•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 25 settembre, 2014

articolo scritto da:

Bersani, dal giaguaro alla fronda anti Renzi

“Un po’ lo abbiamo smacchiato”. E’ il pensiero di Pier Luigi Bersani. Pensa a Berlusconi, è evidente. Il mezzo per ‘smacchiarlo’ sono state le elezioni politiche 2013: attraverso il 25% ottenuto dall’ex Presidente della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna, Berlusconi non è più a Palazzo Chigi dove, al contrario, siede un dem, Matteo Renzi.

Un pensiero che lascia dubbi ed incertezze. Del resto Berlusconi, alle elezioni 2013, ha potuto contare ancora su un vasto elettorato e il suo parziale ridimensionamento politico è avvenuto attraverso una sentenza della magistratura. E nonostante tutto è ancora centrale nel dibattito politico odierno (si vedano i famosi incontri con Renzi che hanno dato vita al celeberrimo Patto del Nazareno, luogo della sede nazionale del Partito Democratico). Chi, al contrario, ha ridimensionato la propria partecipazione attiva alla politica italiana è stato proprio Pier Luigi Bersani.

L’ex segretario democratico, infatti, dopo l’elezione del Presidente della Repubblica si è dimesso dalla carica partitica e, contestualmente, si è messo in disparte, anche perché non è riuscito a formare un Governo di coalizione con forze extra sinistra (il Movimento 5 Stelle ha rifiutato di costituire un esecutivo assieme al Partito Democratico). Poi a gennaio il malore (un’emorragia subaracnoidea), quindi il ritorno in questi ultimi tempi: in questione ci sono una lunga serie di diritti dei lavoratori, primo fra tutti il famoso articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori.

Pier Luigi Bersani Matteo Renzi PD

Bersani alza i toni: “Con il mio 25% Renzi sta governando. Io non ci sono al governo, mi va bene, non chiedo riconoscenza ma rispetto”. Quando, ospite del programma su La7 ‘Di Martedì’, Giovanni Floris gli chiede se l’area di sinistra dem possa costituire un nuovo gruppo parlamentare e quindi un nuovo partito, Bersani chiude subito all’ipotesi: “non esiste” una scissione. Tuttavia, continua l’ex Ministro dello Sviluppo Economico, “a Renzi consiglierei piuttosto di avere un rapporto un po’ più amichevole col suo partito. Capisco che inventarsi un nemico al giorno sia una tecnica comunicativa e che ora ci sono capitato io. Ma qui bisogna risolvere i problemi del paese”. Insomma, se non vi sono forti avversari fuori il centro sinistra, come quasi sempre accade, questi si nascono all’interno dello stesso schieramento.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

16 Commenti

  1. noallaviolenza2 ha scritto:

    TermometroPol pdnetwork si fino a Presidente del Consiglio Se Bersani rifà la proposta a beppe_grillo stavolta è si ! W sinistraelib !

  2. noallaviolenza2 ha scritto:

    TermometroPol pdnetwork beppe_grillo sinistraelib Meglio una maggioranza NichiVendola pbersani beppe_grillo che Renzi Berlusconi !

  3. noallaviolenza2 ha scritto:

    TermometroPol pdnetwork beppe_grillo sinistraelib NichiVendola pbersani Scusate ho dimenticato Alfano va bè tanto non conta ah ah

  4. Alex Parela ha scritto:

    se il signor Bersani avesse vinto le elezioni politiche del 2013…non saremmo in questa situazione. Punto.

  5. Vincenzo Moncada ha scritto:

    Povero Bersani! Ha fallito su tutti i campi e non è ancora contento! Autolesionismo parossistico!

  6. Paola Mercuri ha scritto:

    LA loro politica e fare solo chiacchiere e beccarsi tanti soldi senza fare niente. ….e la cosa più brutta è che c’ è gente che gli crede….

  7. Tommaso Camplone ha scritto:

    …Bersani, dai su, vedrai che poi ti passa. Smacchia qualche altro giaguaretto e porta a spasso la famigliola. Insomma, riposa. E soprattutto #staisereno

  8. Nello Manferoce ha scritto:

    Ma….negli Stati Uniti,patria delle primarie,succede che chi le perde passa gli anni successivi,come lavoro, a rompere i maroni a chi le ha vinte?(Questonoccreto..)

  9. Cosimo Coscia ha scritto:

    Se avesse fatto una vera alleanza con Grillo!!!

  10. Felice Galifi ha scritto:

    ma forse non sa nemeno lui cosa cerca

  11. Domenico Baldoni ha scritto:

    Dai Bersani,proponi una bella patrimoniale……………..

  12. Vincenzo de Leonardis ha scritto:

    Ma Bersani dopo tutto quello che ha combinato lo fanno ancora parlare??????

  13. Arnaldo Platano ha scritto:

    Vorrei dire a Bersani . Di rassegniasi è pensare alla sua saluta . Lui quando era mistero .in 18 mesi di governo fece tate buone legge a partire da i telefonini , il cambio delle banke , x il cambio del mutuo . Ke mia figlia a isufruito, le assicurazioni , non c’è piu bisogno di dare disdetta . E ced…xro hora e ora di dare un altro colpo a questa burocrazia asfissiante .e Renzi , se voi la smettete di metterli il bastone tra le ruote … è darlo una mano ? Forse questo paese puo veramente diventare un paese moderno . E voglio ricordarti che cose viaggiono alla velocità della luce. Basta con queste discussioni inconcludente .basta basta non se ne puo piu. E ora di agire. ?..

  14. Giovanni Carbone ha scritto:

    ma ha finito o no di rompere, credo sia ora di ritirarsi ,nei paesi normali chi perde va a casa, solo da noi continuano a contare e a mettere ostacoli contro chi ha il consenso e cerca di fare, credo sia ora che chi ha fatto due mandati non debba essere più eletto.

  15. Lysia Neri ha scritto:

    Povero Pier Luigi Bersani, è triste per lui. ma deve capire che, anche chi teneva a lui come me, preferirebbe che si comportasse da vero politico onesto e appoggiasse Matteo Renzi, aiutandolo anche a sfrondare e convertire quelle frange contrarie! Grazie Pierluigi Bersani | Pagina Ufficiale

Lascia un commento