•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 15 aprile, 2014

articolo scritto da:

Mercati tiepidi alle nuove nomine dei vertici Finmeccanica, Eni, Enel

borse stabili

Non è servito Mauro Moretti a Finmeccanica, Emma Marcegaglia all’Eni, Luisa Todini alle Poste ed altre figure chiave in altrettanti settori strategici: la Borsa milanese non risponde positivamente all’iniziativa di rinnovo targata Renzi-Padoan.

Sono Wall Street, attraverso il Dow Jones (+0,9%), e Tokio (+0,62%) a salire. Contrariamente Milano chiude in rosso. Sintomo che, forse, le nomine governative non convincono fino in fondo: calano Enel, Finmeccanica e Terna. Al contrario cresce l’Eni . Per un totale negativo, tuttavia. Infatti Piazza Affari segna un -0,9%. A questo si aggiunge anche l’incertezza su colui (o colei) che succederà a Moretti alle Ferrovie dello Stato. Insomma, una situazione di dubbio generale per i mercati, i quali ancora non sanno come valutare le sostituzioni dirigenziali ed aspettano altre iniziative come il varo del Decreto Economico e Finanziario (DEF).

Ad un passo dal baratro

Ma è comunque una situazione generale, quella del vecchio continente, a non andare: l’indice Zew, ovvero un valutatore che certifica le aspettative economiche delle imprese tedesche, è sceso del 3,5%, facendo registrare una diminuzione di 0,25 della borsa di Francoforte. Quindi Londra e Parigi non portano a casa alcun risultato di grande prospettive. E ne risente l’euro, calato sotto quota 1,38 nel cambio col dollaro: 1,3795 l’odierna valutazione con la moneta statunitense.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento