•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 22 settembre, 2014

articolo scritto da:

Il piano di Berlusconi: riforma del lavoro e poi grandi intese con Renzi

incontro renzi berlusconi

Il piano di Berlusconi: riforma del lavoro e poi grandi intese con RenziSilvio Berlusconi starebbe pensando a un clamoroso ritorno nel governo. Questa la strategia (svelata da Il Giornale e riportata da Libero) che il leader di Forza Italia è impegnato a tessere in questi giorni con l’aiuto dei suoi. L’obiettivo di Berlusconi è chiaro: continuare a rivestire un ruolo decisivo per l’approvazione del Jobs Act, accentuando in questo modo le sempre più evidenti divisioni tra le diverse anime del Pd. Lo scopo è dunque quello di costringere Renzi, determinato più che mai a portare a casa la riforma del lavoro, a un progressivo logoramento. Per far approvare il Jobs Act il premier ha bisogno di numeri che in questo momento non possiede: tra le fila del partito ci sono 110 franchi tiratori pronti a silurare la sua riforma. Lo spettro di una possibile scissione si agita minaccioso all’interno del Partito Democratico (lo stesso Pippo Civati la considera un’ipotesi non troppo remota) e l’eventualità di una crisi di governo diventa ogni giorno che passa sempre più concreta.

patto nazareno nuovo incontro renzi berlusconi

La mano tesa da Berlusconi sul lavoro risulterebbe provvidenziale per Renzi, ma avrebbe però un suo prezzo: l’ingresso del leader di FI nel governo attraverso la porta principale. Da partner per le riforme a partner di governo: la scalata che il Cavaliere “sogna” è dunque questa. Il Patto del Nazareno come tassello di un mosaico molto più vasto. Lo schema è il leitmotiv che ha scandito le ultime, precarie esperienze governative e risponde al nome di “larghe intese”. Napolitano, che del modello della Grosse Koalition è ormai da tempo l’inamovibile sacerdote e custode, di sciogliere le Camere non ne vuole proprio sapere: la stabilità è sacra e va preservata per portare a termine quelle riforme strutturali che si trascinano da anni. Al Presidente della Repubblica spetta comunque la parola finale. L’autunno di Renzi, insomma, è appena cominciato.

Antonio Atte

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

15 Commenti

  1. Moreno Nossa ha scritto:

    A mio parere e’ anche il Piano di Renzi.

  2. Andrea Martini ha scritto:

    Scoppiassero tutti e due.

  3. Vincenzo Moncada ha scritto:

    Chi scrive queste cazzate?……Renzi non è D’ Alema!

  4. Luisa Bacocchia ha scritto:

    sono schifata

  5. Mimmo Mucci ha scritto:

    …doj frittur…

  6. Guido Zaccaro ha scritto:

    I due alleati insieme nel loro “ideale”… Abolizione art. 18.. Ossia poter licenziare a piacimento

  7. Marco Corvi ha scritto:

    Renzi ci mette la faccia e lui prende i voti! Ma Renzi è troppo pieno di se per capirlo!

  8. Francesco D'Alessandro ha scritto:

    W la sincerità…

  9. Pierluigi Lopopolo ha scritto:

    Poi? Ma se è già una realtà

  10. Cara Valentina ha scritto:

    Peggio, se possibile!

  11. Cara Valentina ha scritto:

    Ma va? Perché, non sta già avvenendo? Svegliaaa

  12. Vincenzo Moncada ha scritto:

    Auguri!

  13. Gianfranco Mancini ha scritto:

    Con quali voti?? Non con il mio!!!

  14. Lorenzo Roggi ha scritto:

    E che scoperta è?

  15. Lorenzo Roggi ha scritto:

    Infatti D’Alema non votava le riforme costituzionali e sul lavoro di berlusconi. Renzi sì.

Lascia un commento