•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 20 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Nigeria: Bring Back Our Girls, forse qualche speranza

In Nigeria è stato annunciata una tregua tra il governo federale e Boko Haram. All’interno di questa intesa c’è anche un accordo per la liberazione delle liceali rapite a Chibok, nello stato del Borno, nell’aprile scorso.

In Nigeria si avvicinano le elezioni che si terranno a febbraio e sono cominciate le grandi manovre. Ma nonostante ormai tutto ciò che accade vada visto con la logica delle elezioni, l’accordo annunciato potrebbe essere verosimile e, più o meno presto, una parte delle ragazze sequestrate potrebbero essere liberate.

Dico “una parte” perché molte di loro saranno già state “vendute” o “sposate forzatamente” in Nigeria o oltre confine.

Da aprile sono passati quasi sei mesi ed è improbabile che siano state tenute tutte assieme e che si sia resistito alla tentazione o alle richieste di qualche notabile, di qualche finanziatore o di qualche religioso esigente. Ma nonostante tutto una intesa sarebbe positiva e potrebbe essere, come detto, realistica.

Nigeria 2

Photo by Nina Matthews PhotographyCC BY 2.0

Da circa un mese non si hanno notizie del sanguinario capo di Boko Haram, quell’Abubakar Shekau che è stato dato per morto in un combattimento sulla frontiera con il Camerun.

La sua uccisione non è mai stata né smentita né confermata ma vista la propensione di questo personaggio ad apparire in video postati su internet, la notizia potrebbe essere vera. Almeno lui, o qualche suo fedelissimo, avrebbe dovuto smentire.

Inoltre la tregua e la possibile liberazione delle ragazze è stata diffusa dopo una trattativa, pare con la mediazione del Ciad. Una trattativa condotta da un certo Danladi Ahamadu, personaggio sconosciuto finora che si è auto definito segretario generale di Boko Haram.

Questa notizia potrebbe confermare la morte di Abubakar Shekau o la sua uscita di scena a vantaggio di un personaggio o di una fazione più moderata o più favorevole al negoziato.

Infine a supportare queste ipotesi ci sarebbe il fatto che da circa un mese Boko Haram ha rallentato sensibilmente il ritmo e la gravità dei suoi attacchi in Nigeria. Insomma gli elementi per essere ottimisti ci sono tutti ma nonostante questi bisogna essere cauti.

Boko Haram è sempre stata una organizzazione surreale, sanguinaria e molto rissosa al suo interno. Gli accordi potrebbero essere stati fatti con una fazione non maggioritaria o che non ha in mano il comando, o che militarmente non è in grado di guidare l’organizzazione. Solo il tempo potrà farci capire. Ma almeno qualcosa si è mosso.

Immagine in evidenza: photo by Tim GreenCC BY 2.0

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento