•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 10 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Il PD lacerato: tra dissidenti e rischio espulsioni

fassina bersani minoranza pd

Dopo il Jobs Act, la resa dei conti. E’ questo quanto emerge dalle vicende interne al PD nelle ultime settimane, in particolar modo dopo l’accelerazione della maggioranza renziana sul Jobs Act e sull’articolo 18. E le parole di Bersani – che avrebbe preferito dare la priorità alla lotta all’evasione piuttosto che alle riforme del lavoro – sono solo l’ultimo tassello della guerra fredda interna al partito.

TENSIONE – Nonostante lo stesso ex segretario smentisca l’idea di “dare una coltellata a Renzi”, il passaggio del Jobs Act alla Camera potrebbe confermare i profondi dissensi in seno al Partito Democratico. E c’è chi, come il quotidiano leghista ‘La Padania’, parla già dell’eventualità di “Purghe Democratiche“, giocando con le iniziali “PD”.

DISSIDENTI – Di certo va registrato il malumore della maggioranza nei confronti dell’atteggiamento tenuto sul Jobs Act dai senatori Mineo, Ricchiuti e Casson. E se il premier preferisce concentrarsi sull’atteggiamento “responsabile” di Walter Tocci – che ha annunciato di voler risolvere il proprio disagio non facendo mancare la fiducia al testo sul lavoro ma dimettendosi subito dopo – ringraziandolo e sperando di fargli cambiare idea, tocca al suo vice, Lorenzo Guerini, affondare il colpo contro gli altri dissidenti. Nell’annunciare che l’astensione dei dissidenti sul Jobs Act “sarà affrontata nell’assemblea del gruppo Pd a Palazzo Madama”. Guerini sottolinea che “non partecipare a un voto di fiducia che è politicamente molto significativo mette in discussione i vincoli di relazione con la propria comunità politica”. Si sbilancia anche il ‘mite’ Roberto Giachetti, che chiede misure “formali verso chi ha scelto di non votare la fiducia mettendo a rischio la tenuta stessa del governo”.

Corradino Mineo, uno dei senatori ribelli

CIVATI E FASSINA – Dinanzi allo spettro dell’espulsione – che non preoccupa certo Mineo, che a tempo debito ha bollato il tutto con un eloquente “mi caccino pure” – si erge la protesta di Pippo Civati: “Non si può avere un partito all’americana, con eletti con le primarie, e poi immaginare che ci sia una disciplina di stampo sovietico”. E poi aggiunge: “Se ci sarà un intervento disciplinare, si aprirà un bel dibattito sulla democrazia interna”. Dopo aver stroncato per l’ennesima volta il Jobs Act – “nessuno ha detto che ci candidavamo a governare il Paese per cancellare l’articolo 18” – Civati avverte: “Se sul jobs act metteranno la fiducia anche alla Camera, io non la voterò”. Ancor più duro Stefano Fassina – che aveva già annunciato di non voler votare il Jobs Act senza opportune modifiche – che ha deciso addirittura di scendere in piazza accanto alla Cgil e contro il Governo. Altro che provvedimenti disciplinari: la frattura insanabile sembra sempre più vicina.

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] È stata rinviata l’assemblea dei senatori del Pd a Palazzo Madama, convocata per valutare il comportamento dei tre parlamentari che non avevano votato la fiducia sul Jobs Act. La riunione è stata rinviata alla prossima settimana, probabilmente dopo la direzione del Pd nella quale si discuterà del partito. Mineo e altri esponenti del Pd avevano disertato il voto di fiducia. Comportamento che aveva mandato su tutte le furie il premier e segretario Matteo Renzi. […]