•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 9 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Commissione europea sotto esame: promossi e bocciati

Un bocciato, tanti dubbi e una grossa pressione sul presidente Juncker. La nuova Commissione europea avrà bisogno di qualche ritocco: la candidatura dell’ex premier liberale slovena Alenka Bratusek per il posto di vicepresidente responsabile per l’Unione energetica è stata respinta. Il voto è stato largamente negativo: 112 voti contro, 13 a favore e due astensioni.

Il governo sloveno a questo punto dovrà indicare un nuovo nome che sosterrà l’audizione probabilmente la prossima settimana.

A Bratusek è toccata la sorte peggiore ma molti altri hanno dovuto faticare per ottenere il via libera: tra audizioni serrate e scontri tra i gruppi parlamentari, il percorso verso la nascita della nuova Commissione europea di Juncker è partito in salita.

Anche lo spagnolo Miguel Arias Cañete infatti ha dovuto affrontare un ostacolo dopo l’altro. Il muro che non è riuscito a sfondare è quello delle opposizioni: Verdi, Sinistra unita, euroscettici. A difenderlo ci sono stati però i popolari. L’accordo tra PPE e PSE ha sostanzialmente retto e alla fine Cañete ha passato l’esame.

Commissione europea 2

Photo by Francisco AntunesCC BY 2.0

È andata male anche a Tibor Navracsics, ungherese, messo nei pasticci dal suo stesso passato: a detta degli europarlamentari in qualità di membro del governo ha contribuito a far passare nel parlamento di Budapest leggi che violano lo stato di diritto europeo. Navracsics, candidato a gestire il portafoglio dell’educazione, cultura, giovani e cittadinanza, potrà rimanere nella Commissione ma perderà un pezzo della sua delega: la cittadinanza, andrà probabilmente al primo vicepresidente designato Frans Timmermans, che ha già la responsabilità per i diritti fondamentali e lo stato di diritto e che è stato autore di una ottima audizione.

Gli incarichi economici alla fine hanno ottenuti tutti l’approvazione. Ma non è stato un percorso agevole. Il britannico Jonathan Hill è stato tra i primi a non soddisfare in pieno gli eurodeputati. Indicato da Juncker per il ruolo di Commissario per i servizi finanziari, Hill si è dovuto ripresentare una seconda volta di fronte agli europarlamentari. Lo ha fatto ieri, ottenendo i voti necessari per sedere nella Commissione.

Stessa storia anche per Pierre Moscovici, francese, socialista, candidato a ricoprire il delicato ruolo di Commissario agli Affari economici: ha dimostrato preparazione ma è rimasto invischiato nello scontro tra socialisti e popolari – che lo hanno messo sotto torchio. Anche lui ha dovuto mettere nero su bianco qualche risposta in più e ha dovuto aspettare fino a ieri per ottenere luce verde.

Non è stato brillantissimo neppure un personaggio influente come l’ex premier finlandese Jyrki Katainen, che non è stato del tutto esauriente nello spiegare che provenienza avranno i 300 miliardi di euro promessi da Juncker per rilanciare l’economia.

Probabile che le trattative vadano avanti durante questa settimana: Juncker ha da sostituire una casella ma potrebbe approfittarne per ridistribuire all’interno della sua squadra alcune deleghe, recependo i segnali arrivati da questi dieci giorni di audizioni. Un voto di fiducia sulla Commissione europea è previsto per il 22 ottobre.

Immagine in evidenza: photo by JeffowenphotosCC BY 2.0

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento