•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 18 settembre, 2014

articolo scritto da:

Scozia, il giorno è oggi

Il giorno è oggi. La campagna elettorale è finita. Si vota e poi si conteranno le schede. La Scozia sceglie il suo destino attraverso un referendum. Una semplice domanda: “Should Scotland be an independent country?”, vale a dire ‘La Scozia dovrebbe essere una nazione indipendente?’

Per i sostenitori dell’indipendenza l’atmosfera che si è respirata nel paese in queste settimane è stata straordinaria, l’impegno enorme, il coinvolgimento entusiasmante: il referendum di oggi è l’appuntamento più importante nella storia del paese. Su questo non ci sono dubbi, visto che il risultato potrebbe cambiare completamente la storia della Scozia e del Regno Unito.

Si vota dalle 8 (ora italiana) alle 23. Sono 2.600 i seggi allestiti nel paese. È prevista un’affluenza intorno all’80 per cento. I risultati dovrebbero essere diffusi già nelle prime ore di domani mattina. Gli ultimi sondaggi danno avanti il fronte contrario all’indipendenza, ma sarà un testa a testa. Sono tanti gli elementi che condizioneranno la scelta degli scozzesi.

C’è anzitutto l’economia. La campagna per l’indipendenza ha battuto tanto su questo tasto: in caso di vittoria, la Scozia potrà avere un futuro più prospero e più equo. La chiave è l’oro nero dei Mari del Nord. Circa il 90 per cento del petrolio del Regno Unito viene da acque scozzesi: è soprattutto con questa ricchezza che il fronte dell’indipendenza intende finanziare il generoso stato sociale promesso in caso di vittoria del sì. Molti analisti però sono più cauti e sostengono che le cose potrebbero prendere una piega diversa. C’è poi chi ricorda che fare previsioni sul petrolio è materia delicata: i prezzi fluttuano e conoscere l’esatta quantità delle riserve ancora a disposizione è impossibile.

Scozia 2

Photo by Sheep PurpleCC BY 2.0

Gli unionisti avvertono inoltre che in caso di vittoria del sì la Scozia indipendente dovrà fare domanda di ingresso nell’Ue, dovrà fare a meno della sterlina, perderà grandi istituti finanziari: in poche parole metterà a repentaglio il proprio futuro economico. Dall’altra parte le opinioni sono opposte. I mesi che seguiranno al referendum e che condurranno alla separazione vera e propria dal Regno Unito serviranno per avere un distacco disciplinato in ogni suo punto: ci sarà tempo di affrontare ogni problema, e risolverlo.

C’è poi la politica. La Scozia è tradizionalmente un bacino di voti per il Partito Laburista. Chi sostiene l’indipendenza afferma che a Edimburgo sono stufi di essere guidati da governi che non hanno scelto – governi conservatori, per essere chiari. È così da anni, da decenni: la Scozia che vota oggi vota anche per dire sì o no al modello di sviluppo di Londra, alla ruolo di primo piano della finanza, a una società dove lo stato sociale assume un ruolo secondario, a un governo percepito come lontano: geograficamente e soprattutto politicamente.

Ma c’è anche l’identità. Quello scozzese è un popolo orgoglioso, con una lunga storia alle sue spalle. È un popolo che negli ultimi anni ha visto riemergere la fierezza della propria cultura, della propria identità. Conterà anche questo. I ‘nuovi scozzesi’ (vale a dire gente che vive in Scozia ma che ha radici altrove) sostengono la causa indipendentista. Gli adolescenti (si vota dai sedici anni in su) sembrano orientati a scegliere il no. Chi è cresciuto negli anni ’90 al contrario è sedotto dall’idea di una Scozia indipendente.

Ma sono anche altri motivi che influenzeranno la scelta di oggi, a partire da quello che ha sottolineato sul New York Times Alan Cumming, sostenitore dell’indipendenza: “Gli scozzesi sentono di essere stati maltrattati troppo a lungo anche da istituzioni come la BBC e il governo di Westminster”. È la stessa accusa fatta qualche giorno fa da Alex Salmond, leader degli indipendentisti: la BBC fornisce solo un’informazione di parte e sostiene il fronte del no. La campagna ‘Yes Scotland’ ha lasciato nella mente degli scozzesi un messaggio affascinante: terremo del Regno Unito ciò che ci piace e ci libereremo di ciò che non ci piace.

Oggi del resto conteranno molto anche le emozioni. I sostenitori del no hanno incentrato la loro campagna sulla paura, su ciò che Edimburgo perderà in caso di indipendenza. La frase simbolo è stata ‘salto nel buio’. È stato dato poco risalto al perché Edimburgo dovrebbe votare per restare nel Regno Unito: un controsenso, per una campagna intitolata ‘Better together’, ‘meglio insieme’. Non è stata una strategia efficace. Alistair Darling, leader del fronte del no, è stato descritto spesso dalla stampa britannica con un aggettivo: ‘grigio’. Dall’altra parte c’è il volto sorridente di Alex Salmond, vincitore a prescindere dal risultato di oggi, carismatico ed efficace a tal punto da vincere i dibattiti televisivi. La campagna ‘Yes Scotland’ ha proposto un sogno: un futuro diverso fatto di ricchezza ed equità. Che sia vero o no conta quasi poco: Salmond ha emozionato ed è riuscito a portate il fronte dell’indipendenza a giocarsela voto su voto.

Immagine in evidenza: photo by Fraser MummeryCC BY 2.0

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Pingback: Questione palestinese e Scozia indipendente - Termometro Politico

Lascia un commento