•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 10 settembre, 2014

articolo scritto da:

Gradimento presidenti regioni, Rossi (Toscana) sempre al primo posto

gradimento presidenti regioni enrico rossi il piu amato

rossi primo nella classifica dei presidenti di regioni piu apprezzati indagine monitoregioni

Gradimento presidenti regioni: al primo posto c’è ancora il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. Il presidente toscano, del Partito Democratico, conferma la sua leadership nel gradimento dei suoi cittadini anche nel secondo trimestre del 2014. A rilevalo è l’indagine Monitoregione, che completa il podio issando al secondo posto il neoeletto della Basilicata Marcello Pittella (Pd) e al terzo, pari merito, Stefano Caldoro della Campania (Forza Italia) e Luca Zaia (Lega Nord) del Veneto. Rispettivamente, rende noto Monitoregione (dell’Istituto di ricerca Datamedia), con percentuali del 56,5, 55,3 e 52,5%. A seguire, informa Monitoregione, Nicola Zingaretti del Lazio (Pd, fotografato al 52%) e sesta (lo studio assegna 4 posizioni al podio) Debora Serracchiani del Friuli Venezia Giulia (Pd), che con il 51,8% scivola di tre posizioni rispetto alla terza piazza archiviata nel primo trimestre. In fondo alla classifica il presidente della Sicilia Rosario Crocetta (Pd), che con il 46,1% precede di poco il suo collega del Molise Paolo di Laura Frattura (Pd), con il 45,4%. Nell’arco degli ultimi dodici mesi i presidenti di Regione – evidenziano gli autori dello studio – hanno fatto registrare, “chi più chi meno e nessuno escluso, un forte ridimensionamento del loro consenso”.

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

#doposci

#doposci

articolo scritto da:

3 comments
Vincenzo Nigro
Vincenzo Nigro

Rossi un Presidente normale che scrive come noi ed è un grande lavoratore. Povero Crocetta è difficile cambiare in Sicilia con i siciliani.

Francesco D'Alessandro
Francesco D'Alessandro

Che cazzata! Vedete un po la pagina di Pittella della Basilicata e ve ne rendete conto, finanche chi l'ha votato si sta rivoltando contro dopo la questione petrolio e discariche , non ci poteva essere governo e governatori peggiori per distruggere una regione stupenda....

Lello Petrone
Lello Petrone

Nella Campania dove bruciano ogni giorno rifiuti tossici Caldoro è apprezzato. Bah

Trackbacks

  1. […] TERMOMETRO POLITICO – Gradimento presidenti regioni, Rossi (Toscana) sempre al primo posto. Gradimento presidenti regioni: al primo posto c’è ancora il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. Il presidente toscano, del Partito Democratico, conferma la sua leadership nel gradimento dei suoi cittadini anche nel secondo trimestre del 2014. A rilevalo è l’indagine Monitoregione, che completa il podio issando al secondo posto il neoeletto della Basilicata Marcello Pittella (Pd) e al terzo, pari merito, Stefano Caldoro della Campania (Forza Italia) e Luca Zaia (Lega Nord) del Veneto. Rispettivamente, rende noto Monitoregione (dell’Istituto di ricerca Datamedia), con percentuali del 56,5, 55,3 e 52,5%. A seguire, informa Monitoregione, Nicola Zingaretti del Lazio (Pd, fotografato al 52%) e sesta (lo studio assegna 4 posizioni al podio) Debora Serracchiani del Friuli Venezia Giulia (Pd), che con il 51,8% scivola di tre posizioni rispetto alla terza piazza archiviata nel primo trimestre. In fondo alla classifica il presidente della Sicilia Rosario Crocetta (Pd), che con il 46,1% precede di poco il suo collega del Molise Paolo di Laura Frattura (Pd), con il 45,4%. Nell’arco degli ultimi dodici mesi i presidenti di Regione – evidenziano gli autori dello studio – hanno fatto registrare, “chi più chi meno e nessuno escluso, un forte ridimensionamento del loro consenso”. […]