•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 19 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Consulta, Napolitano nomina i due giudici di sua competenza

napolitano deposizione processo stato mafia

Da un lato la lentezza infinita del Parlamento, dall’altro la velocità del Presidente della Repubblica. Giorgio Napolitano ha nominato a tempo di record i due giudici della Consulta di sua competenza (ai sensi dell’art. 135 della Costituzione). Si tratta di Daria De Pretis, ordinario di diritto amministrativo all’Università degli Studi di Trento, e Nicolò Zanon, ordinario di diritto costituzionale all’Università degli Studi di Milano.

I due nuovi membri della Corte Costituzionale andranno a sostituire Sabino Cassese e Giuseppe Tesauro, in scadenza il prossimo 9 novembre. La velocità di Napolitano cozza in maniera clamorosa con le lungaggini del Parlamento, arrivato alla ventesima votazione a vuoto. Proprio per questo il Capo dello Stato ha invitato ancora una volta le camere ad accelerare: “Il presidente della Repubblica auspica – si legge nel documento – che le sue nomine possano essere rapidamente seguite dall’elezione dei due Giudici Costituzionali di nomina parlamentare, per la quale si sono già tenacemente impegnati i Presidenti delle due Camere”. 

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da:

5 comments
Rita Mariani
Rita Mariani

Giorgio ...duce? Neanche i lacci delle scarpe

Giuseppe Perdichizzi
Giuseppe Perdichizzi

Parlate un po' del magnifico Zanon, nominato dal pregiudicato di Arcore e non certo dal vecchio complice duce del quirinale.