•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 30 settembre, 2014

articolo scritto da:

Dati allarmanti sul mondo del lavoro: il CNEL non segnala un arresto della crisi

dati lavoro

Non sono certo rassicuranti le considerazioni che emergono dal “Rapporto sul mercato del lavoro 2013 – 2014” emanato dal CNEL. Per l’istituto che si occupa di esprimere pareri e promuovere iniziative in materia di economia e lavoro infatti sarebbe impossibile per l’Italia tornare ai livelli occupazionali pre-crisi entro il 2020; sono ben due milioni i posti di lavoro che bisognerebbe creare per abbassare il livello di disoccupazione a quota 7%, ipotesi che per stesso CNEL “sembra irrealizzabile”.

A rincarare la dose vi sono anche le cifre rispetto al livello di disoccupazione inteso nell’ampia accezione comprensiva degli inoccupati disponibili, ovvero di coloro che sono alla ricerca del primo impiego e dei disoccupati parziali secondo il rapporto emerso è: “giunto a superare il 30% nel 2013, senza peraltro mostrare segnali di rallentamento nella prima parte del 2014”.

Anche per quanto concerne il potere di acquisto salariale  saremmo tornati indietro di quasi un decennio, dato che si sarebbe: “registrato un andamento abbastanza peculiare, con un significativo incremento nelle prime fasi della crisi e una caduta altrettanto marcata negli anni successivi, che ne ha riportato il valore sul livello della metà degli anni duemila” e la perdita complessiva, secondo la stima complessiva del CNEL, si aggirerebbe intorno allo 6,7% tra il 2009 ed il 2013.

lavoro 1

Tuttavia, anche se il quadro generale appare disastroso, lo studio segnala anche timidi margini di miglioramento; nei primi sei mesi dell’anno infatti l’occupazione temporanea registra finalmente variazioni di segno positivo con 10 mila dipendenti a termine in più nell’arco dell’anno, tendenza tuttavia che va confermata nei prossimi trimestri anche per verificare se questo effetto benefico sia da attribuire alla riforma Poletti sui contratti a termine.

Tuttavia sembra che sull’aumento di nuovi lavoratori inseriti nell’area dell’occupazione, abbiano influito le riforme degli ultimi anni che hanno rinviato l’uscita per il pensionamento per molti dipendenti e questo dato non farebbe ben sperare per i giovani che si trovano sempre più costretti ad emigrare perché ridotti ai margini.

In ogni caso una svolta, anche se minima, potrebbe verificarsi all’inizio del 2015 dato che secondo il CNEL “il mercato del lavoro potrebbe iniziare a beneficiare di un contesto congiunturale meno sfavorevole non prima dell’inizio del 2015 nella migliore delle ipotesi”.

Nel frattempo Renzi scommette sul Jobs Act, fonte di enormi dissidi  all’interno dell’area PD, che dovrebbe secondo il premier portare al di sotto del 10% il livello di disoccupazione entro il 2018.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Piero Bazzoni ha scritto:

    lo sapevamo anche senza il CNEL

  2. Pingback: Dati allarmanti sul mondo del lavoro: il CNEL non segnala un arresto della crisi

Lascia un commento