•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 16 settembre, 2014

articolo scritto da:

Pizzarotti (M5S) avverte Grillo: “Serve un’opposizione diversa”

federico pizzarotti scissione m5s

“Caro Beppe, ora serve un’opposizione diversa”. A parlare è il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, intervistato dal quotidiano ‘Europa’. Da Pizzarotti qualche critica ma anche proposte rivolte al leader del Movimento Cinque Stelle, Beppe Grillo.

VECCHIE RUGGINI – Pizzarotti parla degli attriti avuti in passato con i leader del Movimento, quando sembrava ormai imminente l’espulsione del sindaco ducale. Il primo cittadino parmense minimizza: “Io con Grillo e Casaleggio non ho mai avuto problemi, semmai sono loro che ne hanno avuti con me. Ora, dopo le Europee, spero che abbiano capito e che la smettano di dare retta ai tanti cattivi consiglieri di cui si circondano”. E questi ultimi chi sarebbero? I parlamentari grillini? “Certo, che ne sono anche tra di loro, sono dappertutto».

OPPOSIZIONE DIVERSA – Pizzarotti traccia la nuova strada per il Movimento: “Essere diversi vuol dire fare un’opposizione diversa. Non possiamo continuare a fare le stesse cose che facevano gli altri, ad adottare le stesse tattiche che ha sempre utilizzato la politica che siamo nati per criticare. Lo ripeto: adesso dobbiamo fare un’opposizione diversa”. Da qui il giudizio sulla campagna di Grillo per le Europee, ritenuta negativa: “bisognava cambiare chiave. Da una critica verso quello che non fanno gli altri bisognava passare alla proposta, al dire quello che intendiamo fare noi. Questo tra l’altro è un difetto tutto italiano di puntare il dito contro chi fa peggio di me invece di proporre un’alternativa credibile. Ma a balle sono tutti forti”.

federico pizzarotti

CAMPAGNA ELETTORALE – Per Pizzarotti bisogna cambiare il modo di intendere la campagna elettorale, spendendosi più per far risaltare i pregi dei candidati M5S e meno nella lotta ai difetti degli altri. A partire dalle Regionali in Emilia Romagna: “Non dobbiamo cedere alla tentazione di impostare una campagna elettorale per dire che Bonaccini, messo che sia lui il candidato, è peggio di noi. Viceversa dobbiamo spiegare che noi siamo più bravi e perché. E poi dobbiamo imparare a confrontarci: se ognuno va soltanto alle sue feste non ha senso”. Cosa va offerto all’elettorato? Pizzarotti ha le idee chiare: “Offriamo esattamente quello che dice Renzi, ma facendolo davvero. In tanti casi il presidente del consiglio dice una cosa, ne fa un’altra e ne annuncia una terza. Noi diciamo le cose quando le facciamo, non prima. In questo momento il messaggio di Renzi è fortissimo. Rispetto a quella che c’era prima la sua leadership nel Pd ha rappresentato un cambio di passo in termini di dinamismo. Ma bisogna guardare sotto la scorza. Ha successo ma con un numero di votanti che continua a calare”.

LEGGE ELETTORALE – Pizzarotti parla anche della mediazione portata avanti da Luigi Di Maio sulla legge elettorale: “A me l’idea di mediare piace a prescindere. Ma per portare avanti un discorso bisogna essere in due. Quando abbiamo chiesto al Pd di aprire una trattativa per il ripristino delle preferenze ci è stato detto di no”.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

16 Commenti

  1. Massimiliano Guatteo della Banda ha scritto:

    ci è arrivato pure lui?

  2. Gianfranco Mancini ha scritto:

    Pizza chi te l’ha fatto fare di seguire quel pazzoide struffellato.

  3. Gianna Orofino ha scritto:

    Hai la mia stima

  4. Manassero Roma Emanuele ha scritto:

    Se tutti questi sono arrivati li è perché grillo ha preso i voti dell’italiani…. Pinzarotti chi caxxo lo votava prima…. Se si presentava con una sua lista??! Così come tutti quelli che sono in parlamento… Grillo è la vera vice della gente

  5. Antonio Saraceno ha scritto:

    FALLITI….E VI DOBBIAMO PAGARE!!!

  6. Piero Nanni ha scritto:

    serve liberarsi di Grillo ……… altrimenti farete la fine della Lega!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. Pino Iaco ha scritto:

    Bum bum bum…che coraggio. ..tira mica aria di separazione???

  8. Giovanni LG Zanoli ha scritto:

    non esageriamo, nel 5s ancora nessuno si è intascato fior di Euro… almeno quello bisogna riconoscerlo

  9. Piero Nanni ha scritto:

    ma resta il fatto che senza i voti degli altri partiti resteranno fuori dal CSM, vedasi i risultati analoghi al Consiglio Europeo in cui nemmeno un loro rappresentante è stato nominato nelle commissioni: restano duri e puri e ………..inconcludenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  10. Davide Bellinazzi ha scritto:

    Tutti per una poltrona

  11. Enrico Macchi ha scritto:

    Certo… Bisogna dialogare con i babbei del PD e i loro compari…

  12. Leonardo Braccio ha scritto:

    Vai Pizzarotti, insisti, tiei duro, se il M5S dovesse cambiare, gli avversari del M5S avrebbero meno argomenti (sono disfattisti, non vogliono prendersi le loro responsabilità, l’antipolitica, etc…), ma possibile che Grillo non lo capisca!!??

  13. Salvatore Ciriolo ha scritto:

    Serve un’opposizione di classe

  14. Gastone Losio ha scritto:

    meglio mardi che tai…..

  15. Franco Piro ha scritto:

    Bravo, finalmente qualcuno ha compreso che siamo allo stremo e non si può scherzare col fuoco per i capricci di una testa di cxxxo

Lascia un commento