•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 8 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Kenyatta: primo presidente in carica davanti alla corte dell’Aja

Uhuru Kenyatta ha 52 anni ed è il figlio del Padre della Patria, cioè il figlio di Jomo Kenyatta, il primo presidente del Kenya indipendente e leader di una lotta eroica e poco conosciuta, quella dei cosiddetti Mau Mau, guerriglieri che si battevano per l’affrancamento dalla potenza coloniale, l’Inghilterra, che resistette e che alla fine fu piegata.

Il nome Uhuru, in Swahili, la lingua dell’Africa Orientale, significa libertà. Uhuru è anche il più vasto e importante parco di Nairobi. Ma nonostante il nome evocativo e le discendenze autorevoli, Uhuru Kenyatta non ha brillato in democrazia e in rispetto dei diritti umani.

Infatti, l’accusa che la Corte Penale Internazionale gli contesta è pesante: crimini contro l’umanità.

I fatti risalgono alle elezioni presidenziali che si sono tenute a cavallo tra il 2007 e il 2008. In quella occasione, come spesso avviene in Africa, i leader che si contendevano il potere mobilitarono le loro etnie: Kenyatta, che sosteneva il presidente uscente Kibaki, mobilitò i suoi Kikuyu e William Ruto, che sosteneva il rivale di Kibaki, cioè Raila Odinga, i suoi Luo. Etnie, queste, storicamente in contrasto in Kenya.

Kenyatta  2

Photo by MagharabeiaCC BY 2.0

Ci furono migliaia di morti e i registi di quegli scontri, secondo le accuse della Corte Penale, furono proprio Kenyatta e il suo attuale vice presidente, William Ruto che correvano entrambi, non tanto per quel mandato ma, strategicamente, per quello successivo del 2013.

La Corte Penale Internazionale disturbò quei piani. Sia Kenyatta che Ruto furono indagati per crimini contro l’umanità prima ancora che si svolgessero le elezioni. I due ex rivali cercarono di superare quell’empasse diventando alleati e presentandosi insieme, Kenyatta come presidente e Ruto come suo vice.

Erano il primo caso di presidente e vice presidente a presentarsi alla massima carica di un paese con una pesante accusa pendente. E, vincendo, divennero i primi presidente e vice in carica nonostante un processo in corso alla Corte Penale Internazionale.

Il processo ha subito una serie di rinvii perché molti testimoni cruciali, in questi mesi, hanno ritrattato le loro accuse. Non ci sono prove, ma in molti dicono che da una situazione di potere è abbastanza facile promettere e influenzare, e quasi certamente quelle ritrattazioni hanno qualcosa a che vedere con queste voci.

Tanto che Uhuru Kenyatta, adesso, può presentarsi spontaneamente davanti alla corte con moglie, figli, alcuni ministri del suo governo e alcuni deputati che lo hanno seguito anche loro spontaneamente.

Immagine in evidenza: photo by US Army AfricaCC BY 2.0

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento