•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 2 ottobre, 2014

articolo scritto da:

La Svezia verso il nuovo governo

In Svezia la macchina del governo comincia a prendere forma. Venerdì scorso Stefan Löfven ha annunciato che il nuovo esecutivo sarà formato dai Socialdemocratici e dai Verdi. I due partiti hanno ottenuto complessivamente il 38 per cento alle elezioni di due settimane fa.

Per poter governare (e soprattutto far passare la propria proposta di bilancio) Löfven  avrà bisogno di andare a cercare appoggio altrove – vale a dire anche nel centrodestra. Per riuscirci, sarà quasi certamente costretto a sacrificare la qualità della sua squadra di ministri in favore di un gruppo di parlamentari esperto che abbia abbastanza carisma ed esperienza da andare a costruire quel consenso di volta in volta.

È questa l’opinione del quotidiano Aftonbladet secondo il quale i veterani del Partito Socialdemocratico resteranno deputati proprio con il compito di assicurare al governo il sostegno indispensabile.

Oggi Löfven  dovrebbe assumere ufficialmente la carica di primo ministro. Domani dovrebbe presentare i suoi ministri. Intanto, qualche pedina è già stata collocata al suo posto. Urban Ahlin, infatti, è stato scelto per andare a ricoprire la carica di speaker del Parlamento. Socialdemocratico nato a Mariestad nel 1964, deputato da vent’anni, è stato scelto lunedì. Ci si aspettava una donna (c’era anche un nome in cima alla lista: Susanne Eberstein) e invece la scelta è ricaduta su di lui.

Svezia 2

Photo by News OresundCC BY 2.0

In Finlandia, il Parlamento è allo studio una proposta di aumento delle spese militari: 150 milioni di euro in più rispetto al budget attuale da spendere da qui al 2020.

L’argomento entrerà nella prossima campagna elettorale e sarà anche materia di discussione per il governo che verrà, ma secondo il Partito di Coalizione Nazionale del primo ministro Stubb c’è un sostegno abbastanza ampio e trasversale.

Il problema, per il premier, è che il sostegno sta venendo a mancare proprio al suo partito. Il Partito di Coalizione Nazionale sta infatti perdendo consensi: 20,4 per cento.

Secondo l’ultimo sondaggio pubblicato dall’Yle (la radiotelevisione di stato finlandese), sono soprattutto le donne e gli elettori con redditi medio-bassi ad aver abbandonato il partito che continua invece a reggere tra i giovani e i redditi più elevate, soprattutto nelle città.

Ma a scalare posizioni è il Partito di Centro, principale forza di opposizione, che ha perfezionato il sorpasso: 23,3 per cento.

Immagine in evidenza: photo by Stefan LinsCC BY 2.0

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] Verdi, alleati di governo dei socialdemocratici, si prendono posizioni di rilievo. Il ministero dell’ambiente va a Åsa Romson, che sarà anche […]