•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 23 settembre, 2014

articolo scritto da:

La sinistra contro Renzi? Sallusti offre un appoggio al Premier

Amministrative Milano, Sallusti, centrodestra, forza italia, lega

Situazione a dir poco paradossale per  Matteo Renzi; dopo i duri scontri con la minoranza del PD e sindacati per le riforme che questo governo intende varare in materia di lavoro e soprattutto per la criticatissima posizione dell’ex sindaco di Firenze in merito all’abolizione dell’art. 18, il premier  sembra ottenere un appoggio sempre maggiore da parte degli storici nemici della sinistra italiana, tra cui spicca il nome di Alessandro Sallusti, direttore del quotidiano Il Giornale di proprietà di Silvio Berlusconi.

Nell’editoriale di oggi Sallusti enuncia la sua tesi in merito alle difficoltà incontrate dal premier nel suo programma di riforme, imputando ai critici di Renzi il rischio di un possibile futuro stallo nel cammino del governo. Per Sallusti infatti vi sarebbero molti prestigiosi sostenitori della “rivoluzione” che Renzi vorrebbe attuare con le sue riforme, da Napolitano a Mario Draghi, per arrivare infine a Berlusconi: “Il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, dice: sul lavoro serve una rivoluzione. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dall’America, più o meno alla stessa ora, ha detto: sul lavoro serve una rivoluzione. Poco prima, il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, aveva detto, rivolto all’Italia: se non fate una rivoluzione subito siete morti. Il capo dell’opposizione, Silvio Berlusconi, da vent’anni dice che bisogna rivoluzionare il mondo del lavoro.”

il giornale

Partendo da questa premessa, Sallusti si domanda per quale motivo  la tanto attesa rivoluzione stia ancora latitando in Italia, e la risposta per il direttore del giornale è molto semplice e banale: la rivoluzione sarebbe ostracizzata da un mero sentimento di “vendetta” dei critici del premier, che vengono definiti una “compagnia di giro di perdenti” e composti dalla minoranza PD, Susanna Camusso, Nichi Vendola e dallo storico, ideatore della campagna elettorale di Bersani, Gotor e che nell’articolo del direttore vengono ridicolizzati senza troppi complimenti:

Si rischia di non farla perché non lo vogliono una minoranza del Pd (democraticamente sconfitta alle primarie), la signora Camusso (capo di un sindacato fatto più da pensionati che da lavoratori), Nichi Vendola (che non ha mai lavorato un’ora in vita sua e che ormai rappresenta solo se stesso) e tale Gotor, uno storico famoso più che per i suoi scritti per aver guidato la disastrosa campagna elettorale di Bersani (probabilmente quel: «Smacchieremo il giaguaro» è farina del suo sacco, così come l’ideona di fare un governo con Grillo).”

Sallusti rincara la dose e paragona gli oppositori al “gruppo di musicanti di seconda fila, mediocri, invidiosi e frustrati” che avrebbero fatto dimettere Riccardo Muti dall’Opera di Roma. Il direttore avverte del pericolo che questi politici, pur di non perdere la propria posizione, possano far saltare tutto il programma di riforme. Per salvare la situazione il giornalista propone un’unica soluzione a Renzi, definita non più come una scelta ma come una “necessità improrogabile”: cambiare rotta e affidarsi all’aiuto di Berlusconi.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

25 Commenti

  1. Paola Mercuri ha scritto:

    Si coprono le spalle tra condannati. …

  2. Giannettore Bonetti ha scritto:

    Il bacio di Nosferatu..

  3. Marco Corvi ha scritto:

    Bene bene! A Matteo stanno scavando la fossa e lui felice e contento perché è il “premier”

  4. Giancarlo De Luca ha scritto:

    e chi sarebbero quelli di sinistra dissidenti? sono come i ladri di pisa litigano di giorno in piazza per rubare insieme di notte….ma gli italioti se lo meritano

  5. Ottavio Bollini ha scritto:

    Sallusti il condannato e poi graziato da Napo orso capo

  6. Irene Moretto ha scritto:

    Non c’è dubbio ….una domanda ma se va bene a Berlusconi come può andar bene alla sedicente sinistra ????

  7. Stefano Faccin ha scritto:

    La sinistra? Quale sinistra? In Italia c’è una sinistra? Da quando?

  8. Franca Crivella ha scritto:

    L’abbiamo capito che Renzi è -il vostro- premier!!!! Tenetevelo!

  9. Marco Villa ha scritto:

    Pensa che fortuna?

  10. Riccardo Bottegal ha scritto:

    che culo…

  11. Mario Lanza ha scritto:

    al posto di renzi chi vorreste? chi ha distrutto l’italia (berlusca e lega)? oppure il panzone fascista di genova? fatevi un esame di coscienza.

  12. Michele Racco Due Cavalli ha scritto:

    Nosferallusti.

  13. Alessandro Semenzato ha scritto:

    Questo dimostra ad occhi chiusi quanto il job act sia sbagliato.

  14. Luisa Bacocchia ha scritto:

    Sallusti chi ? lo zerbino della Santadeche e del corruttore?

  15. Giuseppe Bonura ha scritto:

    Meno male che non è vero

  16. Stefano Ravasi ha scritto:

    Eh beh. Nenni insegna..

  17. Luca Lodi ha scritto:

    Sì, offre la pelata come poggiagomiti

  18. Fulvio Ugo De Lucis ha scritto:

    dimmi con chi vai e…..

  19. Goffredo Cervellini ha scritto:

    vuole fare l’adulatore al compare del pregiudicatp

  20. Osvaldo Baccino ha scritto:

    Il progetto di1partito unicoP D f i va avanti questa è 1altra prova e la sinistra dove se ce ancora

  21. Cesare Caprara ha scritto:

    BRRRRRR ….

  22. Mario Mucedda ha scritto:

    quando uno come questo offe a qualsiasi titolo il suo aiuto, senza nemmeno averglielo chiesto ce qualcosa che non va!, vuole dire ed e evidente, che li presidente e un soldato di ventura di Berlusconi, il colpo gobbo gli e riuscito, mentre nel pd scorreva sangue a fiumi per tanti mesi nella guerra interna, magari fatta ad arte, il lupo tramava la sua strategia con l’aiuto di compagni traditori, infiltrando il suo pupillo al comando della sinistra più organizzata d’Europa, ora il suo cavallo di troia stà cercando di realizzare tutto quello che lui non riuscì a fare in venti lunghi anni, occupare il paese. compagni, sempre che lo siate ancora e venuto il momento di staccare la spina, la proposta di cura e peggiore della malattia e gli effetti saranno devastanti.

  23. Franco Ramassotto ha scritto:

    Amicizie non frequentabili……..a Renzi farebbero fare la fine di Cesare!

  24. Luigi D'andria ha scritto:

    Tra leccaculi schiavisti se la intendono

  25. Luciano Gorga ha scritto:

    Caro Rendi, stai molto attento, che oltre i trabocchetti, e trappole per farti cadere, arriva l’aiuto di Sallusti, poveri noi!!!!!!!

Lascia un commento