imperativo di Fassina e di tutti quei movimenti intorno al Socialismo europeo, in funzione anti rigore esclusivo targato Merkel ed amici filo-teutonici. “Il programma dei mille giorni – sostiene Fassina – è impegnativo, ma qui abbiamo di fronte scadenze urgenti. La prima è fra 45 giorni”. Della Legge di Stabilità si parla, ovvio. L’ex finanziaria, secondo l’economista dei bersaniani, dovrà essere “espansiva”. Anzitutto va superato il limite del Patto di Stabilità Interna. “c’è una sola strada”, evidenzia Fassina: “abbattere il tabù del tre per cento. Sforare per qualche anno il tetto, come del resto avviene già in molti paesi europei”.

Stefano Fassina

Battere il rigore, quindi. Quell’iniziativa che “ci manda a fondo. Nonostante la stretta, in questi anni il debito pubblico ha toccato il 135 per cento, non solo in Italia ma in tutta l’eurozona. La ricetta rigorista non funziona”, afferma Fassina, secondo il quale “la Merkel ha ceduto sulla partita delle nomine per rifarsi poi in quella sull’economia”. L’esponente Pd, quindi, chiude l’intervista con una critica all’eccessiva lentezza del Governo Renzi, spesso invocato come scattista, ma sempre più passista: “dal governo del ‘big bang’ si è passati a quello del ‘passo dopo passo’. Mi ricorda tanto il vituperato governo del cacciavite, quello di Enrico Letta”, spedito a casa per un’esasperata stasi politica.

Daniele Errera


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

10 comments
Vitale Alfio
Vitale Alfio

ma andate a lavorare a mille euro al mese se va bene

Antonio Polese Jr.
Antonio Polese Jr.

vogliono a tutti i costi aumentare il debito ,x kè non dimunuiscono i costi della politica?incominciando da tutti i previlegi ke sfruttano come dei malfamati ,quando nn spendono niente di niente.ECONOMISTI.......ki..

Giuseppe Mangialardi
Giuseppe Mangialardi

Il PIL italiano dipende al 53% dalla spesa pubblica ed in molti casi ha un'efficienza molto bassa. Mi sembra una lettura semplicistica e raffozzonata la tua.

Sergio Gs IIo
Sergio Gs IIo

se tagli 0.50 dalla spesa pubblica, il PIL scende di 1.50... meno spendi, meno cresci.