•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 17 settembre, 2014

articolo scritto da:

Giustizia, il governo incassa la fiducia su responsabilità civile dei magistrati

anm

A dieci giorni dalla bocciatura alla Camera, l’Aula di Palazzo Madama ha deciso di porre la fiducia sull‘emendamento della responsabilità civile dei magistrati, contenuto nella legge comunitaria 2013-bis. Il provvedimento è passato in seguito alla bocciatura della proposta avanzata dalla Lega Nord con 159 no, 70 si e 51 astenuti. A giugno, il Carroccio era riuscito a far approvare a Montecitorio l’articolo senza il favore dell’esecutivo. Stefano Candiani, autore dell’emendamento, si è scagliato contro il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi: “Era dal 1986, governo Fanfani, che non si ricorreva alla fiducia su un singolo emendamento – ha detto l’esponente leghista. Occorre affrontare con serenità questo tema perché non si può sempre attendere, rinviando a un futuro provvedimento che definisca la responsabilità civile dei magistrati”. D’altra parte, il ministro della Giustizia Orlando sta lavorando al dossier giustizia e non si esclude un riavvicinamento alle richieste dei militanti verdi nelle prossime settimane.

L’EMENDAMENTO CANDIANI E LA PROPOSTA ORLANDO – Il testo licenziato dalla Camera, nel giugno scorso, recitava: “Chi ha subito un danno ingiusto per effetto di un comportamento, di un atto o di un provvedimento giudiziario posto in essere dal magistrato in violazione manifesta del diritto o con dolo o colpa grave nell’esercizio delle sue funzioni, ovvero per diniego di giustizia, può agire contro lo Stato e contro il soggetto riconosciuto colpevole per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e anche di quelli non patrimoniali che derivino da privazione della libertà personale”.

riforma giustizia

Differente invece la proposta pubblicata sul sito del Ministero della Giustizia (aggiornata al 6 agosto), che parla di “azione di rivalsa nei confronti del magistrato, esercitabile quando la violazione risulti essere stata determinata da negligenza inescusabile”. La nascente riforma Orlando apporrà, quindi, modifiche sostanziali alla legge Vassalli del 1988, che regolamenta la materia. Tuttavia, pare essere ancora in contrasto con quanto sostenuto da Lega, Forza Italia e Nuovo centrodestra.

RESPONSABILITÀ CIVILE IN EUROPA – Come ha scritto Termometro esattamente un anno fa, la Commissione Barroso ha aperto una procedura d’infrazione contro l’Italia, “colpevole di non aver fatto seguito alla sentenza della Corte di giustizia europea del novembre 2011, in cui s’invitava il legislatore a rimediare al vulnus giuridico concernente la responsabilità civile dei magistrati”. Ma, scorrendo gli ordinamenti dei maggiori Stati membri dell’Unione, l’impianto della riforma Vassalli è rintracciabile (con qualche differenza) negli ordinamenti di Germania, Francia e Paesi Bassi. Diverso il discorso per Gran Bretagna e Spagna: nel regno di Elisabetta II esiste “l’immunità giudiziaria” per i magistrati, mentre il codice del governo iberico prevede che togati e Stato possano essere chiamati “a risarcire in solido il danno soltanto dopo che un tribunale a ciò destinato abbia preliminarmente stabilito che ricorra l’ipotesi di dolo o colpa grave”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Marco Corvi
Marco Corvi

UN ALTRO PASSO VERSO LA GIUSTIZIA DEI POTENTI! E QUALCUNO LA SALUTA COME UNA GRANDE COSA, SE NE ACCORGERÀ IL GIORNO CHE AVRÀ A CHE FARE CON LA GIUSTIZIA!

edo_peruz
edo_peruz

@TermometroPol Se responsab civile magistrati non sara' legge,cittadini avranno diritto non riconoscere autorita' magist virtu' exreferendum