•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 3 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Più elettori, meno iscritti: il paradosso del PD Bersani avverte: “Senza iscritti addio partito”

nuova segreteria pd presentata da renzi

Più elettori ma reclutamento al palo. E’ questo il paradosso vissuto oggi dal Partito Democratico, secondo i dati pubblicati in un’inchiesta del quotidiano ‘Repubblica’.

PIU’ ELETTORI, MENO ISCRITTI – Il boom del PD alle Europee non pare aver invogliato nuovi militanti all’iscrizione. E così al 40.8% delle elezioni europee fanno da contraltare gli appena 100 mila iscritti, oltre cinque volte in meno rispetto ai circa 540 mila del 2013. Se l’affluenza alle primarie in Emilia Romagna – appena 58 mila elettori alle urne – aveva rappresentato un campanello d’allarme, il crollo del numero di tessere ne è la conferma. E qualcuno all’interno del PD parla addirittura di appena 60 mila iscritti, cioè appena un decimo rispetto ad un anno fa.

pd

LA SOCIETA’ – Da segnalare, in negativo, la performance di Sicilia, Basilicata, Molise, Sardegna e Puglia, dove il tesseramento non è praticamente partito. Non va meglio in Campania, passata da 70 mila iscritti a poche centinaia. E così l’apertura alla società, con l’avvento del leader carismatico e della politica dei social networks, certifica la mutazione genetica di quello che ormai può definirsi un “partito liquido”, come da vocazione dell’ex leader Walter Veltroni. Ma evidentemente le cause non sono solo queste, e non va dimenticata né la progressiva fine del finanziamento pubblico né le lotte intestine al partito.

LO STOP DI GUERINI – Intanto ci pensa Lorenzo Guerini, vicesegretario del PD, a stoppare i dati catastrofisti: “Le notizie sul numero degli iscritti al PD pubblicati oggi su organi di stampa e sui cui si sta costruendo una polemica inutile e strumentale, sono infondate: il tesseramento del Partito Democratico è iniziato il 25 aprile del 2014, le tessere sono state distribuite a partire dal mese di giugno, e terminerà il 31 dicembre 2014. “Detto ciò l’obiettivo è superare i 300mila iscritti a fine anno, veri. E ci impegneremo con determinazione per raggiungere questo obiettivo. Il resto sono solo strumentalizzazioni e numeri campati in aria”. Sulla questione è intervenuto anche l’ex leader del Pd, Pier Luigi Bersani, “Un partito fatto solo di elettori e non più di iscritti, non è più un partito. Lo Statuto dice che il Pd è un partito di iscritti e di elettori. Ovviamente – dice Bersani all’Adnkronos – se diventasse solo un partito di elettori diventerebbe un’altra cosa. Uno spazio politico e non un soggetto politico. Ma non siamo a questo e – assicura – non finiremo lì”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] PdR, il Pd di Renzi? Il partito personale non crea iscritti”. A rinfocolare la polemica sugli iscritti del PD è Ugo Sposetti, ex tesoriere dei DS ed oggi senatore del PD, intervistato da […]

  2. […] proposito del calo degli iscritti, Renzi tenta di ridimensionare le critiche piombategli addosso dalla “vecchia guardia” e afferma: “Qualcuno ha detto che il Pd ha questo crollo delle tessere perché non è in salute. […]

  3. […] una contrazione notevole del numero di iscritti. Da una parte il partito di maggioranza che può contare ‘solo’ 100.000 iscritti. Dall’altra gli azzurri, fermi a quota […]

  4. […] una contrazione notevole del numero di iscritti. Da una parte il partito di maggioranza che può contare ‘solo’ 100.000 iscritti. Dall’altra gli azzurri, fermi a quota […]

  5. […] 30 settembre i tesserati del Pd sono 239.322: un numero molto al di sopra di quello che era stato detto“. Lo annuncia Lorenzo Guerini, al termine della riunione della segreteria. “È un […]