•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 12 aprile, 2014

articolo scritto da:

Bilanci falsi, il “buco” di Alemanno vale 500 milioni. Sotto accusa anche Marino

marino alemanno roma bilanci salvaroma

Il giorno dopo l’approvazione del Salva Roma (con cui il governo ha stanziato 600 milioni di euro per la Capitale) nuovi guai per il comune guidato dal sindaco Ignazio Marino.

È Repubblica, oggi, ad anticipare i risultati della “Relazione sulla verifica amministrativo-contabile a Roma Capitale”, fortemente voluta dal sindaco dem, pochi giorni dopo il suo insediamento al Campidoglio. Un buco da 500 milioni di euro, ereditati dalla precedente gestione Alemanno, su cui peserebbe, però, sostengono gli ispettori della Ragioneria Generale dello Stato, una “gestione in continuità con quella precedente”.

Una bacchettata, insomma, per il sindaco Marino,da fronteggiare anche in termini di immagine e che potrebbe accendere l’interesse dei giudici contabili. Un ammanco, quello delle casse del comune di Roma, proveniente da false fatturazioni e bilanci truccati durante la gestione Alemanno, sotto inchiesta dallo scorso febbraio, con altri ex esponenti Pdl (fra cui Renata Polverini) per finanziamento illecito ai partiti.

Un controllo del bilancio, quello del “sistema Alemanno”, si legge nella relazione, basato “su un’incoerenza dissipatrice che con una mano chiede aiuti al governo e con l’altra spende e spande”. “I documenti contabili relativi al periodo 2009-2012 – emerge dalle carte – espongono dati che non rappresentano in maniera veritiera la condizione in cui versa l’ente. La presenza di debiti fuori bilancio, la conservazione di residui attivi non supportati da titolo giuridico e l’inadeguato accantonamento di somme dal fondo di svalutazione crediti ha creato un effettivo disavanzo di amministrazione di quasi 500 milioni di euro”. Nella relazione, gli ispettori tratteggiano una situazione abbastanza chiara, su cui la magistratura potrebbe aprire un’inchiesta: la nuova giunta di sinistra, alla guida dell’ente dal giugno 2013, starebbe gestendo i conti pubblici proprio come quella che l’ha preceduta e che “nonostante le difficoltà finanziarie che hanno indotto nell’anno 2008 lo Stato ad accollarsi il debito pregresso del Comune di Roma” ha continuato “ad aumentare progressivamente la spesa corrente”.

roma bilanci falsi

Negli anni, il debito del comune di Roma è progressivamente lievitato: da 3,2 miliardi del 2007 ai 4,1 miliardi del 2012. Cifre gonfiate e contri truccati a causa di una gestione clientelare, in cui le voci di spesa maggiore provengono dai bilanci dell’Atac e dalle municipalizzate. Irregolarità sono state rilevate anche “nelle procedure di affidamento degli appalti di servizi e nella corresponsione del trattamento accessorio al personale dipendente, in palese violazione del contesto normativo e contrattuale vigente”. Mense, appalti, assunzione del personale e reclutamento dei dirigenti pubblici: procedure svolte in contrasto con le norme fissate dalla pubblica amministrazione. Presunte irregolarità rilevate anche “sui contratti sottoscritti nella seconda parte del 2013” dal sindaco Marino. Un atto d’accusa che travolge dunque anche l’attuale amministrazione. Per ironia della sorte, era stato lo stesso Marino a chiedere agli ispettori di quantificare il valore effettivo del debito accumulato dall’ente durante la precedente giunta Alemanno. Ora si attende la risposta del sindaco e l’acquisizione della relazione da parte della magistratura.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Franco Cannavacciuolo
Franco Cannavacciuolo

Non solo,ma con l'abolizione della Provincia,la citta' metropolitana di Roma dovra' accollarsi anche i 700 milioni di debiti. Faranno un decreto salva Roma bis ? e noi paghiamo.

Vito Martinelli
Vito Martinelli

Si vanno in culo uno con l'altro e a patire le conseguenze prodotte da questi imbecilli è sempre il cittadino.

Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

Rutelli, Veltroni, Alemanno e ora pure Marino. Povera Roma, da che individui ti fai amministrare....Uno peggio dell'altro....

Massimo Siliato
Massimo Siliato

La banda del buco di Veltroni ha lasciato un passivo di 9 miliardi e 762 milioni di euro . Bazzecole .

Rocco Mena
Rocco Mena

Rutelli e Veltroni? Per una volta siate onesti.

Massimo Siliato
Massimo Siliato

Quello di Rutelli ? E di Veltroni ? ... e' sempre colpa di altri ;)