•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 5 settembre, 2014

articolo scritto da:

I bersaniani sono rimasti solo sull’Ansa

Ci sono abitudini giornalistiche che restano anche nell’”aldilà” dell’effettiva presenza politica. Capita ancora oggi, infatti, di leggere agenzie o (in minor numero) articoli che citano i “bersaniani” o i “cuperliani”, applicando etichette che in realtà hanno superato la loro data di scadenza.

Ma nella pseudo-corsa renziana resta difficile anche individuare, in modo facilmente riconoscibile, cioè che renziano non lo è, o almeno che non lo è diventato completamente. Ci si trova davanti a dei canovacci tipici della commedia italiana del ‘600, rispettati per lo più fedelmente a qualsiasi livello (locale, regionale o nazionale).

In assenza di notizie politiche di un “certo rilievo”, come accade in estate, capita di ritrovare sulle pagine qualche desaparecido non renziano, riesumato – solitamente – con una pseudo-intervista composta da 4-5 domande (abbastanza accordate) in cui gli argomenti toccati sono molteplici, ma tutti accomunati dall’essere in totale disaccordo con l’esponente renziano/il sindaco renziano/il governatore renziano/Renzi di turno.

bersani mentana

Un modus operandi che come passaggio successivo annovera la risposta di un membro dello “schieramento avverso” (quello renziano) e che come punto finale vede la replica dell’esponente ‘preso di mira’ nella prima intervista, che in modo bonario chiosa ricordando il 40% dei voti delle europee, il voto delle ultime amministrative, la “rivoluzione contro gli apparati” ed altre ovvietà riconducibili a quel canovaccio. In realtà il ricondurre quell’area sempre e solo all’ex segretario evidenzia tutti i limiti degli esponenti che hanno tentato di mettere la propria bandierina: da Pippo “la prossima volta che mi trattate male giuro che me ne vado” Civati a Matteo “alla fine una poltrona l’ho trovata” Orfini, passando per le meteore Gianni Cuperlo e Stefano Fassina.
Il problema, però, è che la situazione al momento sembra destinata ad arrivare al cortocircuito, e non per “colpa” dei bersaniani (o di come vogliamo identificare quel che resta dei non-renziani), ma perché il celebre carro dei sostenitori del Presidente del Consiglio, dopo l’ascesa dello scorso febbraio, registra alcuni problemi di tenuta per il troppo carico a bordo.

A tentare di spezzare il semiasse del carro potrebbe contribuire il prossimo turno di elezioni regionali. Il voto in Emilia Romagna, ad esempio, prospetta un derby tra due fedelissimi del premier – Stefano Bonaccini e Matteo Richetti – che hanno iniziato esattamente come ogni sfida dialettica del pre-renzismo: rinnovamento contro apparato. Questa volta però lo sconfinamento nell’assurdo appare immediato, visto che entrambi mostrano da mesi la spilletta di rottamatori.

Parlando seriamente, il momento elettorale della primavera 2015 – con l’antipasto delle non semplici consultazioni in Calabria – porterà alla verifica della tenuta dell’establishment renziano, che per ora è rimasto unito perché c’è stato sempre da “combattere”: prima contro Cuperlo, poi contro Letta e da qualche tempo contro Grillo. La presenza di un nemico comune cementifica una “truppa” – quella renziana che pare come unico collante la totale fedeltà psichica al “capo”, e non una struttura realmente organizzata. Una tipologia di armata che è ottima per la fase di battaglia – perché i fedeli arrivano a morire (politicamente) per il proprio capo – ma che spesso diventa indisciplinata in fase di controllo delle posizioni conquistate.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

6 Commenti

  1. Felice Galifi ha scritto:

    i chi

  2. Nicola Pedone ha scritto:

    stanno ancora cercando il giaguaro

  3. Franco Balconi ha scritto:

    Bersani sei una brava persona ma torna a Bettola

  4. Giuseppe Amato ha scritto:

    Chi sarebbero i bersaniani ?

  5. George Ross ha scritto:

    Avete fallito ritiratevi in buon ordine che vi conviene! Anzi fai una cosa consiglia pure D’Alema a ritirarsi !!!

  6. Dario Cafiero ha scritto:

    Che bello leggere i commenti di persone che non hanno minimamente letto quanto c’è scritto nel link… è esilarante

Lascia un commento