•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 10 novembre, 2014

articolo scritto da:

Rapporto SVIMEZ: al Sud 1/3 dei lavoratori del Nord, ma con la crisi l’occupazione crolla di più

L’ultimo aspetto del rapporto SVIMEZ è forse quello più importante: l’occupazione. Il tracollo demografico ed economico non poteva certo non influire sulle persone e il loro lavoro, anzi l’impatto occupazionale è stato probabilmente più che proporzionale. Vediamo come.

Nonostante la popolazione del Sud sia la metà di quella del Nord e l’occupazione sia poco più di un terzo (il 26% contro il 73%), sono stati quasi 600 mila i posti di lavoro persi al Mezzogiorno, contro i 400 mila al Centro Nord.

 posti di lavoro sud

E proprio nel 2013 mentre al Nord c’è una ripresa, con 76 mila posti in più al Sud vi è un calo di 90 mila

posti di lavoro 2013 sud

Per la prima volta l’occupazione totale regolare al Sud scende sotto soglia 6 milioni, toccando un minimo assoluto, mentre al Centro-Nord è si è tornati indietro solo di 6 anni e non è stato cancellato il grande aumento di occupazione avvenuto da 1995 in poi:

 occupazione assoluta

Colpisce come questa crisi, soprattutto nella sua seconda parte dal 2012 abbia colpito anche e soprattutto in Italia come già in Europa proprio i più deboli, le aree già più depresse, laddove evidentemente vi erano i posti di lavoro meno produttivi, nonostante i salari non certo elevati. E’ stato dato il colpo di grazia a un modello già fragilissimo.

Il risultato è che il Sud scivola ulteriormente nelle classifiche europee anche rispetto a Paesi come la Grecia, nell’occupazione: il 45,6% di lavoratori sulla popolazione tra i 20 e i 64 anni è inferiore al 53, 2% greco, e soprattutto lo è il 33,1% delle donne, rispetto al 43,3% greco. Sono valori più mediorientali che europei:

 occupazione e europa

In particolare è il lavoro giovanile ad essere stato penalizzato con l’occupazione tra i 15 e i 34 anni che è calata del 12%, contro il 9% del Centro Nord, anche se si partiva già da valori molto più bassi. Il risultato è che solo il 21,6% delle donne sotto i 34 anni lavora al Sud.

 occupazione giov sud

Quello che caratterizza il Mezzogiorno è soprattutto il tasso di inattività, ovvero di coloro che non lavorano e non stanno cercando, così che anche il tasso di attività, quello che include anche i disoccupati, è bassissimo per le donne, il più basso in Europa, con la Sicilia che vede solo il 35% delle donne attive, contro l’80% raggiunto a Stoccolma o il 66% dell’Emilia Romagna.

 partecipazione femminile

Quello che emerge, e che è qualcosa di poco mutabile in pochi anni, è l’elemento sociale e culturale e non solo economico del problema, quindi il lavoro nero e lo sfruttamento, lo scoraggiamento e la poca coscienza sociale, anche della propria condizione e dei propri diritti. O il ruolo della famiglia e i meccanisimi, sia positivi che negativi, che questa mette in atto nel Mezzogiorno. I freddi dati sul lavoro sono spesso solo l’iceberg che emerge da un sostrato profondissimo poco scavato e spesso poco scavabile.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento