•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Serbia-Albania sospesa: a Belgrado vincono l’odio e la violenza

serbia-albania-odio-violenza-belgrado

La notte di Belgrado riapre una ferita mai del tutto chiusa, un doloroso capitolo di storia mai dimenticato. Serbia-Albania, gara valevole per le qualificazioni ad Euro 2016, riaccende quei pericolosi bollori nazionalistici in una regione già martoriata da anni di guerre e di odio. La violenza di quelle immagini, che in pochi secondi hanno fatto il giro del mondo, riporta alla mente uno dei più sanguinosi conflitti dell’ultimo ventennio, la guerra del Kosovo.

CAOS – Il calcio subisce, ancora una volta, un duro colpo. Che l’incontro tra la nazionale serba e quella albanese rappresentasse una seria minaccia per l’ordine pubblico, era cosa piuttosto risaputa. Nessuno ( o pochi ) avrebbero però immaginato che i ragazzi del nostro Gianni De Biasi fossero costretti ad abbandonare l’impianto dove il Partizan Belgrado disputa gli incontri casalinghi, in elicottero. Sì, avete capito bene: è grazie all’intervento dell’esercito serbo che l’Albania è riuscita a raggiungere l’aeroporto della capitale serba a tarda notte. Ma andiamo con ordine: siamo al 42’ del primo tempo, tra Serbia ed Albania nessun goal, è ancora 0 a 0. Improvvisamente un drone con una bandiera inneggiante all’indipendenza del Kosovo, sorvola il terreno di gioco, tra i fischi e gli insulti del pubblico.

drone-serbia-albania

Il serbo Stefan Mitrovic riesce ad afferrare la bandiera ed il drone, ma in pochi minuti si scatena l’inferno dentro e fuori il terreno di gioco: il giocatore viene accerchiato e malmenato dai giocatori albanesi.

mitrovic-serbia-albania

La situazione diventa fuori controllo quando intervengono pure i tifosi serbi, tra i quali Ivan Bogdanov, appena uscito dal carcere e noto alle Forze dell’Ordine italiane per i fattacci durante Italia-Serbia di quattro anni fa. L’incontro viene definitivamente sospeso dal fischietto inglese Atkinson dopo oltre mezzora di vergogna, con la nazionale albanese costretta a rinchiudersi negli spogliatoi per le minacce dei serbi.

ivan-bogdanov-serbia-albania

VERGOGNA – “Non ho mai visto una cosa del genere, quattro dei nostri giocatori sono stati picchiati da diversi tifosi e anche da qualche poliziotto serbo”: sono queste le parole del cittì dell’Albania Gianni De Biasi appena atterrato a Tirana. Il premier albanese Edi Rama condanna i fatti, definendoli “vergognosi” ed elogia i giocatori: “Avete vinto voi ieri sera”. Immediata e durissima la replica da Belgrado, dove il Ministro degli Esteri Ivica Dadic accusa gli ideatori di questa “provocazione politica premeditata” e chiede all’Unione Europea di intervenire. “Se la cosa fosse successa a Tirana con un nostro drone e la bandiera della Serbia”, dichiara, “sarebbe già intervenuto il Consiglio di Sicurezza dell’Onu”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento