•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 9 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Corriere della Sera, arriva la lettera di sostegno a Renzi

Oggi, i lettori del Corriere della Sera hanno trovato una sorpresa a pagina 26. Il quotidiano di Via Solferino ha infatti pubblicato un avviso a pagamento a favore del governo dal titolo “Noi sosteniamo Matteo Renzi”. Ecco il testo dell’annuncio:

“Il nostro Paese sta vivendo una delle sue più difficili stagioni. L’indeterminatezza delle scelte, il continuo rinvio delle decisioni, il declino dei suoi valori popolari hanno portato l’Italia sul limite di un baratro che potrebbe avere conseguenze ben più drammatiche di quanto visto fin qui. A questa urgenza sta cercando di rispondere Matteo Renzi con un governo creato con la decisione e il cipiglio di una volontà giovanile che non cerca sconti né per sé né per le scelte da affrontare. È comprensibile che questa azione trovi ostacoli, critiche e anche attriti. Ma non è accettabile che si lasci il suo sforzo privo dell’appoggio dei cittadini che si identificano con la sua volontà di non mollare, di battersi e di cercare un futuro per l’Italia e per i suoi giovani. Noi, semplici italiani, con questo piccolo gesto intendiamo rompere il muro di silenzio che ha avvolto il Presidente del Consiglio dopo i duri attacchi di questi giorni. Noi, come tanti altri, desideriamo andare avanti. Insieme a chi ci crede. Matteo Renzi sta cercando di farlo. Noi siamo con lui.”

renzi

Gli autori della lettera si sono definiti un gruppo di “semplici italiani”. Eppure, passando in rassegna i nomi dei 108 firmatari (come ha fatto Andrea Giacobino sul suo blog), l’impressione che questi italiani tanto “semplici” non siano, si fa sempre più consistente.

Il primo dell’elenco, Alberto Milla, è fondatore e vicepresidente della banca Euromobiliare e presidente di Equita Sim. Poi compare Anna Cristina du Chene de Vere, presidente della finanziaria Ida e vicepresidente di Publitransport, azienda leader nella distribuzione pubblicitaria. E ancora, Antonio Perricone (l’ad di Aber Capital o il presidente di Ntv?), Federico Schlesinger di Intesa San Paolo, Clarice Pecori Giraldi di Christie’s, a cui seguono altri personaggi appartenenti al mondo dell’aristocrazia: Alessandra Ferrari de Grado, Federico Lalatta Costerbosa, Gerolamo Caccia Dominioni, Claudio Biscaretti di Ruffia.

Tra nobili e pezzi più o meno grossi dell’establishment industriale e finanziario italiano, i firmatari del manifesto sembrano usciti da un party di Jep Gambardella ne “La Grande Bellezza”. Insomma, proprio quei “poteri forti” e “salotti buoni” con cui Renzi dice di non avere nulla da spartire.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

10 Commenti

  1. Lucente Michele ha scritto:

    QUANDO UNO SI DICE ……RIFORMISTA….. CON CHI DEVE STARE????? facciamo un sondaggio ???????

  2. Michelangelo Romano ha scritto:

    108 stronxi benemeriti tutti baciati dalle leggi demenziali di renzi

  3. Andrea Martini ha scritto:

    Endorsement superfluo.

  4. Salvatore Platania ha scritto:

    parenti ……….amici di merenda…..e compare di cuppola.

  5. Selmo Il Colo ha scritto:

    ma si fanno le pugnette a vicenda? minchia che squallore!!!

  6. Robert Mc Klusky ha scritto:

    La sua mano evidenzia la grrrande manovra che sta attuando.

  7. Lamberto Giusti ha scritto:

    erano tutti suoi parenti…

  8. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Certo mezza pagina del “Corriere

  9. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Certo mezza pagina del Corriere della sera nom se la possono permettere i normali lavoratori che sostengono Renzi.

  10. Fulvio Ugo De Lucis ha scritto:

    lettera a apagamento

Lascia un commento