•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 13 settembre, 2014

articolo scritto da:

Renzi non intende arrendersi: “Noi non molliamo”

Intensa giornata in Puglia per il premier Renzi. Almeno tre le visite programmate. Stamattina è stato sul Gargano, a Peschici, zona recentemente colpita dall’alluvione. Renzi ha incontrato le popolazioni e i sindaci dei centri colpiti dall’alluvione nei giorni scorsi, assicurando loro il pieno sostegno del Governo. Il presidente del consiglio ha voluto sottolineare l’agibilità della zona, ricordando che il “Gargano non è chiuso per lutto, è aperto ai turisti ed è nelle condizioni di essere quel capolavoro di bellezza che è”. “Sentite la vicinanza dello Stato. Voi fate politica con la ‘P’ maiuscola” ha detto il premier agli amministratori presenti all’incontro nella sala comunale del municipio di Peschici, uno dei 14 centri del Gargano colpiti dall’alluvione della scorsa settimana. Il capo del governo ha ringraziato gli amministratori, il prefetto di Foggia e tutti i soccorritori. Poi ha rivolto un “pensiero commosso” alle famiglie delle due vittime: il 24enne Antonio Facenna e il 70enne Vincenzo Blenx.

Renzi in Puglia per la cerimonia inaugurale della Fiera del Levante che si terrà nel pomeriggio a Bari, sarà anche a Taranto. “Noi dobbiamo valorizzare quello che c’è di bello in Italia e smetterci di piangerci addosso, voi non vi siete mai pianti addosso”.

 renzi

ILVA, DONNE TARANTO A RENZI: “FERMARE FONTI INQUINANTI” –  “Noi, mamme e donne di Taranto, siamo in attesa ancora di scuse da parte di chi ha operato, nei vari livelli istituzionali, le scelte scellerate che hanno poi determinato il disastro ambientale che ha colpito tutta la popolazione di Taranto e dei Comuni limitrofi (parliamo di oltre 300.000 italiani). Le scuse non sono mai pervenute. I decreti Salva-Ilva, sì, in un numero imprecisato oramai”. Inizia così una lettera aperta del movimento ‘Donne unite per Taranto’ rivolta al presidente del consiglio Matteo Renzi, che oggi incontrerà a Taranto una rappresentanza dei lavoratori dell’Ilva. “Altro si vuole aggiungere – viene sottolineato nella missiva – per aggravare ancor di più la già disastrata situazione ambientale. Ultima scellerata idea è ‘Tempa Rossa’, un progetto che aumenterebbe l’inquinamento e i rischi di un ulteriore disastro. Come se già non bastasse l’insopportabile puzza di idrogeno solforato che sempre più spesso avvolge la Città intera”. Davvero, proseguono le ‘Donne unite per Taranto, “pensate che siamo così stupide? Risuona tuttora nelle nostre orecchie le tristemente celebri affermazioni di certa imprenditoria, secondo la quale un morto in più, cosa può essere mai? Questo è quello che pensa troppa parte delle classi dirigenti di questa Nazione”. Alla luce di tutto questo “come Donne e Mamme tarantine – concludono – chiediamo a lei, Presidente del Consiglio, e a tutte le Istituzioni che dovrebbero salvaguardare la salute degli abitanti di questa provincia, di fermare nel più breve tempo possibile tutte le fonti inquinanti insistenti sul territorio di Taranto e quelle in via di progettazione e attuazione”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Alessandro De Luca ha scritto:

    Annunciazione…Annunciazione…

Lascia un commento