•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 29 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Deposizione Napolitano, tutti i particolari “Bombe erano ricatto di Cosa Nostra”

deposizione napolitano

Se qualcuno si aspettava che Giorgio Napolitano si sarebbe celato dietro la facoltà di non rispondere, è rimasto senz’altro deluso. Il Capo dello Stato ha infatti fornito una deposizione andando anche al di là di quelli che potevano essere i confini posti dalla Corte di Assise di Palermo.

Napolitano, né i pm saliti al Colle, hanno pronunciato la parola “trattativa”. Le prime domande al Capo dello Stato sono state fatte dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi. Napolitano, invitato a parlare dei suoi rapporti con D’Ambrosio, ha riconosciuto nell’ex consigliere un “fedele servitore dello Stato”. Ha poi aggiunto “Ci davamo del Lei, il nostro era un rapporto di lavoro”. Sull’eventualità di aver appreso da D’Ambrosio di accordi poco leciti, il Presidente della Repubblica ha dato una secca smentita.

deposizione napolitano

DEPOSIZIONE NAPOLITANO: LE BOMBE

Hanno fondamentale nell’impianto accusatorio è senz’altro il 1993. Era il periodo delle bombe alle basiliche di Roma, dell’attentato in via Palestro a Milano e del lungo black out a Palazzo Chigi. Furono proprio quelle intimidazioni, secondo la procura, a portare i vertici dello Stato a scendere a compromessi con i boss mafiosi: 300 provvedimenti di 41 bis per i capi mafia revocati. La ricostruzione di Napolitano è stata lucida. Il Capo dello Stato ha ricordato di quanto in merito alle bombe gli aveva confidato l’allora presidente del Consiglio Ciampi e del suo timore di subire un golpe. Era sensazione comune che la strategia di Cosa Nostra avrebbe portato ad un aut aut nei confronti dello Stato. Un vero e proprio “ricatto di Cosa Nostra” verso le istituzioni, paventato dal pm Di Matteo e confermato da Napolitano nel corso della sua deposizione.

A chiudere l’interrogatorio sono state le domande dei legali di Nicola Mancino e del boss Totò Riina. Il difensore di quest’ultimo ha puntato il dito verso il trattamento particolare riservato a Napolitano: “Ha potuto consultare le carte. A un teste qualunque non è consentito”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments

Trackbacks

  1. […] Grillo torna ad attaccare il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ieri ha testimoniato nel processo sulla trattativa Stato-Mafia. “Un presidente della Repubblica che fa distruggere i nastri delle conversazioni con un indagato […]